ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare

CHIESA CIRCOLARE DELLA MADONNA DEL PONTE, DOVE LE RONDINI COSTRUISCONO ANCORA I NIDI DI CRETA - PONTE CARTARO

ASCOLI PICENO

593°

POSTO

2

VOTI
Condividi
CHIESA CIRCOLARE DELLA MADONNA DEL PONTE, DOVE LE RONDINI COSTRUISCONO ANCORA I NIDI DI CRETA - PONTE CARTARO
Chi dal quartiere della Piazzarola volesse raggiungere il borgo di Porta Cartara, deve necessariamente percorrere il Ponte Cartaro, ricostruito nel 1950 dopo la distruzione operata dai tedeschi in ritirata il 10 giugno 1944 dello splendido acquedotto del XIX secolo, a 19 arcate con sottarchi generosi, che si stendeva sopra le acque del torrente Castellano, riecheggiando le linee di un antico acquedotto romano. Dopo il ponte, sulla destra, via della cartiera conduce al fiume vicino e alla cinquecentesca cartiera papale fondata da Giulio II e costruita da M. Alberto da Piacenza, attiva e famosa fino al ‘900 per gli ottimi prodotti cartacei, abbandonata e di recente restaurata. Ma il gioiello del quartiere è la chiesa settecentesca di Santa Maria del Ponte, di forma circolare con piccolissima cupola e lanterna edificata nel 1689. Un tempo la cupola era ricoperta internamente dagli affreschi di Biagio Miniera, dai colori molto vividi e violenti in uno stile assolutamente non convenzionale, oggi perduti. L’interno si presenta piuttosto spoglio, ravvivato solo da un affresco staccato rappresentante la Vergine e dalla pala d’altare realizzata, olio su tela, dall’olandese Ramond nel 1758 con San Giuseppe, San Francesco Saverio e San Luca. Nello slargo davanti alla piccola chiesa c’è una fontana novecentesca semicircolare in pietra con stemma comunale e iscrizione “UTRUMQUE NOBIS”. Dallo slargo sul fronte della chiesa tuttora si scorgono ruderi delle antiche strutture romane e medievali.

Scheda completa al 88%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

593° Posto

2 Voti
Censimento 2020

36,346° Posto

1 Voti
Censimento 2018

8,351° Posto

10 Voti
Censimento 2016

9,889° Posto

6 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

590°
5 voti

Edificio civile

LA CARTIERA PAPALE DOVE UN TEMPO SI SENTIVA ANCHE…LO STRIDOR DI MULINI E DI GUALCHIERE DI CARDUCCIANA MEMORIA…

ASCOLI PICENO

551°
44 voti

Palazzo storico, dimora storica

SCALONE D’ONORE DI PALAZZO SGARIGLIA

ASCOLI PICENO

593°
2 voti

Area naturale

COLLE DELL'ANNUNZIATA E FORTEZZA PIA

ASCOLI PICENO

567°
28 voti

Chiesa

CHIESA E CONVENTO DELLA SS ANNUNZIATA

ASCOLI PICENO

Scopri altri luoghi simili

51,443 voti

Chiesa

CHIESETTA DI SAN PIETRO DEI SAMARI NEL PARCO DI GALLIPOLI

GALLIPOLI, LECCE

31,028 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIACOMO DELLA VITTORIA

ALESSANDRIA

22,890 voti

Chiesa

BASILICA DEI FIESCHI

COGORNO, GENOVA

22,574 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA DI CASTELLO

ALESSANDRIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA CIRCOLARE DELLA MADONNA DEL PONTE, DOVE LE RONDINI COSTRUISCONO ANCORA I NIDI DI CRETA - PONTE CARTARO

ASCOLI PICENO

Condividi
CHIESA CIRCOLARE DELLA MADONNA DEL PONTE, DOVE LE RONDINI COSTRUISCONO ANCORA I NIDI DI CRETA - PONTE CARTARO
Chi dal quartiere della Piazzarola volesse raggiungere il borgo di Porta Cartara, deve necessariamente percorrere il Ponte Cartaro, ricostruito nel 1950 dopo la distruzione operata dai tedeschi in ritirata il 10 giugno 1944 dello splendido acquedotto del XIX secolo, a 19 arcate con sottarchi generosi, che si stendeva sopra le acque del torrente Castellano, riecheggiando le linee di un antico acquedotto romano. Dopo il ponte, sulla destra, via della cartiera conduce al fiume vicino e alla cinquecentesca cartiera papale fondata da Giulio II e costruita da M. Alberto da Piacenza, attiva e famosa fino al ‘900 per gli ottimi prodotti cartacei, abbandonata e di recente restaurata. Ma il gioiello del quartiere è la chiesa settecentesca di Santa Maria del Ponte, di forma circolare con piccolissima cupola e lanterna edificata nel 1689. Un tempo la cupola era ricoperta internamente dagli affreschi di Biagio Miniera, dai colori molto vividi e violenti in uno stile assolutamente non convenzionale, oggi perduti. L’interno si presenta piuttosto spoglio, ravvivato solo da un affresco staccato rappresentante la Vergine e dalla pala d’altare realizzata, olio su tela, dall’olandese Ramond nel 1758 con San Giuseppe, San Francesco Saverio e San Luca. Nello slargo davanti alla piccola chiesa c’è una fontana novecentesca semicircolare in pietra con stemma comunale e iscrizione “UTRUMQUE NOBIS”. Dallo slargo sul fronte della chiesa tuttora si scorgono ruderi delle antiche strutture romane e medievali.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornata FAI d'Autunno
2013
I Luoghi del Cuore
2016, 2018, 2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te