ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI SANT' ORSOLA

CHIESA DI SANT' ORSOLA

TERMINI IMERESE, PALERMO

13,323°

POSTO

1

VOTI 2022
Condividi
CHIESA DI SANT' ORSOLA
IL SALOTTO DEL BAROCCO TERMITANO, UNO SCRIGNO CHE RACCHIUDE AL SUO INTERNO PREGIATI STUCCHI E AFFRESCHI, RICCHI E SFARZOSI (TIPICI DEL '600 SICILIANO), LA VISTA DELL'INTERNO VI LASCIERA' STUPITI PER LA SUPERBA BELLEZZA. PURTROPPO L'EDIFICIO A CAUSA DELL'UMIDITA' RISCHIA GRAVI DANNI STRTTURALI E LA TOTALE COMPROMISSIONE DEGLI AFFRESCHI E DEGLI STUCCHI. PER EVITARE CROLLI, LA VOLTA INSIEME ALL'ARCO DELL'ALTARE MAGGIORE E' GIA' STATA IMBRACATA DA UNA STRUTTURA IN LEGNO. DESCRIZIONE DELLA CHIESA: Il complesso consta di due chiese sovrapposte: quella inferiore, ad aula quadrata, fu realizzata nel sec. XV, mentre del sec. XVII venne costruita la chiesa superiore, ad aula unica di tipo gesuitico, coperta da volta a botte e cappelle laterali comunicanti tra loro. Con la nuova configurazione l'edificio inferiore venne trasformato in cripta. Il sito sarebbe stato interessato dalle strutture difensive della città già in epoca ellenistico - romana, successivamente utilizzate dagli arabi. Tali strutture sarebbero entrate a far parte dell'attuale complesso religioso e, in particolare, del suo campanile. Il complesso deve il suo aspetto attuale ai lavori ultimati a metà del XVIII secolo. Il campanile si erge a fianco dell'abside nelle forme di una possente torre a base quadrangolare che anticamente veniva chiamata Torre dei Saccari (di evidente origine araba, Saqqarah- rocca). Nella parte sommitale, all'altezza della copertura, sono visibili dei pennacchi che forse raccordavano la struttura ad una copertura a cupoletta, tipica dell'architettura arabo-normanna. LE OPERE PITTORICHE CUSTODITE AL SUO INTERNO: Tela di notevoli dimensioni con San Benedetto che resuscita un confratello di Mattia Preti Quadro raffigurante la Madonna del Rosario di Tommaso Pollace del 1782 Quadro con la Madonna della Lettera con anime purganti di Tommaso Pollace del 1782 Quadro raffigurante S. Orsola e le vergini, di autore ignoto Decoro ad affresco delle volte dell'aula e del coro, Gloria della Croce e le Virtù in medaglioni laterali, opera di Alesio Geraci (1763) ritenuto stilisticamente vicino al Sozzi e al D'Anna. CURIOSITA': Nella definizione dell' assetto del complesso religioso ha avuto un ruolo determinante l' istituzione, al suo interno, della Compagnia dei Neri (nobili caritatevoli che avevano il compito di seppellire i poveri e per non farsi riconoscere usavano i cappucci neri) che, nel 1674, destinò la chiesa inferiore a catacomba della stessa Compagnia: ancora oggi vi si trovano i resti di vari personaggi del passato. Tra questi il sacerdote e dottore Vincenzo Impallaria che morì in fama di santità l'8 febbraio 1699. Una leggenda termitana tramandata che dopo la sua morte, durante la notte, egli si aggirasse ancora per il quartiere di S. Orsola a confortare gli afflitti, consumando di conseguenza le suole delle scarpe. I devoti così erano soliti portare ogni 8 febbraio presso la sua tomba un paio di scarpe nuove, che andavano a sostituire quelle consumate.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

5,472° Posto

27 Voti
Censimento 2018

10,422° Posto

8 Voti
Censimento 2016

6,867° Posto

9 Voti
Censimento 2014

3,482° Posto

7 Voti
Censimento 2012

729° Posto

17 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

786°
16 voti

Edificio civile

ROCCA DEL CASTELLO DI TERMINI IMERESE ED ANNESSO BELVEDERE

TERMINI IMERESE, PALERMO

2,883°
4 voti

Edificio civile

GRAND HOTEL DELLE TERME

TERMINI IMERESE, PALERMO

14,920°
1 voto

Chiesa

CHIESA MARIA SS. ANNUNZIATA E GIARDINO

TERMINI IMERESE, PALERMO

3,593°
4 voti

Monastero

MONASTERO S. CHIARA

TERMINI IMERESE, PALERMO

Vota altri luoghi simili

1,440 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,271 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

1,013 voti

Area urbana, piazza

VILLAGGIO OPERAIO DI CRESPI D'ADDA

CAPRIATE SAN GERVASIO, BERGAMO

766 voti

Chiesa

COMPLESSO DI SAN FRANCESCO DELLA VIGNA

VENEZIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DI SANT' ORSOLA

TERMINI IMERESE, PALERMO

Condividi
CHIESA DI SANT' ORSOLA
IL SALOTTO DEL BAROCCO TERMITANO, UNO SCRIGNO CHE RACCHIUDE AL SUO INTERNO PREGIATI STUCCHI E AFFRESCHI, RICCHI E SFARZOSI (TIPICI DEL '600 SICILIANO), LA VISTA DELL'INTERNO VI LASCIERA' STUPITI PER LA SUPERBA BELLEZZA. PURTROPPO L'EDIFICIO A CAUSA DELL'UMIDITA' RISCHIA GRAVI DANNI STRTTURALI E LA TOTALE COMPROMISSIONE DEGLI AFFRESCHI E DEGLI STUCCHI. PER EVITARE CROLLI, LA VOLTA INSIEME ALL'ARCO DELL'ALTARE MAGGIORE E' GIA' STATA IMBRACATA DA UNA STRUTTURA IN LEGNO. DESCRIZIONE DELLA CHIESA: Il complesso consta di due chiese sovrapposte: quella inferiore, ad aula quadrata, fu realizzata nel sec. XV, mentre del sec. XVII venne costruita la chiesa superiore, ad aula unica di tipo gesuitico, coperta da volta a botte e cappelle laterali comunicanti tra loro. Con la nuova configurazione l'edificio inferiore venne trasformato in cripta. Il sito sarebbe stato interessato dalle strutture difensive della città già in epoca ellenistico - romana, successivamente utilizzate dagli arabi. Tali strutture sarebbero entrate a far parte dell'attuale complesso religioso e, in particolare, del suo campanile. Il complesso deve il suo aspetto attuale ai lavori ultimati a metà del XVIII secolo. Il campanile si erge a fianco dell'abside nelle forme di una possente torre a base quadrangolare che anticamente veniva chiamata Torre dei Saccari (di evidente origine araba, Saqqarah- rocca). Nella parte sommitale, all'altezza della copertura, sono visibili dei pennacchi che forse raccordavano la struttura ad una copertura a cupoletta, tipica dell'architettura arabo-normanna. LE OPERE PITTORICHE CUSTODITE AL SUO INTERNO: Tela di notevoli dimensioni con San Benedetto che resuscita un confratello di Mattia Preti Quadro raffigurante la Madonna del Rosario di Tommaso Pollace del 1782 Quadro con la Madonna della Lettera con anime purganti di Tommaso Pollace del 1782 Quadro raffigurante S. Orsola e le vergini, di autore ignoto Decoro ad affresco delle volte dell'aula e del coro, Gloria della Croce e le Virtù in medaglioni laterali, opera di Alesio Geraci (1763) ritenuto stilisticamente vicino al Sozzi e al D'Anna. CURIOSITA': Nella definizione dell' assetto del complesso religioso ha avuto un ruolo determinante l' istituzione, al suo interno, della Compagnia dei Neri (nobili caritatevoli che avevano il compito di seppellire i poveri e per non farsi riconoscere usavano i cappucci neri) che, nel 1674, destinò la chiesa inferiore a catacomba della stessa Compagnia: ancora oggi vi si trovano i resti di vari personaggi del passato. Tra questi il sacerdote e dottore Vincenzo Impallaria che morì in fama di santità l'8 febbraio 1699. Una leggenda termitana tramandata che dopo la sua morte, durante la notte, egli si aggirasse ancora per il quartiere di S. Orsola a confortare gli afflitti, consumando di conseguenza le suole delle scarpe. I devoti così erano soliti portare ogni 8 febbraio presso la sua tomba un paio di scarpe nuove, che andavano a sostituire quelle consumate.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te