ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
MULATTIERA DEL CASTELLACCIO

MULATTIERA DEL CASTELLACCIO

ROCCA SAN CASCIANO, FORLI CESENA

653°

POSTO

69

VOTI 2022
Condividi
MULATTIERA DEL CASTELLACCIO
Il Castellaccio, costruito intorno all'anno 1000 e gli storici avanzano alcune ipotesi sugli autori della costruzione: i Conti Calboli di Calbola, che avevano il castello principale a Calboli (fra Rocca, Dovadola e Predappio); i monaci Benedettini di San Benedetto in Alpe, che ebbero vari domini in Romagna e Toscana dal X al XIII secolo; i Traversari di Ravenna, che ebbero ricevuto in feudo il territorio dagli arcivescovi della città; i Conti Guidi che ebbero il castello più importante a Modigliana e un castello a Dovadola. Sappiamo che, per qualche tempo, appartenne a Maghinardo di Susinano che trasformò le preesistenti fortificazioni aggiungendovi torrioni e altre opere. Nel 1197 Enrico VI lo concedeva ai Guidi di Modigliana dai quali passava alla Chiesa forlimpopolese che, nel 1230, lo lasciava al comune di Firenze. A questo, il Castello, lo toglievano i Guidi nel 1263 ma, nel 1315, sappiamo che il castello era soggetto ad Alighiero Calboli. Fu successivamente di Riccardo Manfredi, quindi tornò ai Calboli e, nel 1361, subì un inutile assedio da parte di Giovanni Manfredi. Nel 1371, come documentato dal Cardinale Anglico, apparteneva in affitto a Francesco Calboli alla cui morte, avvenuta nel 1382, passò nuovamente al Comune di Firenze che vi mandò un castellano e, qualche decennio dopo, lo fece restaurare. Nel 1424 il castello fu espugnato da Angelo della Pergola per i Visconti di Milano, per viltà del castellano Nicolò di Dello e per l’imprudenza del podestà Piero Gianni, che furono poi condannati a morte. Nel 1433, il castello, viene assediato senza esito da Baldaccio di Anghiari per conto dei fiorentini. Un anno dopo, nel 1434 Antonio Ordelaffi, si impadronì della rocca e di tutti i castelli e le fortezze di Forlì, ma perse la rocca di Rocca San Casciano due anni dopo per mano dei fiorentini. Al comune di Firenze la rocca fu tolta nel 1440 da Niccolò Piccinino che ne fece dono a Guidantonio Manfredi il quale, però, fu costretto a cederlo alla Santa Sede. Poco più tardi il castello tornò definitivamente in possesso di Firenze che vi tenne un castellano ed un podestà” Nell’anno 1661 il paese di Rocca San Casciano e il suo circondario furono colpiti da un devastante terremoto che rase al suolo l’abitato e la rocca che ne fu gravemente mutilata. Le memorie storiche raccontano che prima del terremoto, il castello fosse robusta e potente costruzione. Dal 1800 fino gli anni '70 il Castello divenne abitazione privata, con la costruzione di una casa colonica sui resti basamentali dell'antico palazzo (la "terrazza"semicircolare antecedente alla casa che è addossata al masti). Il Castello rimase di proprietà privata fino all'ottobre del 2018 quando il comune con l'esercizio del diritto di prelazione ne divenne proprietario. Infine, grazie a un lavoro di volontariato, il castello è stato ripulito dalla vegetazione infestante riportando alla luce un antico torrione di guardia e ampie porzioni di cinta muraria.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

280° Posto

1,219 Voti
Censimento 2018

27,334° Posto

2 Voti
Censimento 2016

26,800° Posto

1 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

4,612°
11 voti

Abbazia

ABBAZIA DI SAN DONNINO IN SOGLIO

ROCCA SAN CASCIANO, FORLI CESENA

10,096°
5 voti

Ponte

PORTICO DI ROMAGNA

PORTICO DI ROMAGNA, FORLI CESENA

15,474°
3 voti

Fiume, torrente, lago

LAGO DI PONTE

TREDOZIO, FORLI CESENA

24,035°
2 voti

Area naturale

MONTE TRAMAZZO

TREDOZIO, FORLI CESENA

Vota altri luoghi simili

14°
4,227 voti

Castello, rocca

CASTELLI TAPPARELLI D'AZEGLIO

LAGNASCO, CUNEO

93°
771 voti

Castello, rocca

CASTELLO E PARCO DI DONNAFUGATA

DONNAFUGATA, RAGUSA

126°
510 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI TORRE ASTURA

NETTUNO, ROMA

129°
508 voti

Castello, rocca

ROCCA DI VISONE

VISONE, ALESSANDRIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

MULATTIERA DEL CASTELLACCIO

ROCCA SAN CASCIANO, FORLI CESENA

Condividi
MULATTIERA DEL CASTELLACCIO
Il Castellaccio, costruito intorno all'anno 1000 e gli storici avanzano alcune ipotesi sugli autori della costruzione: i Conti Calboli di Calbola, che avevano il castello principale a Calboli (fra Rocca, Dovadola e Predappio); i monaci Benedettini di San Benedetto in Alpe, che ebbero vari domini in Romagna e Toscana dal X al XIII secolo; i Traversari di Ravenna, che ebbero ricevuto in feudo il territorio dagli arcivescovi della città; i Conti Guidi che ebbero il castello più importante a Modigliana e un castello a Dovadola. Sappiamo che, per qualche tempo, appartenne a Maghinardo di Susinano che trasformò le preesistenti fortificazioni aggiungendovi torrioni e altre opere. Nel 1197 Enrico VI lo concedeva ai Guidi di Modigliana dai quali passava alla Chiesa forlimpopolese che, nel 1230, lo lasciava al comune di Firenze. A questo, il Castello, lo toglievano i Guidi nel 1263 ma, nel 1315, sappiamo che il castello era soggetto ad Alighiero Calboli. Fu successivamente di Riccardo Manfredi, quindi tornò ai Calboli e, nel 1361, subì un inutile assedio da parte di Giovanni Manfredi. Nel 1371, come documentato dal Cardinale Anglico, apparteneva in affitto a Francesco Calboli alla cui morte, avvenuta nel 1382, passò nuovamente al Comune di Firenze che vi mandò un castellano e, qualche decennio dopo, lo fece restaurare. Nel 1424 il castello fu espugnato da Angelo della Pergola per i Visconti di Milano, per viltà del castellano Nicolò di Dello e per l’imprudenza del podestà Piero Gianni, che furono poi condannati a morte. Nel 1433, il castello, viene assediato senza esito da Baldaccio di Anghiari per conto dei fiorentini. Un anno dopo, nel 1434 Antonio Ordelaffi, si impadronì della rocca e di tutti i castelli e le fortezze di Forlì, ma perse la rocca di Rocca San Casciano due anni dopo per mano dei fiorentini. Al comune di Firenze la rocca fu tolta nel 1440 da Niccolò Piccinino che ne fece dono a Guidantonio Manfredi il quale, però, fu costretto a cederlo alla Santa Sede. Poco più tardi il castello tornò definitivamente in possesso di Firenze che vi tenne un castellano ed un podestà” Nell’anno 1661 il paese di Rocca San Casciano e il suo circondario furono colpiti da un devastante terremoto che rase al suolo l’abitato e la rocca che ne fu gravemente mutilata. Le memorie storiche raccontano che prima del terremoto, il castello fosse robusta e potente costruzione. Dal 1800 fino gli anni '70 il Castello divenne abitazione privata, con la costruzione di una casa colonica sui resti basamentali dell'antico palazzo (la "terrazza"semicircolare antecedente alla casa che è addossata al masti). Il Castello rimase di proprietà privata fino all'ottobre del 2018 quando il comune con l'esercizio del diritto di prelazione ne divenne proprietario. Infine, grazie a un lavoro di volontariato, il castello è stato ripulito dalla vegetazione infestante riportando alla luce un antico torrione di guardia e ampie porzioni di cinta muraria.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te