ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
gaudioso

COMPLESSO DI SAN GAUDIOSO

NAPOLI

4,692°

POSTO

5

VOTI 2022
COMPLESSO DI SAN GAUDIOSO
Cenni Storici. Il complesso di San Gaudioso, fondato nel V secolo ad opera di Settimo Celio Gaudioso, vescovo di Bitinia, sorse probabilmente sui resti del tempio di Demetra. Circa tre secoli più tardi, il vescovo di Napoli, Stefano II, lo ingrandì e lo ristrutturò destinandolo a dimora delle monache benedettine. Durante questa fase venne edificata la Chiesa detta di “San Gaudioso de septimo coelo”. Nel 1530, divenne dimora delle suore di Santa Maria d’Agnone che vi si trasferirono insieme con le reliquie della Madonna d’Agnone alla quale erano devote. L’intera insula religiosa vide il periodo di massimo splendore tra il XVI e il XVII secolo, quando venne ampliata ed abbellita. Nel 1560, l’architetto Giovanni Francesco di Palma progettò il chiostro, mentre, intorno al 1630, Cosimo Fanzago, oltre a pianificare il rifacimento e la riorganizzazione dell’intera struttura, realizzò l’ingresso e la scala in marmo a doppia rampa con balaustra, che ancora oggi possiamo ammirare. Intorno al 1731, ebbe inizio l’ultima e definitiva fase di interventi ad opera di Ferdinando Sanfelice: venne ingrandita la tribuna della chiesa, fu costruita la cupola da Domenico Antonio Vaccaro e realizzati i ‘passetti’ necessari a collegare il monastero alla chiesa. In questa fase, la parte rimanente dell’edificio fu trasformata in appartamenti e bassi da affittare! Nel 1799, durante gli scontri scoppiati a seguito della proclamazione della Repubblica Napoletana, la chiesa fu distrutta da un incendio. Andarono così perdute testimonianze pittoriche di artisti barocchi come Battistello Caracciolo, Francesco Solimena e Luca Giordano. Il monastero, invece, rimase praticamente integro e, qualche anno più tardi, con la soppressione dei complessi monastici, divenne sede prima dell’Osservatorio Astronomico (1807-1809) e poi dell’Osservatorio di Marina. Nel 1883, il complesso venne trasformato e divenne sede della Clinica Universitaria. Fu completamente demolito nel 1920 per realizzare le nuove strutture ospedaliere, tra cui l’edificio della Clinica Pediatrica. Nel 1943 divenne sede dell'ospedale per i soldati francesi, per poi riprendere la funzione di Clinica Odontoiatrica e Stomatologica dopo la guerra. Attualmente, dell’antica struttura rimangono l’arco e la scala d’ingresso di Cosimo Fanzago, il muro perimetrale, il portale in piperno su vico San Gaudioso, disegnato da Giovanni Francesco Mormando, e poche tracce del chiostro. Ubicazione. Il complesso si trova nel quartiere San Lorenzo, sito fra via Luigi De Crecchio e vico San Gaudioso, uno dei contesti urbani piu` antichi di Napoli, esattamente a cavallo della platea piu` alta della citta` greco-romana. La posizione del lotto risulta cosi’ strategica, sita nell’ambito degli edifici che costituiscono la cittadella medica del policlinico storico dell’universita`, prima fredericiana e successivamente della Vanvitelli, del policlinico Universitario, prima Federico II e successivamente Vanvitelli, su due delle strade a piu` alta affluenza turistica del centro storico della citta`. Gli accessi sono su ambe due i lati dell’area, sull’asse est-ovest. COMITATO COMPLESSO DI SAN GAUDIOSO: UN TESORO NEL CUORE DI NAPOLI. - Prof. Letizia Perillo - Prof. Giovanni Francesco Nicoletti - Dott. Annamaria Gravina - Dott. Antonio Giordano - Prof. Fortunato Ciardiello - Prof. Giovanni Iolascon - Dott. Annunziata Valente - Prof. Francesco Catapano - Prof. Emanuele Miraglia del Giudice - Prof. Maria Luisa Balestrieri - Prof. Rosario Serpico - Prof. Gregorio Laino - Prof. Rosario Rullo - Prof. Angelo Itro - Arch. Raoul Basile - Prof. Lucia Monaco - Prof. Lucia Altucci - Prof. Maria Luisa Chirico - Ing. Amedeo Lepore - Ing. Giuliana Veneruso - Arch. Massimo Magrone - Dott. Fabrizia Ruggiero

Gallery

gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso
gaudioso

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

34° Posto

8,292 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

2,523°
9 voti

Museo

CONSERVATORIO DI MUSICA S.PIETRO A MAJELLA

NAPOLI

Vota altri luoghi simili

3,566 voti

Ferrovia storica, ferrovia

STAZIONE BAYARD - LA STRADA DI FERRO NAPOLI - PORTICI.

NAPOLI

2,157 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

2,098 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,840 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

COMPLESSO DI SAN GAUDIOSO

NAPOLI

COMPLESSO DI SAN GAUDIOSO
Cenni Storici. Il complesso di San Gaudioso, fondato nel V secolo ad opera di Settimo Celio Gaudioso, vescovo di Bitinia, sorse probabilmente sui resti del tempio di Demetra. Circa tre secoli più tardi, il vescovo di Napoli, Stefano II, lo ingrandì e lo ristrutturò destinandolo a dimora delle monache benedettine. Durante questa fase venne edificata la Chiesa detta di “San Gaudioso de septimo coelo”. Nel 1530, divenne dimora delle suore di Santa Maria d’Agnone che vi si trasferirono insieme con le reliquie della Madonna d’Agnone alla quale erano devote. L’intera insula religiosa vide il periodo di massimo splendore tra il XVI e il XVII secolo, quando venne ampliata ed abbellita. Nel 1560, l’architetto Giovanni Francesco di Palma progettò il chiostro, mentre, intorno al 1630, Cosimo Fanzago, oltre a pianificare il rifacimento e la riorganizzazione dell’intera struttura, realizzò l’ingresso e la scala in marmo a doppia rampa con balaustra, che ancora oggi possiamo ammirare. Intorno al 1731, ebbe inizio l’ultima e definitiva fase di interventi ad opera di Ferdinando Sanfelice: venne ingrandita la tribuna della chiesa, fu costruita la cupola da Domenico Antonio Vaccaro e realizzati i ‘passetti’ necessari a collegare il monastero alla chiesa. In questa fase, la parte rimanente dell’edificio fu trasformata in appartamenti e bassi da affittare! Nel 1799, durante gli scontri scoppiati a seguito della proclamazione della Repubblica Napoletana, la chiesa fu distrutta da un incendio. Andarono così perdute testimonianze pittoriche di artisti barocchi come Battistello Caracciolo, Francesco Solimena e Luca Giordano. Il monastero, invece, rimase praticamente integro e, qualche anno più tardi, con la soppressione dei complessi monastici, divenne sede prima dell’Osservatorio Astronomico (1807-1809) e poi dell’Osservatorio di Marina. Nel 1883, il complesso venne trasformato e divenne sede della Clinica Universitaria. Fu completamente demolito nel 1920 per realizzare le nuove strutture ospedaliere, tra cui l’edificio della Clinica Pediatrica. Nel 1943 divenne sede dell'ospedale per i soldati francesi, per poi riprendere la funzione di Clinica Odontoiatrica e Stomatologica dopo la guerra. Attualmente, dell’antica struttura rimangono l’arco e la scala d’ingresso di Cosimo Fanzago, il muro perimetrale, il portale in piperno su vico San Gaudioso, disegnato da Giovanni Francesco Mormando, e poche tracce del chiostro. Ubicazione. Il complesso si trova nel quartiere San Lorenzo, sito fra via Luigi De Crecchio e vico San Gaudioso, uno dei contesti urbani piu` antichi di Napoli, esattamente a cavallo della platea piu` alta della citta` greco-romana. La posizione del lotto risulta cosi’ strategica, sita nell’ambito degli edifici che costituiscono la cittadella medica del policlinico storico dell’universita`, prima fredericiana e successivamente della Vanvitelli, del policlinico Universitario, prima Federico II e successivamente Vanvitelli, su due delle strade a piu` alta affluenza turistica del centro storico della citta`. Gli accessi sono su ambe due i lati dell’area, sull’asse est-ovest. COMITATO COMPLESSO DI SAN GAUDIOSO: UN TESORO NEL CUORE DI NAPOLI. - Prof. Letizia Perillo - Prof. Giovanni Francesco Nicoletti - Dott. Annamaria Gravina - Dott. Antonio Giordano - Prof. Fortunato Ciardiello - Prof. Giovanni Iolascon - Dott. Annunziata Valente - Prof. Francesco Catapano - Prof. Emanuele Miraglia del Giudice - Prof. Maria Luisa Balestrieri - Prof. Rosario Serpico - Prof. Gregorio Laino - Prof. Rosario Rullo - Prof. Angelo Itro - Arch. Raoul Basile - Prof. Lucia Monaco - Prof. Lucia Altucci - Prof. Maria Luisa Chirico - Ing. Amedeo Lepore - Ing. Giuliana Veneruso - Arch. Massimo Magrone - Dott. Fabrizia Ruggiero
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te