ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PRIORATO DI SANT'ANDREA

PRIORATO DI SANT'ANDREA

PIAZZA ARMERINA, ENNA

48°

POSTO

2,732

VOTI 2022
Condividi
PRIORATO DI SANT'ANDREA
Il complesso, denominato Gran Priorato di Sant’Andrea, sorge appena all’esterno dell’agglomerato urbano di Piazza Armerina e si presenta come un insieme articolato di volumi chiusi e compatti. I pochi resti dell’antico cenobio dei canonici sono inglobati in un edificio annesso, ma non attaccato come in origine, alla chiesa. Questa è invece rimasta integra ed è tuttora leggibile nella sua morfologia originaria: una ecclesia munita, a navata unica con transetto sporgente e abside centrale affiancata da due laterali. La facciata si apre sulla valle con una scalinata sull’irta scarpata; l’ingresso alla chiesa avviene infatti dagli accesi laterali sulla spianata meridionale. La robusta massa muraria è dominata dal campanile quadrato, che ne esalta l’aspetto compatto interrotto solo dalle essenziali aperture. La scala che sale al campanile consente l’accesso al claristorio, in parte ancora esistente. L’interno della chiesa conserva un notevole apparato di affreschi, che vanno dal sec. XII fino agli inizia del sec. XVI; questo insieme costituisce un documento importante per l’evoluzione della pittura medievale in Sicilia, e dei suoi rapporti con la produzione artistica italiana ed europea. La struttura architettonica della chiesa, come la decorazione scultorea e gli affreschi nonché il corredo delle suppellettili, testimoniano la ricchezza del sito e l’intensità dei rapporti economici, politici e culturali intrattenuti per secoli da coloro cui fu affidato il complesso del Gran Priorato di Sant’Andrea. Dal 30 novembre la chiesa 1148 la chiesa, edificata nell’ultimo decennio del sec. XI, e le relative pertinenze furono affidate da Simone Aleramico, congiunto del re Ruggero II e capo supremo dell’esercito normanno, all’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Nel medioevo la città di Piazza Armerina era un importante incrocio dei principali assi viari che attraversavano la Sicilia e pertanto, all’epoca delle crociate, fu sede di diversi ordini militari e cavallereschi. Proprio a Sant’Andrea i pellegrini e i crociati, non solo di Sicilia, si davano convegno per imbarcarsi verso la Terra Santa da Gela ovvero da altri porti siciliani. Ancor oggi la chiesa Sant’Andrea è sede della Delegazione di Piazza Armerina dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme ed è un luogo frequentato da turisti e pellegrini; il complesso presenta infatti notevole potenzialità di sviluppo, soprattutto dopo la recente conclusione dei lavori di restauro dell’edificio. Oltre la vocazione a sede privilegiata di eventi culturali, nella chiesa si svolgono importanti celebrazioni religiose, soprattutto legate alla attiva presenza dei cavalieri del Santo Sepolcro. Tra gli eventi ricorrenti si segnala quello che si svolge ogni anno nella mattina del Venerdì Santo: dal centro della città si snoda un partecipato pellegrinaggio, che ha simbolicamente valore come visitare i luoghi della Passione di Cristo a Gerusalemme; a questo rito, caratterizzato dal “canto dei sette salmi”, partecipa il vescovo della diocesi di Piazza Armerina insieme ai cavalieri del Santo Sepolcro, il clero, le confraternite e moltissimi fedeli (e non) provenienti non soltanto dalla città ma anche dal territorio limitrofo e da altri centri della Sicilia. Se la città di Piazza Armerina è nota in tutto il mondo per i mosaici della Villa Romana del Casale, grazie alle potenzialità del complesso del Gran Priorato di Sant’Andrea e dei suoi affreschi medievali, si potrà coniare lo slogan: PIAZZA ARMERINA, NON SOLO MOSAICI!

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Testimonial che sostengono questo luogo

Alessandro Cremona

Attore

Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

1,895° Posto

45 Voti
Censimento 2016

6,864° Posto

9 Voti
Censimento 2012

3,489° Posto

4 Voti
Censimento 2010

4,351° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

915°
71 voti

Area naturale

BOSCO DI PIAZZA ARMERINA

PIAZZA ARMERINA, ENNA

1,247°
50 voti

Castello, rocca

CASTELLO ARAGONESE (XIV SEC.)

PIAZZA ARMERINA, ENNA

1,454°
42 voti

Chiesa

CATTEDRALE DI PIAZZA ARMERINA

PIAZZA ARMERINA, ENNA

1,426°
43 voti

Borgo

CENTRO STORICO PIAZZA ARMERINA

PIAZZA ARMERINA, ENNA

Vota altri luoghi simili

26°
4,354 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIACOMO DELLA VITTORIA

ALESSANDRIA

30°
3,949 voti

Chiesa

SANTA LIMBANIA

ROCCA GRIMALDA, ALESSANDRIA

31°
3,880 voti

Chiesa

CHIESA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE

PISTICCI, MATERA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PRIORATO DI SANT'ANDREA

PIAZZA ARMERINA, ENNA

Condividi
PRIORATO DI SANT'ANDREA
Il complesso, denominato Gran Priorato di Sant’Andrea, sorge appena all’esterno dell’agglomerato urbano di Piazza Armerina e si presenta come un insieme articolato di volumi chiusi e compatti. I pochi resti dell’antico cenobio dei canonici sono inglobati in un edificio annesso, ma non attaccato come in origine, alla chiesa. Questa è invece rimasta integra ed è tuttora leggibile nella sua morfologia originaria: una ecclesia munita, a navata unica con transetto sporgente e abside centrale affiancata da due laterali. La facciata si apre sulla valle con una scalinata sull’irta scarpata; l’ingresso alla chiesa avviene infatti dagli accesi laterali sulla spianata meridionale. La robusta massa muraria è dominata dal campanile quadrato, che ne esalta l’aspetto compatto interrotto solo dalle essenziali aperture. La scala che sale al campanile consente l’accesso al claristorio, in parte ancora esistente. L’interno della chiesa conserva un notevole apparato di affreschi, che vanno dal sec. XII fino agli inizia del sec. XVI; questo insieme costituisce un documento importante per l’evoluzione della pittura medievale in Sicilia, e dei suoi rapporti con la produzione artistica italiana ed europea. La struttura architettonica della chiesa, come la decorazione scultorea e gli affreschi nonché il corredo delle suppellettili, testimoniano la ricchezza del sito e l’intensità dei rapporti economici, politici e culturali intrattenuti per secoli da coloro cui fu affidato il complesso del Gran Priorato di Sant’Andrea. Dal 30 novembre la chiesa 1148 la chiesa, edificata nell’ultimo decennio del sec. XI, e le relative pertinenze furono affidate da Simone Aleramico, congiunto del re Ruggero II e capo supremo dell’esercito normanno, all’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Nel medioevo la città di Piazza Armerina era un importante incrocio dei principali assi viari che attraversavano la Sicilia e pertanto, all’epoca delle crociate, fu sede di diversi ordini militari e cavallereschi. Proprio a Sant’Andrea i pellegrini e i crociati, non solo di Sicilia, si davano convegno per imbarcarsi verso la Terra Santa da Gela ovvero da altri porti siciliani. Ancor oggi la chiesa Sant’Andrea è sede della Delegazione di Piazza Armerina dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme ed è un luogo frequentato da turisti e pellegrini; il complesso presenta infatti notevole potenzialità di sviluppo, soprattutto dopo la recente conclusione dei lavori di restauro dell’edificio. Oltre la vocazione a sede privilegiata di eventi culturali, nella chiesa si svolgono importanti celebrazioni religiose, soprattutto legate alla attiva presenza dei cavalieri del Santo Sepolcro. Tra gli eventi ricorrenti si segnala quello che si svolge ogni anno nella mattina del Venerdì Santo: dal centro della città si snoda un partecipato pellegrinaggio, che ha simbolicamente valore come visitare i luoghi della Passione di Cristo a Gerusalemme; a questo rito, caratterizzato dal “canto dei sette salmi”, partecipa il vescovo della diocesi di Piazza Armerina insieme ai cavalieri del Santo Sepolcro, il clero, le confraternite e moltissimi fedeli (e non) provenienti non soltanto dalla città ma anche dal territorio limitrofo e da altri centri della Sicilia. Se la città di Piazza Armerina è nota in tutto il mondo per i mosaici della Villa Romana del Casale, grazie alle potenzialità del complesso del Gran Priorato di Sant’Andrea e dei suoi affreschi medievali, si potrà coniare lo slogan: PIAZZA ARMERINA, NON SOLO MOSAICI!
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te