ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
MONASTERO SANTA CHIARA

MONASTERO SANTA CHIARA

ORISTANO

30°

POSTO

8,094

VOTI
Condividi
MONASTERO SANTA CHIARA
Nel 1343 venne edificato il complesso conventuale di Santa Chiara ad opera del giudice Pietro III d’Arborea, eretto su una preesistente chiesa dedicata a San Vincenzo. La chiesa, edificata in forme gotiche, conserva ancora l’antica abside e non pochi avanzi dell’antico monastero. Nell’arcone dell’abside e in un concio situato nella facciata della chiesa, sopra la porta d’ingresso, sono ancora evidenti gli emblemi della famiglia regnante. Tra i preziosi frammenti di affreschi trecenteschi conservati all’interno, uno sembra riprodurre il giudice Mariano IV, che pone il primogenito, futuro giudice Ugone III, sotto la protezione della Santa. Si conserva inoltre l’importante iscrizione del 1348 che ricorda la sepoltura nel complesso claustrale di Costanza di Saluzzo, moglie del giudice Pietro III. A partire dalla erezione del convento i giudici arborensi stabiliranno un rapporto particolare con il monastero e con la chiesa, da alcuni definita cappella palatina. È del 1356 il documento del pontefice Innocenzo VI che autorizza Timbora di Roccabertì, moglie del Giudice Mariano IV, ad avere libero accesso nel monastero, in compagnia delle due figlie Eleonora e Beatrice, per sette volte l’anno. Con un documento datato 19 aprile 1369, il sovrano Mariano IV fece al monastero una larga donazione annuale in favore di 13 suore, destinando al servizio religioso due suoi cappellani. L’archivio del convento custodisce documenti preziosi, sigilli di abbadesse e registri contabili del XV e XVI secolo

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Testimonial che sostengono questo luogo

Stefano Oppo

Canottiere

Stefano Loddo

Canoista e allenatore della nazionale italiana

Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

30° Posto

8,094 Voti
Censimento 2020

11,430° Posto

12 Voti
Censimento 2018

5,948° Posto

14 Voti

Questo luogo è sostenuto da:

AMICI DEL MONASTERO

Scopri altri luoghi vicini

572°
23 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA PETRONILLA

ORISTANO

572°
23 voti

Costa, area marina, spiaggia

FALESIE DI CAPO MANNU

ORISTANO

587°
8 voti

Area naturale

ORISTANO

ORISTANO

579°
16 voti

Area urbana, piazza

PIAZZA ROMA.

ORISTANO

Scopri altri luoghi simili

21°
10,481 voti

Monastero

CHIESA E MONASTERO DELLA SS. ANNUNZIATA

GENZANO DI LUCANIA, POTENZA

42°
6,894 voti

Monastero

EX-CONVENTO DEI CAPPUCCINI - MONASTERO DEL TERZO MILLENNIO

MESAGNE, BRINDISI

59°
4,706 voti

Monastero

CAMERA DELLA BADESSA (DEL CORREGGIO)

PARMA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

MONASTERO SANTA CHIARA

ORISTANO

Condividi
MONASTERO SANTA CHIARA
Nel 1343 venne edificato il complesso conventuale di Santa Chiara ad opera del giudice Pietro III d’Arborea, eretto su una preesistente chiesa dedicata a San Vincenzo. La chiesa, edificata in forme gotiche, conserva ancora l’antica abside e non pochi avanzi dell’antico monastero. Nell’arcone dell’abside e in un concio situato nella facciata della chiesa, sopra la porta d’ingresso, sono ancora evidenti gli emblemi della famiglia regnante. Tra i preziosi frammenti di affreschi trecenteschi conservati all’interno, uno sembra riprodurre il giudice Mariano IV, che pone il primogenito, futuro giudice Ugone III, sotto la protezione della Santa. Si conserva inoltre l’importante iscrizione del 1348 che ricorda la sepoltura nel complesso claustrale di Costanza di Saluzzo, moglie del giudice Pietro III. A partire dalla erezione del convento i giudici arborensi stabiliranno un rapporto particolare con il monastero e con la chiesa, da alcuni definita cappella palatina. È del 1356 il documento del pontefice Innocenzo VI che autorizza Timbora di Roccabertì, moglie del Giudice Mariano IV, ad avere libero accesso nel monastero, in compagnia delle due figlie Eleonora e Beatrice, per sette volte l’anno. Con un documento datato 19 aprile 1369, il sovrano Mariano IV fece al monastero una larga donazione annuale in favore di 13 suore, destinando al servizio religioso due suoi cappellani. L’archivio del convento custodisce documenti preziosi, sigilli di abbadesse e registri contabili del XV e XVI secolo
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2022
I Luoghi del Cuore
2018, 2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te