Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
MURA E SOTTERRANEI DI LECCO

MURA E SOTTERRANEI DI LECCO

LECCO

182°

POSTO

1,593

VOTI 2020
MURA E SOTTERRANEI DI LECCO
L’ intero centro di Lecco conserva e, in molti casi, nasconde i resti del castello in riva al lago, costruito nella prima metà del Trecento da Azzone Visconti, potenziato poi, anche con postazioni cannoniere, dagli Sforza, tra la fine del Quattrocento e il secolo successivo. Al tempo de “I promessi sposi” (1628-1630), il castello era sotto il dominio spagnolo. E’ citato nella prima pagina del romanzo: “Ai tempi in cui accaddero i fatti che prendiamo a raccontare, quel borgo, già considerabile, era anche un castello, e aveva perciò l’onore di alloggiare un comandante, e il vantaggio di possedere una stabile guarnigione di soldati spagnoli…”. Il comandante, con parte della guarnigione, era alloggiato nell’edificio che oggi, e dal 1982, è sede della Biblioteca Civica di Lecco. Dalla dismissione del castello, duecento anni prima, l’edificio è stato più volte riadattato e restaurato, prima, all’inizio dell’Ottocento, per trasformarlo in villa di residenza di una importante famiglia di industriali della seta, i Bovara, per passare poi di proprietà di altri industriali, i Locatelli. Il fossato, il contrafforte esterno, le mura e la zona interna di quella che è la parte più a monte del castello sono state conservate e trasformate in giardini. L’intervento originale è, all’inizio dell’Ottocento, dell’architetto Giuseppe Bovara. Sono state conservati, e sono accessibili, con visite guidate, i camminamenti sotterranei del castello, con le postazioni di guardia, feritoie nelle mura e punto di osservazione nella parte più alta. Quest’ultimo luogo ha un particolare interesse perché consente di ammirare tutta la cerchia di monti attorno a Lecco. Quel paesaggio descritto nell’incipit de “I promessi sposi”, con il monte Resegone e la dorsale del monte Magnodeno. Da qui si può rileggere, con lo sguardo, “Quel ramo del lago di Como…”, ma si può anche ricordare che Manzoni ha scritto un “romanzo storico”, dove comunque la geografia fisica e politica hanno un ruolo decisivo. Al di là di quei monti, a partire dalle loro cime, c’era un altro stato, la Repubblica di Venezia, dove Renzo si rifugia in seguito ai guai di Milano e dove gli sposi andranno a vivere dopo il matrimonio. Ma, guardando verso sud, si vedono le pendici del monte digradare verso il fiume Adda: in quel luogo di confine, c’era, e qualche rovina c’è tuttora, il “castello a cavaliere di una valle angusta e uggiosa” dell’Innominato, il personaggio che risolve il romanzo. All’interno delle mura, nella zona semicircolare della sommità del castello, negli anni Novanta del secolo scorso il Comune ha costruito una cavea, un’arena, come viene chiamata, per spettacoli: film, musica, conferenze di alpinismo, accompagnate dalla proiezione di immagini.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Scopri altri luoghi vicini

2,699°
57 voti

Chiesa

SOTTERRANEI DEL CAMPANILE DELLA BASILICA DI SAN NICOLÒ

LECCO

6,410°
23 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

MONUMENTO AD ANTONIO STOPPANI

LECCO

474°
457 voti

Palazzo storico, dimora storica

VILLA MANZONI

LECCO

17,249°
8 voti

Affresco, dipinto

AFFRESCO IN VIA SANT'ANTONIO

LECCO

Scopri altri luoghi simili

57,794 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

54,711 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

35,049 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

24,996 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

MURA E SOTTERRANEI DI LECCO

LECCO

MURA E SOTTERRANEI DI LECCO
Il Tour delle Mura e dei Sotterranei di Lecco si snoda in un percorso che intende narrare e valorizzare le tracce delle fortificazioni presenti nel centro storico della città, nelle sue fasi medievale e cinquecentesca, oggetto del Censimento FAI Luoghi del Cuore. Le tappe principali saranno i resti delle Mura, con gli annessi sotterranei ed il vallo presenti a ridosso della Biblioteca Civica, la Torre Viscontea e il Campanile di San Nicolò. Attualmente il complesso, in particolare nella zona della Biblioteca Civica, è in stato di avanzato degrado. La torre viscontea, oggi inglobata nel tessuto urbano di Lecco, faceva parte del forte a lago, dove risiedeva la guarnigione preposta al controllo dell'avamposto lariano. La torre presidiava l'accesso principale del borgo dal lato in direzione del ponte che scavalcava l'Adda, proseguendo in direzione di Milano. Negli anni Trenta, con grande sensibilità, il manufatto venne restaurato restituendolo alla città con la funzione di Museo Storico.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te