ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
DOL | DORSALE OROBICA LECCHESE

DOL | DORSALE OROBICA LECCHESE

BERGAMO

724°

POSTO

143

VOTI 2020
DOL | DORSALE OROBICA LECCHESE
La DOL, Dorsale Orobica Lecchese, vista dal Parco dei Colli di Bergamo, poco oltre la celeberrima Città Alta, si staglia come una cresta sinuosa unendo la Città dei Mille alla Valtellina: un grande fiume di pietra e prati che scorre in alto sopra di noi, attraversando valli ricche di storia e tradizione: Val San Martino, Valle Imagna, Valsassina, Val Taleggio, Val Brembana, Valvarrone, Val Gerola e Valtellina. Dalla DOL è possibile ammirare un’ampia parte delle Alpi, le cromie della pianura e gli Appennini verso Sud. Inoltre la bellezza e la varietà del paesaggio, la biodiversità e i segni antropici, rurali e culturali rendono il cammino ancor più speciale. Attraversando la DOL si respira la storia di questa parte di territorio lombardo: le fortificazioni della Linea Cadorna, i secolari insediamenti, le testimonianze delle miniere che per secoli hanno segnato queste montagne, gli alpeggi e l’arte casearia, dove da centinaia di anni si producono formaggi, patrimonio mondiale della nostra cultura gastronomica. Conoscere le nostre montagne è il primo passo per mantenerle vive e dare loro il ruolo di luoghi di sperimentazione di nuove pratiche economiche e sociali rispettose dell’ambiente e delle relazioni tra uomini, così da costruire comunità realmente solidali, virtuose e resilienti. Un invito a viaggiare non tanto in luoghi “nuovi” ma, come scriveva Proust, «con nuovi occhi».

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

724° Posto

143 Voti

Scopri altri luoghi vicini

827°
40 voti

Edificio civile

EX OSPEDALE MAGGIORE

BERGAMO

846°
21 voti

PORTA SANT'AGOSTINO

BERGAMO

585°
289 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

LE MURA VENETE DI BERGAMO

BERGAMO

732°
135 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTO SPIRITO

BERGAMO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

DOL | DORSALE OROBICA LECCHESE

BERGAMO

DOL | DORSALE OROBICA LECCHESE
La DOL, Dorsale Orobica Lecchese, vista dal Parco dei Colli di Bergamo, poco oltre la celeberrima Città Alta, si staglia come una cresta sinuosa unendo la Città dei Mille alla Valtellina: un grande fiume di pietra e prati che scorre in alto sopra di noi, attraversando valli ricche di storia e tradizione: Val San Martino, Valle Imagna, Valsassina, Val Taleggio, Val Brembana, Valvarrone, Val Gerola e Valtellina. Dalla DOL è possibile ammirare un’ampia parte delle Alpi, le cromie della pianura e gli Appennini verso Sud. Inoltre la bellezza e la varietà del paesaggio, la biodiversità e i segni antropici, rurali e culturali rendono il cammino ancor più speciale. Attraversando la DOL si respira la storia di questa parte di territorio lombardo: le fortificazioni della Linea Cadorna, i secolari insediamenti, le testimonianze delle miniere che per secoli hanno segnato queste montagne, gli alpeggi e l’arte casearia, dove da centinaia di anni si producono formaggi, patrimonio mondiale della nostra cultura gastronomica. Conoscere le nostre montagne è il primo passo per mantenerle vive e dare loro il ruolo di luoghi di sperimentazione di nuove pratiche economiche e sociali rispettose dell’ambiente e delle relazioni tra uomini, così da costruire comunità realmente solidali, virtuose e resilienti. Un invito a viaggiare non tanto in luoghi “nuovi” ma, come scriveva Proust, «con nuovi occhi».
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te