ISCRIVITI A -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASTELLO DI CAPACCIO E CAPUTAQUIS MEDIEVALE

CASTELLO DI CAPACCIO E CAPUTAQUIS MEDIEVALE

CAPACCIO, SALERNO

124°

POSTO

927

VOTI 2023
Condividi
CASTELLO DI CAPACCIO E CAPUTAQUIS MEDIEVALE

Castello di Capaccio Qui si è tenuta la congiura ordita contro Federico II di Svevia nel 1245. "Scoperta la trama, Federico accorse immediatamente nel Regno, mentre i suoi sostenitori avevano già iniziato ad assalire nel Cilento le rocche dei traditori: Sala Consilina fu occupata, Altavilla Silentina rasa al suolo. I congiurati si rifugiarono così nel castello di Capaccio, sperando nell'aiuto del pontefice, ma nel torrido luglio, rimasti privi di acqua, furono alla fine costretti ad arrendersi. Federico fece ben centocinquanta prigionieri. Le punizioni dei traditori furono esemplari e commisurate alla colpa. Mutilati del naso, delle mani e delle gambe, accecati con un ferro ardente perché non potessero più guardare in faccia il loro signore, gli antichi amici furono trascinati al cospetto dello spietato giudice: Federico li condannò, secondo la lex pompeia, come violenti e li trattò da parricidi. Come tali, avendo operato contro natura, furono giustiziati secondo i quattro elementi di essa: alcuni furono trascinati da cavalli sino a morte, altri bruciati vivi, impiccati, infilati in sacchi di cuoio e gettati in mare (secondo la legge romana dei parricidi: Federico fece per di più introdurre nei sacchi dei serpenti velenosi)." di Errico Cuozzo

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

124° Posto

927 Voti
Censimento 2020

246° Posto

1,518 Voti
Censimento 2018

11,751° Posto

7 Voti
Censimento 2016

7,658° Posto

8 Voti
Censimento 2014

2,292° Posto

13 Voti
Censimento 2012

3,489° Posto

4 Voti
Censimento 2010

2,581° Posto

2 Voti

Questo luogo è sostenuto da:

COMITATO CASTELLO DI CAPACCIO

Scopri altri luoghi vicini

533°
3 voti

Area naturale

BOSCO DI GROMOLA

CAPACCIO, SALERNO

533°
3 voti

Area naturale

FOCE DEL SELE

CAPACCIO, SALERNO

527°
9 voti

Fontana

FONTANA DEI 3 DELFINI

CAPACCIO, SALERNO

533°
3 voti

Area archeologica

HEROON (SACELLO IPOGEICO)

CAPACCIO, SALERNO

Scopri altri luoghi simili

19°
5,160 voti

Castello, rocca

CASTELLI TAPPARELLI D'AZEGLIO

LAGNASCO, CUNEO

55°
2,422 voti

Castello, rocca

CASTELLO CHIANOCCO

CHIANOCCO, TORINO

113°
1,028 voti

Castello, rocca

CASTELLO E PARCO DI DONNAFUGATA

DONNAFUGATA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASTELLO DI CAPACCIO E CAPUTAQUIS MEDIEVALE

CAPACCIO, SALERNO

Condividi
CASTELLO DI CAPACCIO E CAPUTAQUIS MEDIEVALE
Castello di Capaccio Qui si è tenuta la congiura ordita contro Federico II di Svevia nel 1245. "Scoperta la trama, Federico accorse immediatamente nel Regno, mentre i suoi sostenitori avevano già iniziato ad assalire nel Cilento le rocche dei traditori: Sala Consilina fu occupata, Altavilla Silentina rasa al suolo. I congiurati si rifugiarono così nel castello di Capaccio, sperando nell'aiuto del pontefice, ma nel torrido luglio, rimasti privi di acqua, furono alla fine costretti ad arrendersi. Federico fece ben centocinquanta prigionieri. Le punizioni dei traditori furono esemplari e commisurate alla colpa. Mutilati del naso, delle mani e delle gambe, accecati con un ferro ardente perché non potessero più guardare in faccia il loro signore, gli antichi amici furono trascinati al cospetto dello spietato giudice: Federico li condannò, secondo la lex pompeia, come violenti e li trattò da parricidi. Come tali, avendo operato contro natura, furono giustiziati secondo i quattro elementi di essa: alcuni furono trascinati da cavalli sino a morte, altri bruciati vivi, impiccati, infilati in sacchi di cuoio e gettati in mare (secondo la legge romana dei parricidi: Federico fece per di più introdurre nei sacchi dei serpenti velenosi)." di Errico Cuozzo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te