Giornate FAI di Primavera
Sabato 23 e domenica 24 marzo 2024
CASTELLO E PARCO DI MASINO

CASTELLO E PARCO DI MASINO

CARAVINO, TORINO

Vuoi partecipare a una iniziativa speciale? Clicca qui
Condividi
CASTELLO E PARCO DI MASINO
Loading

Questo sito ha beneficiato di un contributo del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale per il restauro e l’adeguamento funzionale di rilevanti parti del complesso.


In caso di particolare affluenza l’ingresso al luogo potrebbe non essere garantito.

Da oltre mille anni, il Castello di Masino domina la vasta piana del Canavese da un'altura antistante la suggestiva barriera morenica della Serra di Ivrea: dal Belvedere si gode di un paesaggio suggestivo ancora oggi intatto. Questa posizione strategica costò al maniero frequenti contese, ma la nobile famiglia dei Valperga – che la tradizione vuole discendente da Arduino, primo re d'Italia – ne mantenne il possesso dalle origini, documentate già nel 1070.

Nel corso dei secoli l'illustre famiglia convertì il Castello in residenza aristocratica e poi in elegante dimora di villeggiatura. A raccontare questo glorioso passato sono i saloni affrescati e arredati con grande cura (tra cui il Salone dei Savoia da poco restaurato), le camere per gli ambasciatori, gli appartamenti privati, i salotti, le terrazze panoramiche: un raffinato sfoggio di gusto e di cultura che trova espressione anche negli ambienti del sapere, come la preziosa biblioteca che conserva più di 25 mila volumi antichi.

Intorno, un monumentale parco romantico con uno dei più grandi labirinti d'Italia, un maestoso viale alberato, ampie radure e angoli scenografici che in autunno si riempiono di eccezionali fioriture. Andare a visitare Masino regala ogni volta un'esperienza diversa: dalla visita al Castello, secondo le tante modalità proposte, a una giornata all'aperto per vivere il Parco oppure, ancora, uno fra i numerosi eventi organizzati nell'anno, magari godendo della caffetteria panoramica, anche in compagnia dei bambini.

COSA SCOPRIRETE DURANTE LE GIORNATE FAI?

Sabato 23 e domenica 24 marzo tante proposte attendono i visitatori all'interno del castello e nel parco Settecentesco. Scopriremo le origini della dimora dei Conti Valperga, percorreremo le sale e gli ambienti recentemente restaurati dal FAI, apprezzeremo il parco nella sua evoluzione nei secoli, dal giardino delle rose al giardino dei cipressi fino al tempietto neogotico. Accompagnatori di eccezione gli studenti del Liceo Carlo Botta di Ivrea. Visita guidata del Castello con approfondimenti dei restauri del Salone Savoia: la storia del luogo e della famiglia Valperga. Chi è iscritto FAI (o chi si iscrive/rinnova in loco) potrà eccezionalmente accedere agli ambienti situati al piano interrato della Torrazza, l'antica torre fortificata del Castello.

Testo scritto da Staff

Iniziative speciali

Il laboratorio del sapere: spazi nascosti al Castello di Masino. Chi è iscritto FAI (o chi si iscrive/rinnova in loco) potrà eccezionalmente accedere agli ambienti situati al piano interrato della Torrazza, l'antica torre fortificata del Castello. Un percorso inedito, alla scoperta di luoghi affascinanti e ricchi di significato, tra preesistenze medievali e nuove destinazioni d’uso. Dalla misteriosa Stanza dei colori alla Biblioteca Rotonda con la “camera oscura”, tra decorazioni di gusto neoclassico e antichi cammei, testimonianza della raffinata cultura di uno dei maggiori intellettuali europei, Tommaso Valperga di Masino abate di Caluso (1737-1815).

Visite a cura di

Visita libera del Castello accompagnati dagli studenti del Liceo Carlo Botta di Ivrea.

Aperture vicine

CAPPELLA DI SAN FERREOLO

GROSSO, TORINO

OSSERVATORIO ASTRONOMICO E PLANETARIO DI ALPETTE

ALPETTE, TORINO

ECOMUSEO DEL RAME, LAVORO E RESISTENZA

ALPETTE, TORINO

FUCINA DEL RAME DI RONCO CANAVESE

RONCO CANAVESE, TORINO

CHIESA DI SANTA MARIA DI SPINERANO

SAN CARLO CANAVESE, TORINO

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI E PIEVE DI SAN LORENZO

SETTIMO VITTONE, TORINO

CRIPTA E BATTISTERO DEL COMPLESSO DI SAN FILIPPO NERI

TORINO

PALAZZO CARPANO GIÀ ASINARI DI SAN MARZANO

TORINO

Vuoi saperne di più su questo luogo?
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
CASTELLO E PARCO DI MASINO | ph. © Franco Bello

Castello e Parco di Masino

Il castello millenario nel cuore del Canavese

English Version
Condividi
Castello e Parco di Masino

tipologia

Bene aperto al pubblico

contatti

0125 778100
faimasino@fondoambiente.it

Immersa in un parco monumentale, la dimora di un illustre casato piemontese: la famiglia dei conti Valperga di Masino. Mille anni di storia narrati in un coinvolgente percorso, tra saloni affrescati e arredati.

Acquistato dal FAI da Luigi Valperga di Masino grazie alla donazione Giulia Maria Crespi e alla donazione FIAT, Cassa di Risparmio di Torino e Maglificio-calzificio torinese, nel 1988

READ THE ENGLISH VERSION

Da oltre mille anni, il Castello di Masino domina la vasta piana del Canavese da un’altura che è parte della suggestiva barriera morenica della Serra di Ivrea: un paesaggio intatto e infinito, tra le più ampie e meglio conservate formazioni geologiche di origine gaciale d’Europa. Questa posizione strategica costò al maniero frequenti contese, ma il nobile casato dei Valperga, che vantava una discendenza da Arduino di Ivrea, re d’Italia nel 1002, riuscì a conquistarne il possesso per più di nove secoli.

Nel tempo i Valperga convertirono il Castello da presidio fortificato a residenza aristocratica e dimora di villeggiatura. Un passato glorioso, che ancora si respira attraversando i saloni affrescati e arredati con sfarzo, le camere per gli ambasciatori, gli appartamenti privati, i salotti, le terrazze panoramiche. Gli ambienti dedicati alla celebrazione del sapere, come la preziosa biblioteca che conserva più di 25mila volumi antichi, sono un raffinato sfoggio di cultura sei e settecentesca . Particolare importanza rivestono gli spazi verdi, articolati su più livelli: dal giardino formale all’italiana e alla francese, all’affascinante parco “romantico” all’inglese, alle terrazze panoramiche, al secondo labirinto più grande d’Italia, attestato già nel XVII secolo e ricostruito dal FAI sulla base di antichi documenti.

Visitare Masino regala ogni volta un’esperienza diversa: dalla visita al Castello per gli appassionati di arte e di storia, a una giornata all’aria aperta nel meraviglioso Parco. Il castello si anima in occasione dei numerosi eventi che qui sono ospitati nel corso dell’anno. Visitare Masino è possibile anche in compagnia dei bambini, che qui possono divertirsi partecipando alla divertente caccia al tesoro o visitando il Museo delle Carrozze,...

Leggi tutto
Scopri il Castello di Masino attraverso il racconto di Marco Magnifico, Presidente del FAI.
Guarda il servizio che GEO RAI 3 ha dedicato a questo luogo
Loading

Da non perdere

Sala da ballo, CASTELLO E PARCO DI MASINO, CARAVINO (TO )
La visita agli interni

Un vero e proprio viaggio nel tempo, tra saloni, camere e passaggi segreti, che racconta la storia millenaria della famiglia Valperga, dove oggi si conserva...

Leggi tutto
Il labirinto, CASTELLO E PARCO DI MASINO, CARAVINO (TO )
Il labirinto settecentesco

Un "rompicapo" di siepi tra i più grandi in Italia dove avventurarsi attraverso più di mille piante di carpini sagomate con minuziosa regolarità, divertendosi...

Leggi tutto
Caffetteria, CASTELLO E PARCO DI MASINO, CARAVINO (TO )
Il Caffè panoramico

La deliziosa caffetteria sulla Terrazza degli Oleandri, dove rilassarsi gustando le specialità gastronomiche locali e ammirando l’eccezionale panorama...

Leggi tutto
Il Giardino dei Cipressi, CASTELLO E PARCO DI MASINO, CARAVINO (TO )
Una giornata nel verde

Il lussureggiante Parco all’inglese dove passeggiare, correre, giocare, leggere o fare un pic-nic tra il monumentale viale alberato, i giardini all’italiana...

Leggi tutto
Rosa dei Venti del Castello di Masino, CASTELLO E PARCO DI MASINO, CARAVINO (TO )
L'accessibilità

Il Castello e Parco di Masino è accessibile ai disabili cognitivi grazie al progetto "Bene FAI per tutti".

Leggi tutto
Questo luogo è uno dei Beni che il FAI ha restaurato con cura e aperto al pubblico, perché tutti possano scoprirlo e amarlo.

Per mantenerlo intatto e curarlo in modo adeguato, questo luogo - come tutti gli altri salvati dal FAI - necessita di un’attenta manutenzione, sia ordinaria che straordinaria, e periodici interventi di restauro. Inoltre, i costi di gestione che permettono l’apertura al pubblico sono significativi. Per questo abbiamo bisogno di un aiuto concreto da parte di chi, come noi, vuole mantenere vivi per sempre luoghi unici e speciali.

Ultime News

Eventi

Sabato 1 e domenica 2 giugno ti diamo “Appuntamento in giardino”

2024-05-23

Anche quest’anno il FAI aderisce ad “Appuntamento in giardino”, un'attività proposta dall'APGI - Associazione Parchi e Giardini d'Italia. Tr...

Attualità

Divertenti gite in famiglia alla scoperta di arte, storia e natura

2024-05-23

Nel mese che inaugura l’estate non c'è niente di meglio che giocare all'aperto. Abbiamo scelto alcuni dei nostri Beni con parchi e giardini ...

Eventi

Due fine settimana dedicati alle “Camminate nella biodiversità”

2024-05-14

In occasione della Giornata mondiale della biodiversità, 22 maggio, il FAI promuove per il secondo anno le “Camminate nella biodiversità”, c...

Attualità

Lo stato di salute degli insetti impollinatori indica la qualità degli habitat

2024-05-09

«Nei giardini dei Beni FAI vi è un’elevata attenzione alla biodiversità: piante, cespugli e alberi vengono scelti e piantumati per creare un...

Ti potrebbero interessare

Castello della Manta

MANTA, CUNEO

Storie e miracoli della fontana della giovinezza nel Marchesato di Saluzzo

Collezione Enrico a Villa Flecchia

MAGNANO, BIELLA

Paesaggi d’arte in cima all’anfiteatro morenico della Serra d’Ivrea
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te