ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
BASILICA DI SANTA MARIA DELLA SANITÀ 

BASILICA DI SANTA MARIA DELLA SANITÀ 

NAPOLI

1,920°

POSTO

22

VOTI 2022
Condividi
BASILICA DI SANTA MARIA DELLA SANITÀ 
Sorge nel popolare Rione Sanità ed è nota con il nome di San Vincenzo detto 'o Munacone. Fu eretta su disegno di Fra' Giuseppe Nuvolo nel 1602-1613, sul sito delle catacombe di San Gaudioso. Il chiostro a pianta ellittica oggi è irrimediabilmente distrutto da uno dei piloni del ponte di santa Teresa degli Scalzi. La facciata, con decorazioni in stucco degli inizi del Settecento, è affiancata da un alto campanile costruito tra 1612 e 1614 (l'orologio in maiolica è settecentesco). Esternamente colpisce la bella cupola rivestita di maioliche gialle e verdi. La pianta è a croce greca con presbiterio rialzato, espediente questo ideato da Fra' Nuvolo per inglobare la preesitente basilica paleocristiana, permettendo quindi l'ingresso diretto alla catacomba. Ai lati dell'ingresso ci sono due acquasantiere a muro, in marmi policromi. La prima cappella a destra è dedicata a San Nicola, raffigurato nella pala d'altare in gloria tra il beato Ceslao di Cracovia e San Luigi Bertrando. Sulla parete destra della cappella è stato collocato, l'affresco con la Madonna della Sanità, proveniente dalla cripta. La seconda cappella è intitolata a San Pietro martire, la terza a destra, è dedicata a San Vincenzo Ferreri, sacerdote domenicano spagnolo, rappresentato nel dipinto di Luca Giordano mentre predica alla folla. La quarta cappella a destra, dedicata alla Madonna del Rosario, troviamo la grande pala di Giovan Bernardino Azzolino (1612), racchiusa in una cona di legno intagliato e dorato: il dipinto, nella parte centrale, raffigura la Madonna del Rosario e Santi. Nella quinta a destra, consacrata a Santa Caterina d'Alessandria, il dipinto con lo Sposalizio Mistico di Santa Caterina è opera di Andrea Vaccaro. Ancora del Vaccaro nella cappella successiva è la Santa Caterina da Siena che riceve le stimmate, realizzata nel 1659 come la precedente tela. La settima cappella a destra è dedicata alla Madonna del Buonconsiglio, raffigurata in un dipinto ottocentesco. Da poco vi è stata ricollocata la tela di Luca Giordano con i Santi Pio V e Alberto Magno, databile al 1672. Una bella scala a tenaglia, conduce alla parte presbiteriale dominata dall'altare maggiore, in marmi policromi, della seconda metà del Settecento. Al di sotto del presbiterio si apre l'ingresso alla basilica paleocristiana. La cappella dedicata al SS. Crocifisso ha sull'altare di sinistra il dipinto di Luca Giordano con L'estasi della Maddalena (1671-72) e ai lati Santa Marta e San Lazzaro. Nella cappella vicina, intitolata a San Tommaso d'Aquino, c'è il dipinto raffigurante San Tommaso che riceve il cingono della castità datato 1652, di Pacecco De Rosa.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

32,339° Posto

2 Voti
Censimento 2018

3,303° Posto

25 Voti
Censimento 2016

1,124° Posto

52 Voti
Censimento 2014

2,416° Posto

12 Voti
Censimento 2012

1,108° Posto

11 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

5,888°
9 voti

Area urbana, piazza

CENTRO DIREZIONALE DI NAPOLI

NAPOLI

11,583°
5 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

CAVALLI DI BRONZO (CAVALLI RUSSI)

NAPOLI

6,158°
9 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO DI NAPOLI

NAPOLI

Vota altri luoghi simili

29°
2,618 voti

Chiesa

PRIORATO DI SANT'ANDREA

PIAZZA ARMERINA, ENNA

30°
2,600 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIACOMO DELLA VITTORIA

ALESSANDRIA

32°
2,512 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN MINIATO DI CALAMECCA

CALAMECCA, PISTOIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

BASILICA DI SANTA MARIA DELLA SANITÀ 

NAPOLI

Condividi
BASILICA DI SANTA MARIA DELLA SANITÀ 
Sorge nel popolare Rione Sanità ed è nota con il nome di San Vincenzo detto 'o Munacone. Fu eretta su disegno di Fra' Giuseppe Nuvolo nel 1602-1613, sul sito delle catacombe di San Gaudioso. Il chiostro a pianta ellittica oggi è irrimediabilmente distrutto da uno dei piloni del ponte di santa Teresa degli Scalzi. La facciata, con decorazioni in stucco degli inizi del Settecento, è affiancata da un alto campanile costruito tra 1612 e 1614 (l'orologio in maiolica è settecentesco). Esternamente colpisce la bella cupola rivestita di maioliche gialle e verdi. La pianta è a croce greca con presbiterio rialzato, espediente questo ideato da Fra' Nuvolo per inglobare la preesitente basilica paleocristiana, permettendo quindi l'ingresso diretto alla catacomba. Ai lati dell'ingresso ci sono due acquasantiere a muro, in marmi policromi. La prima cappella a destra è dedicata a San Nicola, raffigurato nella pala d'altare in gloria tra il beato Ceslao di Cracovia e San Luigi Bertrando. Sulla parete destra della cappella è stato collocato, l'affresco con la Madonna della Sanità, proveniente dalla cripta. La seconda cappella è intitolata a San Pietro martire, la terza a destra, è dedicata a San Vincenzo Ferreri, sacerdote domenicano spagnolo, rappresentato nel dipinto di Luca Giordano mentre predica alla folla. La quarta cappella a destra, dedicata alla Madonna del Rosario, troviamo la grande pala di Giovan Bernardino Azzolino (1612), racchiusa in una cona di legno intagliato e dorato: il dipinto, nella parte centrale, raffigura la Madonna del Rosario e Santi. Nella quinta a destra, consacrata a Santa Caterina d'Alessandria, il dipinto con lo Sposalizio Mistico di Santa Caterina è opera di Andrea Vaccaro. Ancora del Vaccaro nella cappella successiva è la Santa Caterina da Siena che riceve le stimmate, realizzata nel 1659 come la precedente tela. La settima cappella a destra è dedicata alla Madonna del Buonconsiglio, raffigurata in un dipinto ottocentesco. Da poco vi è stata ricollocata la tela di Luca Giordano con i Santi Pio V e Alberto Magno, databile al 1672. Una bella scala a tenaglia, conduce alla parte presbiteriale dominata dall'altare maggiore, in marmi policromi, della seconda metà del Settecento. Al di sotto del presbiterio si apre l'ingresso alla basilica paleocristiana. La cappella dedicata al SS. Crocifisso ha sull'altare di sinistra il dipinto di Luca Giordano con L'estasi della Maddalena (1671-72) e ai lati Santa Marta e San Lazzaro. Nella cappella vicina, intitolata a San Tommaso d'Aquino, c'è il dipinto raffigurante San Tommaso che riceve il cingono della castità datato 1652, di Pacecco De Rosa.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2022
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te