progetto

SANTUARIO SANTISSIMO CROCIFISSO

SICULIANA, AGRIGENTO

Condividi
SANTUARIO SANTISSIMO CROCIFISSO

anno censimento

2022

numero voti

13,105

posizione classifica

16

stato del progetto

tipologia

Restauro

Un gioiello di fine 500, carico di devozione, che cela opera di grande valore e sorge nel cuore del centro storico di Siculiana, laddove mare e campagna esprimono al massimo la loro bellezza.

Il Santuario del SS. Crocifisso, sorge nel cuore del centro storico di Siculiana, un paese con meno di cinquemila abitanti, incastonato su un’altura che si specchia nell’azzurro Mar Mediterraneo. I primi insediamenti risalgono ai Sicani. In età romano-punica Siculiana è nota anche per la presenza del "Caricatore", porto specializzato nel commercio del grano, attivo fino alla fine dell’Ottocento. Il paese si trova al limitare della Riserva Naturale Orientata di Torre Salsa (SIC e ZPS).

Il Santuario del SS. Crocifisso fu edificato alla fine del Cinquecento dai Padri Carmelitani, grazie a una concessione da parte di Blasco Isfar y Corillas, barone di Siculiana. La chiesa fu dedicata alla Madonna del Carmelo. Tra la fine del Settecento e i primi dell’Ottocento, grazie alla generosità di don Vincenzo Alfani, fu possibile compiere grandi lavori di ampliamento e di decorazione della chiesa, che si conclusero nel 1813   con la realizzazione del transetto, della cupola, dell'abside, della sagrestia e dell'oratorio.

Il Santuario custodisce, da oltre quattro secoli, la statua lignea nera del Cristo Crocifisso, venerato dai siculianesi che lo festeggiano ogni anno il 3 maggio. Al suo interno si trovano affreschi e tele dell’artista Raffaello Politi (Siracusa, 1783 – Agrigento, 1870); in particolare, nella volta della navata, sono raffigurate “La creazione di Adamo”, “La creazione di Eva” e “Il peccato originale”, ispirate a quelle michelangiolesche della Cappella Sistina. La cupola che si erge all’incrocio del transetto con la navata, è sorretta da un tamburo ottagonale e riporta nella base le immagini di Abele, David, Giacobbe, Noè, Mosé, Giobbe, Abramo e Isacco mentre più in basso sono raffigurati i quattro Evangelisti. Sotto il cornicione perimetrale superiore delle pareti sono sistemati una serie di pregevoli quadri raffiguranti la Via Crucis. Nell’abside si innalza sulla sommità di due scalinate laterali, che abbracciano l’altare maggiore, la tribuna del Crocifisso assieme al reliquario che è rimasto fin dall’inizio senza reliquie. Infine, nella volta dell’abside è rappresentata la suggestiva Ascensione al Cielo di Gesù Cristo. Sopra la porta principale, in un ripiano dominante la navata, si trova anche un immenso organo a canne, messo lì in occasione dell’incoronazione del S.S. Crocifisso, il 3 maggio 1939. All'interno dell’edificio è custodita anche una preziosissima vasca lustrale di origine ebraica, detta “pileta” o “Kior”, che riporta in rilievo gli stemmi reali spagnoli degli Aragona e dei Castiglia, e un'epigrafe ebraica, importanti reperti archeologici medievali che testimoniano la presenza ebrea in Sicilia.       

SCARICA QUI i materiali per promuovere il risultato ottenuto dal tuo Luogo del Cuore

 

progetto
siculiana
siculiana
siculiana
siculiana
siculiana
siculiana
siculiana
siculiana
siculiana
siculiana
siculiana
progetto
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

16° Posto

13,105 Voti
Censimento 2020

25,279° Posto

4 Voti
Censimento 2018

27,334° Posto

2 Voti
Censimento 2016

21,154° Posto

2 Voti
Censimento 2014

10,916° Posto

1 Voti

SANTUARIO SANTISSIMO CROCIFISSO

SICULIANA, AGRIGENTO

Condividi
SANTUARIO SANTISSIMO CROCIFISSO
SANTUARIO SANTISSIMO CROCIFISSO Il Santuario del SS. Crocifisso nonché chiesa madre di Siculiana, fu edificato alla fine del 1500 dai Padri Carmelitani, grazie ad una concessione da parte di Blasco Isfar y Corillas, barone di Siculiana. La chiesa fu dedicata alla Madonna del Carmelo. Tra la fine del 1700 e i primi del 1800, grazie alla generosità di don Vincenzo Alfani, facoltoso notabile del posto, che donò 500.000 lire, e di tanti altri devoti, si poterono compiere grandi lavori di ampliamento e decorazione della chiesa che si conclusero nel 1813 con la realizzazione del transetto, della cupola, dell'abside, della sagrestia e dell'oratorio. Verso la metà del 1800 anche il vescovo di Agrigento Mons. Domenico Maria Lo Jacono, si impegnò ad ampliare ed arricchire la chiesa del suo paese natale con la costruzione dell’oratorio. Su uno dei muri esterni dell'edificio è ancora visibile lo stemma vescovile scolpito su pietra. Il Santuario custodisce, da oltre 4 secoli, la statua lignea nera del Cristo Crocifisso, venerato dai siculianesi che lo festeggiano solennemente ogni anno il 3 maggio. Il Santuario da sempre è meta di pellegrini provenienti da tutte le parti del mondo. È scelto da tanti sposi per la celebrazione del loro matrimonio. Al suo interno si trovano affreschi e tele del Politi. In particolare, nella volta della navata Raffaello Politi, ispirandosi all'opera della celebre Cappella Sistina di Michelangelo, ha raffigurato: “La creazione di Adamo”, “La creazione di Eva” e “Il peccato originale”. All'interno della cappella del Battistero è custodita una preziosissima vasca lustrale di origine ebraica originariamente utilizzata per le abluzioni. Su tale vasca, detta “pileta” o “Kior”, sono scolpiti in bassorilievo i blasoni dei casati degli Aragona e dei Castiglia, reali di Spagna e vi è incisa una epigrafe in ebraico oggetto di studi e ricerche. A corredo della vasca vi sono delle magnifiche formelle in alabastro raffiguranti scene dell’Antico Testamento. La loggia sovrastante l'ingresso della navata accoglie un magnifico organo a canne del 1939.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2022
I Luoghi del Cuore
2014, 2016, 2018, 2020, 2022

News

Attualità

Tradizioni: sei Luoghi del Cuore avranno nuova vita

2023-12-18

Il 13 dicembre sono stati annunciati i ventitré luoghi che avranno nuova vita grazie ai progetti sostenuti dal FAI in collaborazione con Int...

Attualità

Ventitré Luoghi del Cuore avranno una nuova vita

2023-12-13

Ventitré luoghi e ventitré storie speciali per raccontare un’Italia che difende il patrimonio culturale e ama il proprio territorio sostenut...
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te