Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VILLA MANZONI

VILLA MANZONI

LECCO

473°

POSTO

457

VOTI 2020
Condividi
VILLA MANZONI
Villa Manzoni, la casa dove Alessandro Manzoni ha trascorso la sua infanzia e giovinezza. Il luogo in cui, ispirato dalla vista del Resegone e dai “monti sorgenti” che facevano da cornice al paesaggio, dal suono delle acque del fiume Adda e del lago di Como, dai colori di quel territorio, ha preso vita il progetto del più importante romanzo storico della nostra cultura, “I Promessi Sposi”. “Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli, vien, quasi a un tratto, a ristringersi, e a prender corso e figura di fiume, tra un promontorio a destra, e un'ampia costiera dall'altra parte”. Quale luogo può essere più rappresentativo di questa fase che il nostro Paese sta vivendo? Dopo settimane di quarantena, costretti da una malattia che ha messo in discussione abitudini, relazioni e valori, che spesso ha rievocato descrizioni manzoniane, timidamente e gradualmente, torneremo a riaprire le porte delle nostre case e a vivere gli spazi di un Paese lasciato deserto per più di due mesi. La villa presenta una struttura tipicamente neoclassica e si sviluppa intorno a un cortile porticato. Sul lato destro si trova il parco, molto più piccolo dell’originale che si estendeva quasi fino al lago (in cui oltre alla vite venivano coltivati i gelsi per l’allevamento dei bachi da seta, tipica attività del territorio lecchese nell’ ‘800 e dove il Manzoni ha probabilmente coltivato la sua passione per le specie arboree rare ed esotiche). Attraverso il cortile si accede alla Cappella dell’Assunta, dove è sepolto il padre dello scrittore, Pietro Manzoni. Nel 1940 Villa Manzoni è stata dichiarata da Re Vittorio Emanuele III monumento nazionale. Nell’ottobre 2019, al termine di una prima parte di lavori di ristrutturazione, è stato inaugurato il Museo Manzoniano, un’immersione nella vita dello scrittore tra mobili originali, manoscritti, quadri e oggetti personali che portano il visitatore in un’epoca lontana ma mai così vicina. Le stanze dei piani superiori ospitano la galleria d’arte (con oltre 400 dipinti e 2000 incisioni) oltre alla Biblioteca specializzata, la Sezione Separata d’Archivio e la Fototeca accessibili solo su richiesta. Un luogo dove la creatività ha portato ad una delle eredità culturali più importanti che l’Italia possa vantare; un luogo simbolo di sperimentazione quella che dovrà accompagnarci nei prossimi mesi. Quello che ci aspetta sarà un periodo difficile per il turismo e per i nostri monumenti. Ma sarà anche l’occasione per dedicare loro un’attenzione particolare, un impegno condiviso e la voglia di contribuire per restituirli alla collettività non appena potranno tornare ad ospitarci e ad ispirarci. Proprio come scriveva Manzoni: “Si dovrebbe pensare più a fare bene che a star bene: e così si finirebbe anche a star meglio.”

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

473° Posto

457 Voti
Censimento 2018

22,790° Posto

3 Voti
Censimento 2018

19,027° Posto

4 Voti
Censimento 2016

16,946° Posto

3 Voti
Censimento 2016

21,264° Posto

2 Voti

Scopri altri luoghi vicini

852°
15 voti

Ponte

PONTE AZZONE VISCONTI

LECCO

844°
23 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

MONUMENTO AD ANTONIO STOPPANI

LECCO

859°
8 voti

Affresco, dipinto

AFFRESCO IN VIA SANT'ANTONIO

LECCO

862°
5 voti

Edificio civile

CASCINA ALPE BRUGIANO

LECCO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

VILLA MANZONI

LECCO

Condividi
VILLA MANZONI
Villa Manzoni, la casa dove Alessandro Manzoni ha trascorso la sua infanzia e giovinezza. Il luogo in cui, ispirato dalla vista del Resegone e dai “monti sorgenti” che facevano da cornice al paesaggio, dal suono delle acque del fiume Adda e del lago di Como, dai colori di quel territorio, ha preso vita il progetto del più importante romanzo storico della nostra cultura, “I Promessi Sposi”. “Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli, vien, quasi a un tratto, a ristringersi, e a prender corso e figura di fiume, tra un promontorio a destra, e un'ampia costiera dall'altra parte”. Quale luogo può essere più rappresentativo di questa fase che il nostro Paese sta vivendo? Dopo settimane di quarantena, costretti da una malattia che ha messo in discussione abitudini, relazioni e valori, che spesso ha rievocato descrizioni manzoniane, timidamente e gradualmente, torneremo a riaprire le porte delle nostre case e a vivere gli spazi di un Paese lasciato deserto per più di due mesi. La villa presenta una struttura tipicamente neoclassica e si sviluppa intorno a un cortile porticato. Sul lato destro si trova il parco, molto più piccolo dell’originale che si estendeva quasi fino al lago (in cui oltre alla vite venivano coltivati i gelsi per l’allevamento dei bachi da seta, tipica attività del territorio lecchese nell’ ‘800 e dove il Manzoni ha probabilmente coltivato la sua passione per le specie arboree rare ed esotiche). Attraverso il cortile si accede alla Cappella dell’Assunta, dove è sepolto il padre dello scrittore, Pietro Manzoni. Nel 1940 Villa Manzoni è stata dichiarata da Re Vittorio Emanuele III monumento nazionale. Nell’ottobre 2019, al termine di una prima parte di lavori di ristrutturazione, è stato inaugurato il Museo Manzoniano, un’immersione nella vita dello scrittore tra mobili originali, manoscritti, quadri e oggetti personali che portano il visitatore in un’epoca lontana ma mai così vicina. Le stanze dei piani superiori ospitano la galleria d’arte (con oltre 400 dipinti e 2000 incisioni) oltre alla Biblioteca specializzata, la Sezione Separata d’Archivio e la Fototeca accessibili solo su richiesta. Un luogo dove la creatività ha portato ad una delle eredità culturali più importanti che l’Italia possa vantare; un luogo simbolo di sperimentazione quella che dovrà accompagnarci nei prossimi mesi. Quello che ci aspetta sarà un periodo difficile per il turismo e per i nostri monumenti. Ma sarà anche l’occasione per dedicare loro un’attenzione particolare, un impegno condiviso e la voglia di contribuire per restituirli alla collettività non appena potranno tornare ad ospitarci e ad ispirarci. Proprio come scriveva Manzoni: “Si dovrebbe pensare più a fare bene che a star bene: e così si finirebbe anche a star meglio.”
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te