Giornate FAI di Primavera
Sabato 23 e domenica 24 marzo 2024
CASTELLO DI AVIO

CASTELLO DI AVIO

SABBIONARA D'AVIO, TRENTO

Condividi
CASTELLO DI AVIO
Loading

In caso di particolare affluenza l’ingresso al luogo potrebbe non essere garantito.

Sulla sommità di uno sperone del Monte Vignola, che domina la Vallagarina solcata dall'Adige, si erge da oltre dieci secoli uno dei castelli più antichi del Trentino, appartenuto quasi ininterrottamente alla nobile famiglia dei Castelbarco. Il complesso, ben evidente anche a distanza, si raggiunge con un percorso tra i vigneti e l'uliveto. L'area verde intorno alle mura è un susseguirsi di terrazze sostenute da muretti di pietra, addolcite da filari di viti e slanciati cipressi.

Donato al FAI da Emanuela di Castelbarco Pindemonte Rezzonico, nel 1977, il Castello di Avio è un maestoso circuito di torri e mura merlate in un complesso fortilizio concepito per il controllo strategico della valle dell'Adige, ma anche scrigno di un rigoglioso giardino e di preziosi e vivaci cicli pittorici "giotteschi" dedicati all'amore e alla guerra.

Le arti militari sono celebrate nel primo edificio da delicate decorazioni e interessanti affreschi, capaci di offrire un autentico spaccato della vita cavalleresca del tempo, mentre nel Mastio è l'amor cortese che trionfa. Nella celebre "Camera di Amore", tra strali che trafiggono il cuore di una dama elegantemente abbigliata e di un cavaliere appassionato, Amore cavalca un impetuoso destriero infondendo a tutto l'ambiente un ritmo vivace.

COSA SCOPRIRETE DURANTE LE GIORNATE FAI?

L'apertura del Castello di Avio nelle Giornate FAI di Primavera 2024 prevede visite in autonomia alla scoperta di uno dei manieri più suggestivi del Trentino. L'ingresso al Castello sarà a contributo libero. All'interno del Castello ci sarà anche la possibilità di degustare i prodotti FAI e i vini della Cantina Sociale di Avio.

Testo scritto da FAI Castello di Avio

Aperture vicine

I TESORI DI TESERO - VISITA POMERIDIANA

TESERO, TRENTO

PALAZZO TRENTINI - D'ARCO

COMANO TERME, TRENTO

CASTEL DRENA

DRENA, TRENTO

PALAZZO TRENTINI D'ARCO - COLLEZIONE DI GIOIELLI ETNICI

COMANO TERME, TRENTO

CHIESA DI SANTA CROCE

SANTA CROCE, TRENTO

L' "ORO" DI TAIO

TAIO, TRENTO

CHIESA DI SAN FELICE A BONO

COMANO TERME, TRENTO

CASTEL RESTOR

DUVREDO, TRENTO

Vuoi saperne di più su questo luogo?
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
CASTELLO DI AVIO | ph. Martina Vanzo | © FAI - Fondo Ambiente Italiano

Castello di Avio

Una roccaforte all’ingresso del Trentino

English Version
Condividi
Castello di Avio

tipologia

Bene aperto al pubblico

contatti

0464 684453
faiavio@fondoambiente.it

Un maestoso circuito di torri e mura merlate in un complesso fortilizio concepito per il controllo strategico della valle dell’Adige, ma anche scrigno di un rigoglioso giardino e di preziosi e vivaci cicli pittorici “giotteschi” dedicati all’amore e alla guerra.

Donato al FAI da Emanuela di Castelbarco Pindemonte Rezzonico, nel 1977

READ THE ENGLISH VERSION

Sulla sommità di uno sperone del Monte Vignola, che domina la Val Lagarina solcata dall’Adige, si erge da oltre dieci secoli uno dei castelli più antichi e suggestivi del Trentino, appartenuto quasi ininterrottamente alla nobile famiglia dei Castelbarco che nel corso del Medioevo trasformò la fortezza in una piccola corte feudale, meta di artisti e intellettuali. Alla grandiosità del complesso, evidente anche a distanza grazie all’impatto visivo del perimetro di mura merlate e torrioni che oggi cingono un rigoglioso giardino di viti e cipressi, si contrappone la leggiadria degli straordinari affreschi che decorano gli interni della Camera dell’Amore e del Mastio dalla metà del Trecento. Mentre la guerra e le arti militari sono celebrate nel primo edificio da delicate decorazioni e interessanti affreschi, capaci di offrire un autentico spaccato della vita cavalleresca del tempo, nel Mastio è l’amor cortese che trionfa. Nella celebre “Camera di Amore”, tra strali che trafiggono il cuore di una dama elegantemente abbigliata e di un cavaliere appassionato, Amore cavalca un impetuoso destriero infondendo a tutto l’ambiente un ritmo vivace. Il complesso si raggiunge con un percorso che si snoda tra i vigneti e che costeggia la cinta meridionale. L’ampio declivio che si apre al visitatore è un susseguirsi di terrazze sostenute da muretti di pietra, addolcite da filari di viti e slanciati cipressi. Avio è un luogo di inaspettati contrasti, ideale anche per i più piccoli che, attraverso il coinvolgimento di percorsi-gioco, possono divertirsi a conoscere le storie e i personaggi che lo hanno animato nei secoli.
 

Leggi tutto
Scopri il Castello di Avio attraverso il racconto di GEO
Guarda il servizio che RAI 3 ha dedicato a questo luogo
Loading

Da non perdere

Vista sul Castello di Avio, CASTELLO DI AVIO, AVIO (TN )
La sorpresa dell'arrivo

L’impatto scenografico del Castello illuminato, percorrendo di notte la Valle dell’Adige, da Verona a Trento.

Arcieri, CASTELLO DI AVIO, AVIO (TN )
Il ciclo di affreschi trecenteschi

Raffinati e vivacissimi, svelano il Medioevo di dame e cavalieri celebrando le arti della guerra e dell’amor cortese.

Vista sulla Val D'Adige, CASTELLO DI AVIO, AVIO (TN )
La vista sulla Val d'Adige

Il panorama straordinario della Val Lagarina solcata dall’Adige che si coglie dalla cima altissima del Mastio.

Giochi al Castello, CASTELLO DI AVIO, AVIO (TN )
Le attività per le famiglie

I percorsi-gioco per scoprire in modo coinvolgente la storia, i personaggi e l’architettura del Castello, spesso arricchiti da animazioni, spettacoli...

Leggi tutto
Castel Beseno, CASTELLO DI AVIO, AVIO (TN )
I castelli della Val Lagarina

Un affascinante itinerario tra le antiche fortezze di questa valle ricca di borghi, vigneti e frutteti: da Castel Noarna a Castel Corno, da Castel Pietra...

Leggi tutto
Questo luogo è uno dei Beni che il FAI ha restaurato con cura e aperto al pubblico, perché tutti possano scoprirlo e amarlo.

Per mantenerlo intatto e curarlo in modo adeguato, questo luogo - come tutti gli altri salvati dal FAI - necessita di un’attenta manutenzione, sia ordinaria che straordinaria, e periodici interventi di restauro. Inoltre, i costi di gestione che permettono l’apertura al pubblico sono significativi. Per questo abbiamo bisogno di un aiuto concreto da parte di chi, come noi, vuole mantenere vivi per sempre luoghi unici e speciali.

Ultime News

Attualità

Una passeggiata nel tempo e nel bello

2024-05-17

Il sig. Volpi, iscritto al FAI da 21 anni, ha deciso di sostenere la Fondazione attraverso le adozioni in memoria. Immagina una passeggiata ...

Eventi

Due fine settimana dedicati alle “Camminate nella biodiversità”

2024-05-14

In occasione della Giornata mondiale della biodiversità, 22 maggio, il FAI promuove per il secondo anno le “Camminate nella biodiversità”, c...

Attualità

Lo stato di salute degli insetti impollinatori indica la qualità degli habitat

2024-05-09

«Nei giardini dei Beni FAI vi è un’elevata attenzione alla biodiversità: piante, cespugli e alberi vengono scelti e piantumati per creare un...

Attualità

Dalle Alpi al Mediterraneo la Terra che resiste

2024-04-19

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, il FAI vuole celebrare quelle pratiche agricole eroiche che si prendono cura dei territori...

Ti potrebbero interessare

Castel Grumello

MONTAGNA VALTELLINA, SONDRIO

Due castelli gemelli, in una balconata con una vista unica sulla Valtellina

Villa dei Vescovi

LUVIGLIANO DI TORREGLIA, PADOVA

Il Rinascimento sui Colli Euganei
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te