ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ROCCA

ROCCA

SAN FELICE SUL PANARO, MODENA

1,924°

POSTO

11

VOTI 2022
Condividi
LA ROCCA ESTENSE Il primo documento scritto relativo all’origine dell’abitato risale all’anno 927 e parla del “Castellum Sancti Felicis” da intendersi nell’accezione di villaggio fortificato e non ancora per la presenza di un fortilizio vero e proprio. Nel corso del ‘300 il territorio di San Felice passò sotto il controllo degli Estensi di Ferrara che promossero la costruzione di una prima Rocca. Inizialmente questa Rocca era composta solo dalla torre più alta chiamata mastio e da un muro perimetrale merlato in cui si aprivano due porte. Tutto il complesso era racchiuso a sua volta da un fossato con acqua. La Rocca subì una seconda trasformazione agli inizi del ‘400 ad opera di Bartolino da Novara, un architetto militare che si incaricò di modificarne la struttura secondo le innovazioni militari del tempo. Il fortilizio venne arricchito con le altre torri ora presenti e con un nuovo camminamento di ronda dandole l’aspetto che ancora oggi conserva. Le stanze più interessanti dal punto di vista storico si trovano all’interno del mastio: a piano terra è la prigione dove sull’intonaco delle pareti restano molti graffiti realizzati dai prigionieri. Salendo al piano superiore si entra nella stanza chiamata di Papa Giulio II. La tradizione racconta che il pontefice vi soggiornò nel gennaio dell’anno 1511, mentre si recava ad assediare la città di Mirandola. In questa stanza si ammira l’antico affresco raffigurante Sant’Antonio da Padova in adorazione del Bambino e il bel camino in stucco di fattura settecentesca. Nell’ultima stanza in cima al mastio, sulle pareti, si conservavano affreschi araldici quattrocenteschi raffiguranti l’aquila bianca estense su fondo blu. La Rocca ha subito numerosi danni a seguito del sisma del 2012. Sono in corso i primi lavori di consolidamento e restauro dell’edificio.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

4,802° Posto

31 Voti
Censimento 2018

8,351° Posto

10 Voti
Censimento 2016

6,171° Posto

10 Voti
Censimento 2014

3,208° Posto

8 Voti
Censimento 2012

271° Posto

96 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

20,508°
1 voto

Chiesa

CHIESA DI SAN BIAGIO IN PADULE

SAN FELICE SUL PANARO, MODENA

10,772°
2 voti

Giardino, parco urbano

GIARDINO DI VILLA FERRI

SAN FELICE SUL PANARO, MODENA

NC
0 voti

Area urbana, piazza

SAN FELICE SUL PANARO

SAN FELICE SUL PANARO, MODENA

Vota altri luoghi simili

3,375 voti

Ferrovia storica, ferrovia

STAZIONE BAYARD - LA STRADA DI FERRO NAPOLI - PORTICI.

NAPOLI

2,069 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

2,015 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,747 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ROCCA

SAN FELICE SUL PANARO, MODENA

Condividi
LA ROCCA ESTENSE Il primo documento scritto relativo all’origine dell’abitato risale all’anno 927 e parla del “Castellum Sancti Felicis” da intendersi nell’accezione di villaggio fortificato e non ancora per la presenza di un fortilizio vero e proprio. Nel corso del ‘300 il territorio di San Felice passò sotto il controllo degli Estensi di Ferrara che promossero la costruzione di una prima Rocca. Inizialmente questa Rocca era composta solo dalla torre più alta chiamata mastio e da un muro perimetrale merlato in cui si aprivano due porte. Tutto il complesso era racchiuso a sua volta da un fossato con acqua. La Rocca subì una seconda trasformazione agli inizi del ‘400 ad opera di Bartolino da Novara, un architetto militare che si incaricò di modificarne la struttura secondo le innovazioni militari del tempo. Il fortilizio venne arricchito con le altre torri ora presenti e con un nuovo camminamento di ronda dandole l’aspetto che ancora oggi conserva. Le stanze più interessanti dal punto di vista storico si trovano all’interno del mastio: a piano terra è la prigione dove sull’intonaco delle pareti restano molti graffiti realizzati dai prigionieri. Salendo al piano superiore si entra nella stanza chiamata di Papa Giulio II. La tradizione racconta che il pontefice vi soggiornò nel gennaio dell’anno 1511, mentre si recava ad assediare la città di Mirandola. In questa stanza si ammira l’antico affresco raffigurante Sant’Antonio da Padova in adorazione del Bambino e il bel camino in stucco di fattura settecentesca. Nell’ultima stanza in cima al mastio, sulle pareti, si conservavano affreschi araldici quattrocenteschi raffiguranti l’aquila bianca estense su fondo blu. La Rocca ha subito numerosi danni a seguito del sisma del 2012. Sono in corso i primi lavori di consolidamento e restauro dell’edificio.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te