ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
AMATRICE - SANTUARIO DI SANTA MARIA DELLA FILETTA

AMATRICE - SANTUARIO DI SANTA MARIA DELLA FILETTA

AMATRICE, RIETI

522°

POSTO

14

VOTI 2023
Condividi
AMATRICE - SANTUARIO DI SANTA MARIA DELLA FILETTA
Il Santuario di Santa Maria della Filetta si trova a Rocchetta, frazione di Amatrice, immerso in un maestoso querceto. È dedicato alla patrona di Amatrice e la sua storia rimonta al giorno dell’Ascensione del 1472, quando la giovane pastorella Chiarina Valente, colta di sorpresa da un violento temporale, si rifugiò sotto una quercia dove trovò un antico cammeo con una figura femminile risplendente di luce. L’effigie, riconosciuta come un’antica immagine della Vergine, divenne subito oggetto della venerazione popolare e nel luogo del miracoloso ritrovamento fu eretto il santuario dedicato a Santa Maria. Ancora oggi il Santuario, molto caro agli amatriciani, è meta di un pellegrinaggio annuale che vede la partecipazione di moltissimi fedeli. Oltre all’importanza affettiva che questo luogo riveste per i cittadini, il Santuario è rilevante a livello artistico: eretto in poco tempo nell’anno 1472, è un edificio in pietra con un’unica navata conclusa da un’ampia abside semicircolare, decorata da un prezioso ciclo di affreschi del pittore Pierpalma da Fermo, attivo soprattutto nelle Marche nella seconda metà del Quattrocento. Il ciclo, dedicato al ritrovamento del cammeo, raffigura la storia del miracolo e della nascita del santuario: sotto il Cristo benedicente dell’abside troviamo a destra la giovane Chiara inginocchiata e gli uomini al lavoro per la costruzione della pieve, mentre a sinistra è rappresentata la processione che da Amatrice ogni anno si reca al Santuario. Fanno da sfondo i Monti della Laga e la città di Amatrice. Lo stile del pittore, influenzato dal rinascimento umbro-toscano, si distingue per l’attenta descrizione della vita quotidiana, che spicca nel corteo della società quattrocentesca amatriciana visibile ai piedi del ciclo affrescato: i notabili col mantello nero ed il copricapo, i gruppi delle confraternite con i mantelli bianchi, il gruppo di donne. L’effigie della Madonna era da tempo conservata all’interno del borgo di Amatrice e il suo ritrovamento tra le macerie della chiesa di Sant'Agostino, a pochi giorni dal sisma del 24 agosto, è stato colto dagli abitanti, profondamente legati alla tradizione del pellegrinaggio alla Filetta, come un segno di grazia e speranza di rinascita. Il Santuario, proprio perché così importante e poiché compromesso sia nella struttura dell’edificio che nella decorazione – che per il suo rilievo era stata oggetto di un restauro effettuato tra il 2008 e il 2012 ad opera della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Lazio - è ora un luogo del cuore.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

522° Posto

14 Voti
Censimento 2020

14,571° Posto

9 Voti
Censimento 2020

953° Posto

9 Voti
Censimento 2018

1,632° Posto

53 Voti
Censimento 2016

53° Posto

5,911 Voti
Censimento 2003

882° Posto

2 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

532°
4 voti

Chiesa

CHIESA SANTA MARIA DEL SUFFRAGIO

AMATRICE, RIETI

518°
18 voti

Chiesa

CHIESA DI SANT'AGOSTINO E PORTA CARBONARA

AMATRICE, RIETI

521°
15 voti

Chiesa

CHIESA DELL'IMMACOLATA CONCEZIONE

AMATRICE, RIETI

532°
4 voti

Museo

MUSEO CIVICO "COLA FILOTESIO"

AMATRICE, RIETI

Scopri altri luoghi simili

8,627 voti

Santuario

SANTUARIO E CHIESA RUPESTRE DI SAN VITTORE M.

BREMBATE, BERGAMO

44°
3,105 voti

Santuario

SANTUARIO MADONNA DELLA GUARDIA

ORNAVASSO, VERBANO CUSIO OSSOLA

60°
2,323 voti

Santuario

SANTUARIO DELL'EREMITA

MALLARE, SAVONA

83°
1,593 voti

Santuario

SANTUARIO NOSTRA SIGNORA DEL DESERTO

MILLESIMO, SAVONA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

AMATRICE - SANTUARIO DI SANTA MARIA DELLA FILETTA

AMATRICE, RIETI

Condividi
AMATRICE - SANTUARIO DI SANTA MARIA DELLA FILETTA
Il Santuario di Santa Maria della Filetta si trova a Rocchetta, frazione di Amatrice, immerso in un maestoso querceto. È dedicato alla patrona di Amatrice e la sua storia rimonta al giorno dell’Ascensione del 1472, quando la giovane pastorella Chiarina Valente, colta di sorpresa da un violento temporale, si rifugiò sotto una quercia dove trovò un antico cammeo con una figura femminile risplendente di luce. L’effigie, riconosciuta come un’antica immagine della Vergine, divenne subito oggetto della venerazione popolare e nel luogo del miracoloso ritrovamento fu eretto il santuario dedicato a Santa Maria. Ancora oggi il Santuario, molto caro agli amatriciani, è meta di un pellegrinaggio annuale che vede la partecipazione di moltissimi fedeli. Oltre all’importanza affettiva che questo luogo riveste per i cittadini, il Santuario è rilevante a livello artistico: eretto in poco tempo nell’anno 1472, è un edificio in pietra con un’unica navata conclusa da un’ampia abside semicircolare, decorata da un prezioso ciclo di affreschi del pittore Pierpalma da Fermo, attivo soprattutto nelle Marche nella seconda metà del Quattrocento. Il ciclo, dedicato al ritrovamento del cammeo, raffigura la storia del miracolo e della nascita del santuario: sotto il Cristo benedicente dell’abside troviamo a destra la giovane Chiara inginocchiata e gli uomini al lavoro per la costruzione della pieve, mentre a sinistra è rappresentata la processione che da Amatrice ogni anno si reca al Santuario. Fanno da sfondo i Monti della Laga e la città di Amatrice. Lo stile del pittore, influenzato dal rinascimento umbro-toscano, si distingue per l’attenta descrizione della vita quotidiana, che spicca nel corteo della società quattrocentesca amatriciana visibile ai piedi del ciclo affrescato: i notabili col mantello nero ed il copricapo, i gruppi delle confraternite con i mantelli bianchi, il gruppo di donne. L’effigie della Madonna era da tempo conservata all’interno del borgo di Amatrice e il suo ritrovamento tra le macerie della chiesa di Sant'Agostino, a pochi giorni dal sisma del 24 agosto, è stato colto dagli abitanti, profondamente legati alla tradizione del pellegrinaggio alla Filetta, come un segno di grazia e speranza di rinascita. Il Santuario, proprio perché così importante e poiché compromesso sia nella struttura dell’edificio che nella decorazione – che per il suo rilievo era stata oggetto di un restauro effettuato tra il 2008 e il 2012 ad opera della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Lazio - è ora un luogo del cuore.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te