Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASTELLO SANTAPAU

CASTELLO SANTAPAU

LICODIA EUBEA, CATANIA

177°

POSTO

342

VOTI 2020
Condividi
CASTELLO SANTAPAU
Le rovine del Castello Santapau di Licodia Eubea, che si ergono al centro del moderno abitato su un rilievo di roccia calcarenitica, sono il simbolo di un grandioso passato, ma anche risorsa per un nuovo e sostenibile riscatto. Qui, l’archeologo roveretano Paolo Orsi, una delle figure più significative dell’archeologia europea fra Ottocento e Novecento, vi individua la sede dell’acropoli dell’antico centro indigeno, ellenizzato. Di epoca arcaica è l’acquedotto, ormai inattivo, che dalla sommità della collina del castello si dipana sotto il moderno abitato di Licodia Eubea. Si tratta di una delle opere, nel suo genere, più significative presenti in Sicilia, che durante il periodo paleocristiano e tardo antico, nei pressi della collina, venne rimaneggiata e trasformata in sepolcreti e piccole catacombe. Intorno all’VIII secolo d. C. i bizantini, per contrastare gli incessanti assalti dei Musulmani che a partire dal VII secolo avevano iniziato a saccheggiare le città costiere dell’Isola, costruirono, sulla sommità del massiccio roccioso, l’antica fortezza, di cui oggi rimane il paramento murario esterno e l’agglomerato cementizio al suo interno, tipico del sistema costruttivo adottato nell’Isola durante la dominazione bizantina. Distrutta dai Musulmani, il sito venne denominato col nome di al Kudyah (la collina), come si desume dal toponimo moderno di Licodia. Le prime fonti scritte che menzionano il castello risalgono al 1272, momento in cui gli Angioini, dopo la conquista dell’Isola, redassero un elenco delle fortezze presenti in Sicilia. Durante la presenza francese nell’Isola, il castello e le terre di Licodia passarono dalla fazione angioina a quella aragonese a seconda delle alterne vicende, fino al 1393. Quando, dopo le sanguinose lotte tra Catalani e Latini, che portarono in Sicilia al governo il duca Martino di Montblanc, il castello venne affidato a Ughetto Santapau, componente della nobile famiglia Catalana, giunta in Sicilia a seguito dei Martino. I Santapau ressero le sorti di Licodia fino al 1618, quando l’ultima Santapau, Donna Camilla, a seguito della sua morte, lasciò il marchesato di Licodia al figlio Vincenzo Ruffo Santapau. Vincenzo Ruffo preferì vivere a Napoli, da dove arrivavano opere d’arte di artisti napoletani, che oggi in parte si conservano nelle chiese di Licodia Eubea; morì a Napoli il 22 giugno 1632. I Ruffo, comunque, non vissero nel castello di Licodia, ma preferirono vivere altrove. L’undici di gennaio del 1693 una terribile scossa di terremoto distrusse molte città e paesi della Sicilia sud orientale, tra cui Licodia e l’antico maniero, testimone di un passato che ancora oggi in parte si conserva e che attende che di essere svelato.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

1,750° Posto

49 Voti
Censimento 2016

6,177° Posto

10 Voti
Censimento 2014

4,396° Posto

5 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti

Vota altri luoghi vicini

1,465°
35 voti

Chiesa

CHIESETTE DEL CALVARIO E DEL BIANCHETTO

LICODIA EUBEA, CATANIA

18,858°
1 voto

Chiesa

CHIESA DI SANT'ANTONIO ABATE

VIZZINI, CATANIA

3,554°
13 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO TRAO - VENTIMIGLIA

VIZZINI, CATANIA

5,584°
8 voti

Chiesa

CHIESA S.AGATA DI VIZZINI

VIZZINI, CATANIA

Vota altri luoghi simili

7,221 voti

Ponte

IL PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

4,703 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

4,147 voti

Eremo

EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE

SULMONA, L'AQUILA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASTELLO SANTAPAU

LICODIA EUBEA, CATANIA

Condividi
CASTELLO SANTAPAU
Le rovine del Castello Santapau di Licodia Eubea, che si ergono al centro del moderno abitato su un rilievo di roccia calcarenitica, sono il simbolo di un grandioso passato, ma anche risorsa per un nuovo e sostenibile riscatto. Qui, l’archeologo roveretano Paolo Orsi, una delle figure più significative dell’archeologia europea fra Ottocento e Novecento, vi individua la sede dell’acropoli dell’antico centro indigeno, ellenizzato. Di epoca arcaica è l’acquedotto, ormai inattivo, che dalla sommità della collina del castello si dipana sotto il moderno abitato di Licodia Eubea. Si tratta di una delle opere, nel suo genere, più significative presenti in Sicilia, che durante il periodo paleocristiano e tardo antico, nei pressi della collina, venne rimaneggiata e trasformata in sepolcreti e piccole catacombe. Intorno all’VIII secolo d. C. i bizantini, per contrastare gli incessanti assalti dei Musulmani che a partire dal VII secolo avevano iniziato a saccheggiare le città costiere dell’Isola, costruirono, sulla sommità del massiccio roccioso, l’antica fortezza, di cui oggi rimane il paramento murario esterno e l’agglomerato cementizio al suo interno, tipico del sistema costruttivo adottato nell’Isola durante la dominazione bizantina. Distrutta dai Musulmani, il sito venne denominato col nome di al Kudyah (la collina), come si desume dal toponimo moderno di Licodia. Le prime fonti scritte che menzionano il castello risalgono al 1272, momento in cui gli Angioini, dopo la conquista dell’Isola, redassero un elenco delle fortezze presenti in Sicilia. Durante la presenza francese nell’Isola, il castello e le terre di Licodia passarono dalla fazione angioina a quella aragonese a seconda delle alterne vicende, fino al 1393. Quando, dopo le sanguinose lotte tra Catalani e Latini, che portarono in Sicilia al governo il duca Martino di Montblanc, il castello venne affidato a Ughetto Santapau, componente della nobile famiglia Catalana, giunta in Sicilia a seguito dei Martino. I Santapau ressero le sorti di Licodia fino al 1618, quando l’ultima Santapau, Donna Camilla, a seguito della sua morte, lasciò il marchesato di Licodia al figlio Vincenzo Ruffo Santapau. Vincenzo Ruffo preferì vivere a Napoli, da dove arrivavano opere d’arte di artisti napoletani, che oggi in parte si conservano nelle chiese di Licodia Eubea; morì a Napoli il 22 giugno 1632. I Ruffo, comunque, non vissero nel castello di Licodia, ma preferirono vivere altrove. L’undici di gennaio del 1693 una terribile scossa di terremoto distrusse molte città e paesi della Sicilia sud orientale, tra cui Licodia e l’antico maniero, testimone di un passato che ancora oggi in parte si conserva e che attende che di essere svelato.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2010, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te