ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASA DEL MUTILATO

CASA DEL MUTILATO

ALESSANDRIA

55°

POSTO

2,345

VOTI 2022
CASA DEL MUTILATO
La costruzione della Casa del Mutilato è stata promossa dalla Sezione locale dell’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra già dalla metà degli anni trenta. Il progetto, affidato all’ingegner Venanzio Guerci, uno dei massimi esponenti dell’architettura alessandrina del novecento, nasce nel 1938. L’obiettivo era quello di dare una sede moderna e decorosa alla predetta associazione ed alle altre organizzazioni minori del settore. L’inaugurazione avvenne il 9 giugno del 1940. Lo stile dell’ingegner Guerci non era del tutto allineato alle tendenze razionalistiche dell’epoca, ma era ancora legato a canoni di inizio novecento. L’edificio, pertanto, presenta alcune caratteristiche tipiche del razionalismo, ma, anche, e soprattutto, moderniste. La Casa del Mutilato, con una pianta a forma di C, è composta da un piano seminterrato e tre piani fuori terra, con una grande balconata a forma di arengario verso la piazza. Il modernismo dell’edificio è evidente soprattutto nell’illuminazione della scala interna, assai imponente, ricoperta di marmo bianco di Carrara. Infatti, la finestra a tutta altezza, presente nella parte d’angolo, consente un’ottima illuminazione della scala e dei locali d’ingresso. Il basamento verso piazza d’Annunzio è totalmente coperto da grandi lastre di marmo, con linee semplici. I piani superiori sono caratterizzati da una serie di aperture delimitate da sottili cornici. Molto aggettante il coronamento superiore dell’edificio. Nel complesso il progetto riflette la solennità, la grandiosità e la commistione fra funzionalità e magnificenza, tipici dell’edilizia pubblica di quel periodo. Nel seminterrato si trovavano un salone, un piccolo bar, una biblioteca, ed il sacrario. Al piano rialzato, invece, vi era il salone delle adunanze, capace di duecentocinquanta posti a sedere. Nei piani superiori i locali erano destinati alle varie associazioni e all’abitazione del custode. Molti furono gli artisti chiamati a decorare la nuova costruzione. Il pittore Pietro Morando realizzò una ciclo di affreschi per l’area seminterrata, ove si trovava il “Sacrario”, comprendente un grande dipinto centrale e dieci “Santi Guerrieri”. Il grande dipinto andò perduto dopo la seconda guerra mondiale, mentre i ritratti dei Santi furono staccati dalle pareti negli anni settanta. Il salone delle adunanze, invece, è stato decorato con il grande dipinto murale di Alberto Caffassi, con il quale si voleva celebrare il “Sacrificio del Reduce” e la Vittoria italiana nella Grande Guerra. Tale dipinto, a causa dell’umidità che lo ha danneggiato, necessita di urgenti interventi di recupero. Molti artisti della provincia alessandrina furono chiamati a contribuire all'apparato decorativo: lo scultore Pietro Lagostena collaborò con un “San Sebastiano” mutilo, Filippo Bausola, scultore cieco di guerra, con una “Pietà” e la pittrice Dina Bellotti, con una tempera a decorazione della sala del direttorio. Quando nel 2004 l’edificio fu venduto ad una società immobiliare, queste opere andarono disperse e si trovano ora in altre sedi; alcune sono state cedute dall’A.N.M.I.G alle Collezioni Civiche del Comune di Alessandria. A seguito del fallimento della società acquirente, l’immobile ha conosciuto anni di abbandono e di totale degrado. Recentemente è stato acquistato da Confindustria Alessandria, che, dopo importanti lavori di recupero, vi trasferirà i propri uffici. La Casa del Mutilato diverrà anche sede di una Fondazione, creata da Confindustria Alessandria ma aperta a tutti, privati ed enti pubblici, che si occuperà di sostenibilità d’impresa, di welfare, di progetti di formazione, cultura, sostenibilità e transizione ecologica.

Gallery

Scheda completa al 65%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Questo luogo è sostenuto da:

INSIEME PER ALESSANDRIACONFINDUSTRIA ALESSANDRIA

Vota altri luoghi vicini

9,093°
10 voti

Edificio civile

ACQUEDOTTO BORSALINO – GIARDINI

ALESSANDRIA

4,781°
16 voti

Edificio civile

FABBRICA LAZZARO BORSALINO

ALESSANDRIA

3,942°
18 voti

Cappella

CAPPELLA STAZIONE FERROVIARIA DI ALESSANDRIA

ALESSANDRIA

Vota altri luoghi simili

13°
5,980 voti

Edificio civile

CIRCOLO COMBATTENTI E REDUCI

MILANO

52°
2,388 voti

Edificio civile

VILLA SULTANA, PRIMO CASINO D'ITALIA

OSPEDALETTI, IMPERIA

91°
1,288 voti

Edificio civile

I.T.T. "ALTAMURA-DA VINCI" DI FOGGIA

FOGGIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASA DEL MUTILATO

ALESSANDRIA

CASA DEL MUTILATO
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te