ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PIAZZA SALVATORE DI GIACOMO E FONTANA DEGLI INCANTI

PIAZZA SALVATORE DI GIACOMO E FONTANA DEGLI INCANTI

NAPOLI

12,882°

POSTO

3

VOTI 2022
Condividi
PIAZZA SALVATORE DI GIACOMO E FONTANA DEGLI INCANTI
Se via Posillipo fu realizzata tra il 1812 e il 1815 da Gioacchino Murat, questa piazza è stata realizzata e sistemata certamente in epoca successiva visto che si è a conoscenza del fatto che la villa più antica, il casino Valente del 1845, era all'epoca immersa nel verde e la piazza ancora non esisteva in quanto tale. Di enorme pregio e rilevanza la fontana degli Incanti (detta anche fontana della Cöccövàja). La fontana fu costruita nel XVI secolo in piazza dell'Olmo (successivamente Piazza del Porto o del Mercato di Porto), a metà strada tra le attuali piazza Bovio e Piazza Municipio, ovvero nella attuale Via Alcide de Gasperi; la sua storia cominciò quando il viceré Pedro Álvarez de Toledo volle realizzare una struttura idrica per l'approvvigionamento degli abitati del luogo. Fu disegnata da Giovanni da Nola, ma al rifacimento di alcune parti andate distrutte partecipò anche lo scultore Annibale Caccavello che scolpì la statua di Venere. Danneggiata nei tumulti di Masaniello, la fontana venne riportata al nuovo splendore con i rifacimenti di alcune parti realizzate da Francesco Castellano e Antonio Iodice, sotto la supervisione di Francesco Antonio Picchiatti; riparata più volte nel corso del XVIII secolo, nel 1834, l'architetto Pietro Bianchi (l'autore della basilica di San Francesco di Paola) la ricostruì del tutto. La fontana, scampata alle demolizioni del Risanamento, venne smontata e all'inizio del XX secolo ricostruita nell'attuale piazza. Ad oggi, la struttura si presenta priva delle aggiunte ottocentesche del Bianchi che aveva sistemato sul basamento ottagonale; dal basamento s'innalza un pilastro decorato con capitelli floreali sul quale è poggiata una tazza. Curiosità È chiamata "degli Incanti" perché si narra che una potente strega della città, usasse frequentemente l'acqua della fontana per i suoi incantesimi; ed è anche detta della Cöccövàja poiché nel XVI secolo, quando fu scolpito lo stemma del viceré, il popolo vedeva lo stemma come la sagoma di una civetta (dal latino Cocovàja significa civetta).

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

36,346° Posto

1 Voti
Censimento 2018

5,155° Posto

16 Voti
Censimento 2006

2,722° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

1,610°
19 voti

Villa

VILLA ROSEBERY - PARCO E PALAZZINA BORBONICA

NAPOLI

13,133°
3 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

IL MAUSOLEO SCHILIZZI AI CADUTI IN GUERRA A POSILLIPO

NAPOLI

Vota altri luoghi simili

3,668 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

15°
2,085 voti

Area naturale

IL NOSTRO CARSO-NAŠ KRAS

CARSO-KRAS, PROV. TRIESTE-, GORIZIA

20°
1,809 voti

Area naturale

VIA CRUCIS SULLA COLLINA DI SANTA CROCE

SAN DEMETRIO NE' VESTINI, L'AQUILA

22°
1,732 voti

Area naturale

BASALTI COLONNARI DEL PARCO SAN MARCO

GAMBELLARA, VICENZA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PIAZZA SALVATORE DI GIACOMO E FONTANA DEGLI INCANTI

NAPOLI

Condividi
PIAZZA SALVATORE DI GIACOMO E FONTANA DEGLI INCANTI
Se via Posillipo fu realizzata tra il 1812 e il 1815 da Gioacchino Murat, questa piazza è stata realizzata e sistemata certamente in epoca successiva visto che si è a conoscenza del fatto che la villa più antica, il casino Valente del 1845, era all'epoca immersa nel verde e la piazza ancora non esisteva in quanto tale. Di enorme pregio e rilevanza la fontana degli Incanti (detta anche fontana della Cöccövàja). La fontana fu costruita nel XVI secolo in piazza dell'Olmo (successivamente Piazza del Porto o del Mercato di Porto), a metà strada tra le attuali piazza Bovio e Piazza Municipio, ovvero nella attuale Via Alcide de Gasperi; la sua storia cominciò quando il viceré Pedro Álvarez de Toledo volle realizzare una struttura idrica per l'approvvigionamento degli abitati del luogo. Fu disegnata da Giovanni da Nola, ma al rifacimento di alcune parti andate distrutte partecipò anche lo scultore Annibale Caccavello che scolpì la statua di Venere. Danneggiata nei tumulti di Masaniello, la fontana venne riportata al nuovo splendore con i rifacimenti di alcune parti realizzate da Francesco Castellano e Antonio Iodice, sotto la supervisione di Francesco Antonio Picchiatti; riparata più volte nel corso del XVIII secolo, nel 1834, l'architetto Pietro Bianchi (l'autore della basilica di San Francesco di Paola) la ricostruì del tutto. La fontana, scampata alle demolizioni del Risanamento, venne smontata e all'inizio del XX secolo ricostruita nell'attuale piazza. Ad oggi, la struttura si presenta priva delle aggiunte ottocentesche del Bianchi che aveva sistemato sul basamento ottagonale; dal basamento s'innalza un pilastro decorato con capitelli floreali sul quale è poggiata una tazza. Curiosità È chiamata "degli Incanti" perché si narra che una potente strega della città, usasse frequentemente l'acqua della fontana per i suoi incantesimi; ed è anche detta della Cöccövàja poiché nel XVI secolo, quando fu scolpito lo stemma del viceré, il popolo vedeva lo stemma come la sagoma di una civetta (dal latino Cocovàja significa civetta).
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2006, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te