ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VALLONE DI CIME BIANCHE

VALLONE DI CIME BIANCHE

AYAS, AOSTA

209°

POSTO

400

VOTI 2022
Condividi
VALLONE DI CIME BIANCHE

Il Vallone delle Cime Bianche si trova nella Val d’Ayas, una valle laterale della Valle d’Aosta, l’ultima vasta area dell’intera Val d’Ayas priva di piste da sci o impianti di risalita, di strade e strutture invasive per l'ecosistema. È un luogo di grande valore unico per natura, storia e cultura. Natura: 1.perchè costituisce una piccola e intatta perla di ecologia alpina. Infatti, buona parte del territorio è sottoposto al regime di ZSC-ZPS, massima protezione naturalistica prevista dalle norme europee (IT1204220 - Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa); 2.perchè per la flora, il vallone è stato segnalato dalla Società` Botanica Italiana fra i biotopi italiani meritevoli di conservazione; 3.perchè presenta una fauna ricchissima. Fra gli uccelli, inseriti nell’Allegato I della Direttiva 2009/147/CE, vi nidificano la coturnice, l’aquila reale, il gracchio corallino, la pernice bianca, il gallo forcello, il fringuello alpino ed il culbianco. 4.perchè i paesaggi, per la loro varietà`, sorprendono il visitatore a ogni svolta del sentiero. 5.perchè, sul piano geologico, la completezza dei vari elementi costituenti l'antico fondo oceanico, la loro distribuzione in tre livelli ben distinti e la chiarezza delle varie associazioni mineralogiche rappresentano un unicum. In particolare campeggiano le tre Cime Bianche, la cui fascia chiara è quanto rimane delle isole coralline di un mare tropicale sconvolto dallo scontro della zolla africana con quella europea. Storia:1.perché´ il Vallone ha da sempre rappresentato il miglior passaggio fra il Vallese, la Valle d'Aosta e la pianura padana. La stessa presenza romana è documentata in sole due valli del Monte Rosa, quella di Ayas e quella di Zermatt, tramite il reperimento di tombe databili al I e II secolo d.C. e monete rinvenute al passo del Teodulo, conservate nei musei di Zermatt, Briga e Aosta. 2.perchè la testata della Valle d'Ayas, e in particolare il Vallone delle Cime Bianche, presenta un patrimonio senza eguali di testimonianze relative all'estrazione e alla lavorazione della pietra ollare in alta quota, fin dall'epoca romana, con un apice nel corso del VI e VII secolo. 3.perché´ in epoca medievale la Val d'Ayas era feudo ecclesiastico dell'abbazia di Saint Maurice d’Agaune, non distante da Martigny. 4.perchè nel XIII secolo il Vallone costituì uno dei principali itinerari di accesso della colonizzazione walser che interessò l'intero versante meridionale del Monte Rosa. 5.perchè per alcuni secoli il Vallone rappresentò la parte terminale della valle dei mercanti (Kraemerthal) che era la via privilegiata di scambi fra il Vallese, la Valle d'Aosta e la pianura lombarda. 6.perchè nel Vallone ha origine il Ru Courtod, realizzato fra il 1393 e il 1433 per portare acqua irrigua alle aride colline di Saint-Vincent, Emarese e Challant-Saint-Anselme, con percorso di 25 km, tutt'ora in attività. Cultura: 1.perchè fra i legati culturali del Vallone delle Cime Bianche va ricordata l’intensa frequentazione dell'Hotel Bellevue di Fiéry da parte delle élite borghesi tra Ottocento e Novecento.

Il Vallone è oggi minacciato da un Progetto funiviario, e non sciistico, proposto dalle società Cervino e Monterosaski, tra Frachey, in Val d’Ayas e il comprensorio sciistico di Valtournenche/Breuil. In questi mesi il progetto è in corso di valutazione, nonostante la normativa nazionale e regionale, in base alla direttiva europea 79/409/CEE e 92/43/CEE Habitat, vietino espressamente di realizzare impianti a fune e piste da sci in quest’area.

Gallery

vallone di cime bianche, VALLONE DI CIME BIANCHE, AYAS (AO )
vallone di cime bianche, VALLONE DI CIME BIANCHE, AYAS (AO )
vallone di cime bianche, VALLONE DI CIME BIANCHE, AYAS (AO )
vallone di cime bianche, VALLONE DI CIME BIANCHE, AYAS (AO )
vallone di cime bianche, VALLONE DI CIME BIANCHE, AYAS (AO )
vallone di cime bianche, VALLONE DI CIME BIANCHE, AYAS (AO )
vallone di cime bianche, VALLONE DI CIME BIANCHE, AYAS (AO )
vallone di cime bianche, VALLONE DI CIME BIANCHE, AYAS (AO )
vallone di cime bianche, VALLONE DI CIME BIANCHE, AYAS (AO )

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

445° Posto

608 Voti
Censimento 2020

83° Posto

608 Voti
Censimento 2018

2,179° Posto

38 Voti
Censimento 2016

3,852° Posto

16 Voti
Censimento 2014

419° Posto

146 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

18,114°
4 voti

Area naturale

BAITE DI CREST E CUNEAZ

AYAS, AOSTA

Vota altri luoghi simili

14°
5,952 voti

Area naturale

IL NOSTRO CARSO-NAŠ KRAS

CARSO-KRAS, PROV. TRIESTE-, GORIZIA

15°
5,757 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

17°
5,000 voti

Area naturale

ANTICA SALINA CAMILLONE

CERVIA, RAVENNA

41°
2,898 voti

Area naturale

BASALTI COLONNARI DEL PARCO SAN MARCO

GAMBELLARA, VICENZA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

VALLONE DI CIME BIANCHE

AYAS, AOSTA

Condividi
VALLONE DI CIME BIANCHE
Il Vallone delle Cime Bianche, di Cortot o Cortaud si trova in Val d’Ayas (Valle d’Aosta). Si tratta dell’ultima vasta area dell’intera Val d’Ayas priva di piste da sci o impianti di risalita, di strade, centraline idroelettriche private e strutture invasive per l'ecosistema. Il Vallone è un luogo di grande valore per via del suo raro, fragile ecosistema, caratterizzato da peculiarità geologiche: tra tutte campeggiano le tre Cime Bianche (Gran Sometta, Bec Carré e Pointe Sud), la cui fascia chiara è quanto rimane delle isole coralline di un mare tropicale sconvolto dallo scontro della zolla europea con quella africana. É caratterizzato da un’unica biodiversità che gli ha meritato l’elogio da parte della Società Botanica Italiana, grazie alle miriadi di polle, zone umide e macereti, torrenti e laghi d’alta quota. Il suo retaggio storico risale agli albori della presenza e del transito umano in queste terre, fino all’importante ambito Walser. È un’area archeologica rilevante a causa della presenza di siti estrattivi e di lavorazione della pietra ollare, nonché di cottura della calce. É di primaria importanza a livello turistico grazie alla frequentazione estiva in aumento, all’offerta di meraviglie naturali, nonché al Tour du Mont Rose che vi transita. Per tali e altri motivi il Vallone è tutelato dalla ZPS “Ambienti Glaciali del Gruppo del Monte Rosa” (IT1204220), derivata dalla rete europea Natura 2000. IL PROGETTO FUNIVIARIO NEL VALLONE DI CIME BIANCHE Nel 2015 è stato proposto un progetto di collegamento funiviario e non sciistico, tra Frachey, in Val d’Ayas, e gli impianti a monte di Cervinia. Era lo Studio urbanistico ambientale del “Progetto INTERREG 2007-2013 Alplinks” che nell’alternativa prescelta puntava al Colle Superiore delle Cime Bianche. Sempre nel 2015 seguì l’”Analisi delle potenzialità di sviluppo di un sistema di mobilità integrata nell’area Cervino-Monte Rosa”, egualmente favorevole, malgrado il riconoscimento di svariati fattori contrari. Nel 2017 il Servizio impianti a fune della Valle d’Aosta fornì una relazione sul progetto, indicando il Colle Inferiore come punto di arrivo. Il 21 gennaio 2020 la IIa Commissione del Consiglio Valle ha approvato la bozza del “Documento di economia e finanza regionale per il triennio 2020-2022”, che definiva il collegamento “risposta attiva ai cambiamenti climatici”. La versione definitiva del DEFR, approvata il 30 gennaio, prevedeva di “Dar corso, da parte dei concessionari coinvolti, agli studi propedeutici per giungere alla decisione basata sulle analisi di realizzabilità in termini di sostenibilità finanziaria, ambientale e urbanistica”, per “Valutare la realizzabilità del collegamento tra i comprensori di Cervinia e Monterosa”. LA SITUAZIONE NORMATIVA Il Vallone è protetto dalla ZPS “Ambienti Glaciali del Gruppo del Monte Rosa”(IT1204220), parte della rete Natura 2000, ai sensi della Direttiva 92/43/CEE “Habitat”, di cui è responsabile il Ministero dell’Ambiente. In attuazione delle direttive europee 79/409/CEE e 92/43/CEE “Habitat”, la legge della Regione Valle d’Aosta 8/2007 vi ha vietato impianti a fune e piste da sci. IL VALLONE DELLE CIME BIANCHE: CONSERVAZIONE La causa della Conservazione è una delle più grandi sfide del nostro tempo, la chiave per affrontare e sopravvivere al conflitto tra uomo e ambiente. É una pratica che richiede un drastico cambio di mentalità: solo abbandonando un’ottica antropocentrica potremo aspirare a un progresso culturale ed etico. Questa grande causa interessa molti ecosistemi e specie che fanno parte dei territori a noi vicini. É una causa a “km zero”, cui siamo chiamati a contribuire. Il Vallone delle Cime Bianche è simbolo dell’integrità superstite dell’ambiente alpino, sempre più minacciata da politiche predatorie. Vi chiediamo di aiutarci a salvare uno degli ultimi baluardi di vera wilderness ai piedi del Monte Rosa. Aiutateci a salvare l’Ultimo Vallone Selvaggio!
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te