ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ARMERIA DI CAPODIMONTE

ARMERIA DI CAPODIMONTE

NAPOLI

13,695°

POSTO

4

VOTI 2022
Condividi
ARMERIA DI CAPODIMONTE
L’armeria del Museo di Capodimonte si compone di un nucleo originario più antico appartenuto alla famiglia Farnese e alle sue guarnigioni (XV e XVII secolo) e di un nucleo borbonico (XVIII e XIX secolo) Al primo gruppo appartengono armi da fuoco, da difesa, armi bianche, spade e pugnali, armi da botta, armi in asta, armature e guarniture da guerra e da torneo, queste ultime incise all’acquaforte e parzialmente dorate, appartenenti ai membri di casa Farnese. La maggior parte degli armamenti è realizzata da abili armaioli milanesi, attivi tra il Cinquecento e il Seicento, tra cui il famoso Pompeo della Cesa. L’armeria conserva un valore altissimo malgrado danni e dispersioni subiti in seguito all’occupazione napoleonica. Prestigiosa è la sezione di armi da fuoco borbonica, alcune delle quali portate a Napoli da Carlo nel 1734, ad uso venatorio, altre realizzate dalla Fabbrica Reale di Napoli, fondata a Torre Annunziata per soddisfare le necessità e il fabbisogno dell’esercito borbonico. Ai maestri armieri, fra i quali spiccano Michele Battista, Emanuel Estevan, Carlo La Bruna, Biagio Ignesti, Natale del Moro, spettano una serie di pezzi che risentono dell’influenza dei modelli spagnoli. Fanno parte della raccolta anche fucili e pistole delle fabbriche inglesi e francesi, donate ai sovrani: fra questi va segnalata la coppia di pistole a fucile firmate da Jean Baptiste La Roche, celebre armaiolo al servizio di Luigi XV di Francia, dono offerto dai reali di Francia a Carlo di Borbone, in occasione della nascita del figlio Ferdinando nel 1751. Le armi bianche, le spade e le daghe provengono invece dalla Real Fabbrica o dalla Fabbrica degli Acciai, quest’ultima collocata nella palazzina, già della porcellana, nel Bosco di Capodimonte, dal 1782. Sono inoltre presenti alcuni esempi di modellini di cannoni e mortai utilizzati dalla scuola di artiglieria del regno.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

17,775° Posto

7 Voti
Censimento 2018

10,392° Posto

8 Voti
Censimento 2016

13,791° Posto

4 Voti
Censimento 2014

7,802° Posto

2 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

5,687°
9 voti

Area urbana, piazza

CENTRO DIREZIONALE DI NAPOLI

NAPOLI

1,851°
22 voti

Chiesa

BASILICA DI SANTA MARIA DELLA SANITÀ 

NAPOLI

11,326°
5 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

CAVALLI DI BRONZO (CAVALLI RUSSI)

NAPOLI

5,941°
9 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO DI NAPOLI

NAPOLI

Vota altri luoghi simili

144°
432 voti

Museo

IL VITTORIALE DEGLI ITALIANI

GARDONE RIVIERA, BRESCIA

282°
181 voti

Museo

RIMESSA LOCOMOTIVE MUSEO DI PRIMOLANO

PRIMOLANO, VICENZA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ARMERIA DI CAPODIMONTE

NAPOLI

Condividi
ARMERIA DI CAPODIMONTE
L’armeria del Museo di Capodimonte si compone di un nucleo originario più antico appartenuto alla famiglia Farnese e alle sue guarnigioni (XV e XVII secolo) e di un nucleo borbonico (XVIII e XIX secolo) Al primo gruppo appartengono armi da fuoco, da difesa, armi bianche, spade e pugnali, armi da botta, armi in asta, armature e guarniture da guerra e da torneo, queste ultime incise all’acquaforte e parzialmente dorate, appartenenti ai membri di casa Farnese. La maggior parte degli armamenti è realizzata da abili armaioli milanesi, attivi tra il Cinquecento e il Seicento, tra cui il famoso Pompeo della Cesa. L’armeria conserva un valore altissimo malgrado danni e dispersioni subiti in seguito all’occupazione napoleonica. Prestigiosa è la sezione di armi da fuoco borbonica, alcune delle quali portate a Napoli da Carlo nel 1734, ad uso venatorio, altre realizzate dalla Fabbrica Reale di Napoli, fondata a Torre Annunziata per soddisfare le necessità e il fabbisogno dell’esercito borbonico. Ai maestri armieri, fra i quali spiccano Michele Battista, Emanuel Estevan, Carlo La Bruna, Biagio Ignesti, Natale del Moro, spettano una serie di pezzi che risentono dell’influenza dei modelli spagnoli. Fanno parte della raccolta anche fucili e pistole delle fabbriche inglesi e francesi, donate ai sovrani: fra questi va segnalata la coppia di pistole a fucile firmate da Jean Baptiste La Roche, celebre armaiolo al servizio di Luigi XV di Francia, dono offerto dai reali di Francia a Carlo di Borbone, in occasione della nascita del figlio Ferdinando nel 1751. Le armi bianche, le spade e le daghe provengono invece dalla Real Fabbrica o dalla Fabbrica degli Acciai, quest’ultima collocata nella palazzina, già della porcellana, nel Bosco di Capodimonte, dal 1782. Sono inoltre presenti alcuni esempi di modellini di cannoni e mortai utilizzati dalla scuola di artiglieria del regno.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te