ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
LA FONTANA DI PALAZZO TOZZONI

LA FONTANA DI PALAZZO TOZZONI

IMOLA, BOLOGNA

479°

POSTO

147

VOTI 2022
LA FONTANA DI PALAZZO TOZZONI
Nel cuore della città di Imola esiste un palazzo che per cinque secoli venne abitato dalla stessa famiglia, quella dei conti Tozzoni e che dal 1981, quando venne donato al Comune, è aperto al pubblico come casa museo. I Tozzoni, toscani d’origine, si trasferirono a Imola nel corso del Quattrocento ed acquistarono due case contigue su quella che era una delle vie più importanti della città. Solo tra 1726 e 1738, a coronamento dello stato sociale prestigioso raggiunto, le case vennero trasformate in palazzo. Il linguaggio architettonico è quello scenografico del Sei e Settecento bolognese , così come settecentesca è la sistemazione dello spazio del cortile dove al centro, si trova la grande vasca dall’elegante profilo mistilineo che sappiamo essere stata ricostruita nel 1792, ammodernando una vasca più semplice, presistente. Nella vasca confluiva un ramo del Canale dei Mulini, sul quale i conti Tozzoni vantavano un privilegio di utilizzo. La vasca aveva una funzione di raccolta dell’acqua ed era collegata ad una cisterna a pozzo e alle cantine, grazie ad un sapiente lavoro sulle condutture, dove l’acqua era elemento fondamentale per trattare la vinificazione del mosto che arrivava dai poderi di proprietà dei conti. Infatti il cortile del palazzo era di fatto, il cuore delle attività domestiche e anche di quelle agricole; dalla porta carraia sugli orti della Mezzaluna, anche’essi di proprietà Tozzoni, entravano i carri a castellata che trasportavano i barili del primo mosto e i sacchi di grano dai poderi attorno alla città. Nel cortile erano presenti anche due “conserve” e dietro la vasca spicca la collinetta erebosa della ghiacciaia. Conserve e ghiacciai erano luoghi sotterrani dove la neve dell’inverno veniva pressata e, durante la stagione calda manteneva freschi gli alimenti facilmente deperibili. Attualmente la vasca non ha la possibilità di essere riempita per problemi di infiltrazione e anche la muratura richiederebbe un restauro manutentivo per poter recuperare la sua bellezza settecentesca, cosa che arricchirebbero il cortile e ripristinerebbero almeno in parte il senso di vitalità e di paicevolezza di un cortile vivo com’era quello di palazzo Tozzoni.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Testimonial che sostengono questo luogo

Francesca Bernardi

Corista

Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

6,090° Posto

24 Voti
Censimento 2018

27,334° Posto

2 Voti
Censimento 2016

13,791° Posto

4 Voti
Censimento 2010

4,351° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

1,328°
46 voti

Palazzo storico, dimora storica

PADIGLIONE 1 - EX MANICOMIO DELL’OSSERVANZA – IMOLA

IMOLA, BOLOGNA

1,785°
34 voti

Cappella

SANTUARIO DELLA B.V DELLE GRAZIE

IMOLA, BOLOGNA

5,726°
14 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO DEI CONTI BORGHESI

IMOLA, BOLOGNA

1,128°
56 voti

Castello, rocca

ROCCA SFORZESCA - IMOLA

IMOLA, BOLOGNA

Vota altri luoghi simili

463°
154 voti

Fontana

FONTANA DI CASTELLAVAZZO

CASTELLO LAVAZZO, BELLUNO

782°
84 voti

Fontana

FONTANA CAVALLINA

GENZANO DI LUCANIA, POTENZA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

LA FONTANA DI PALAZZO TOZZONI

IMOLA, BOLOGNA

LA FONTANA DI PALAZZO TOZZONI
Nel cuore della città di Imola esiste un palazzo che per cinque secoli venne abitato dalla stessa famiglia, quella dei conti Tozzoni e che dal 1981, quando venne donato al Comune, è aperto al pubblico come casa museo. I Tozzoni, toscani d’origine, si trasferirono a Imola nel corso del Quattrocento ed acquistarono due case contigue su quella che era una delle vie più importanti della città. Solo tra 1726 e 1738, a coronamento dello stato sociale prestigioso raggiunto, le case vennero trasformate in palazzo. Il linguaggio architettonico è quello scenografico del Sei e Settecento bolognese , così come settecentesca è la sistemazione dello spazio del cortile dove al centro, si trova la grande vasca dall’elegante profilo mistilineo che sappiamo essere stata ricostruita nel 1792, ammodernando una vasca più semplice, presistente. Nella vasca confluiva un ramo del Canale dei Mulini, sul quale i conti Tozzoni vantavano un privilegio di utilizzo. La vasca aveva una funzione di raccolta dell’acqua ed era collegata ad una cisterna a pozzo e alle cantine, grazie ad un sapiente lavoro sulle condutture, dove l’acqua era elemento fondamentale per trattare la vinificazione del mosto che arrivava dai poderi di proprietà dei conti. Infatti il cortile del palazzo era di fatto, il cuore delle attività domestiche e anche di quelle agricole; dalla porta carraia sugli orti della Mezzaluna, anche’essi di proprietà Tozzoni, entravano i carri a castellata che trasportavano i barili del primo mosto e i sacchi di grano dai poderi attorno alla città. Nel cortile erano presenti anche due “conserve” e dietro la vasca spicca la collinetta erebosa della ghiacciaia. Conserve e ghiacciai erano luoghi sotterrani dove la neve dell’inverno veniva pressata e, durante la stagione calda manteneva freschi gli alimenti facilmente deperibili. Attualmente la vasca non ha la possibilità di essere riempita per problemi di infiltrazione e anche la muratura richiederebbe un restauro manutentivo per poter recuperare la sua bellezza settecentesca, cosa che arricchirebbero il cortile e ripristinerebbero almeno in parte il senso di vitalità e di paicevolezza di un cortile vivo com’era quello di palazzo Tozzoni.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te