Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PIANO DELLA CIVITA

PIANO DELLA CIVITA

ARTENA, ROMA

487°

POSTO

179

VOTI 2020
Condividi
PIANO DELLA CIVITA
Il cosiddetto Piano della Civita è situato circa a 1 km a sud della moderna cittadina di Artena. Lì si trovano importanti resti di una città antica, della quale si ignora a tutt’oggi il nome. Il sito occupa la sommità e le pendici di una collina poco accessibile, all’estremità settentrionale dei Monti Lepini, in una zona che in antichità fu al confine fra il territorio dei Latini, degli Equi e dei Volsci. Le pluriennali indagini di scavo condotte dalla missione archeologica belga poi franco-americana hanno riportato alla luce vestigia appartenenti a più fasi di occupazione, dal IV sec. a.C. fino al VII sec. d.C., che possono essere brevemente suddivise in tre periodi. Periodo repubblicano, metà del IV e l’inizio del III sec. a.C, a cui appartiene il lungo circuito della cinta muraria in opera poligonale che segue i contorni stessi dell’altopiano, secondo quel principio antico di fortificazione elementare che consisteva nel semplice rinforzamento delle difese naturali del luogo. Esso era attraversato da un asse stradale che si dirigeva dal centro verso un terrazzamento a nord, costruito anch’esso in opera poligonale. La cinta muraria difendeva all’interno un impianto urbanistico che include numerose abitazioni, ognuna delle quali disponeva di almeno una cisterna, il loro numero complessivo si attesta a circa venti vista l’assenza totale di una fonte d’acqua sul Piano della Civita. Tra i vari edifici di questa epoca merita interesse una struttura a pianta rettangolare con un annesso aggiunto in un secondo tempo a sud-est. L’edificio si apre verso sud-ovest, cioè verso valle e poi il mare. Con grande prudenza gli archeologi hanno ipotizzato che fosse un luogo di culto e l’hanno chiamato "l’edificio del mundus", composto da diversi vani: un vano occupato da una cisterna; una grande corte, con canaletto di adduzione d’acqua dal sottosuolo e condotto di fognatura; un vano con fossa circolare. L’apertura della fossa circolare era circondata da un orlo decorato in terracotta, dove si incastrano due livelli di ‘coperchio’, fatti di tegole. La cura estrema della chiusura ermetica suggerisce la natura speciale, perfino sacra della struttura tale da corrispondere ad "un mundus", descritto dagli autori antichi come una cavità sotterranea, con bocca stretta, consacrata alle potenze legate alla sfera funeraria, infernale o agraria, ad esempio Plutone, Proserpina o Cerere. La possibile presenza di un altare e l’orientamento nord-est, diverso rispetto agli altri edifici di quest’epoca, potrebbero essere un ulteriore argomento per l’ipotesi di un edificio pubblico a carattere cultuale. Epoca imperiale, a cui risale la villa rustica di cui finora sono stati scavati circa 1750 mq e la cui estensione totale non è ancora conosciuta. "L’opus reticulatum" rappresenta la tecnica più utilizzata nelle murature. Le stanze si sviluppano attorno ad un atrio nella parte settentrionale e ad un peristilio nella parte meridionale. Atrio e peristilio formano l’asse di simmetria principale della pianta. Lo spazio sotto l’atrio tetrastilo è occupato da una cisterna. Sopra la cisterna si trova l’impluvium, con quattro colonne incastrate negli angoli del muretto. Tra i vari ambienti che compongono la villa meritano menzione il torcular, del quale è conservato il piano di lavoro in opus caementicium, il piccolo complesso termale ed una stanza con pavimento a mosaico che si apre sul peristilio: un tappeto composto di 315 quadrati che si alternano regolarmente (bianchi, neri, bicromi) i cui muri erano rivestiti all’interno da intonaco bianco con tracce di pittura rossa, in parte conservato in situ. Epoca tardoantica, durante la quale sono stati attuati molti interventi che hanno profondamente cambiato l’identità della villa, trasformandola gradualmente da un complesso singolo in un insediamento più o meno ristretto o sparso, con funzioni varie.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

200° Posto

2,331 Voti
Censimento 2016

16,946° Posto

3 Voti

Vota altri luoghi vicini

2,691°
26 voti

Archeologia industriale

CASTELLO DI ARTENA

ARTENA, ROMA

5,860°
11 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZETTO DEL GOVERNATORATO DEL VASANZIO

ARTENA, ROMA

6,994°
9 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO E CHIESA

ARTENA, ROMA

Vota altri luoghi simili

12,844 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

9,576 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

6,202 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PIANO DELLA CIVITA

ARTENA, ROMA

Condividi
PIANO DELLA CIVITA
Il cosiddetto Piano della Civita è situato circa a 1 km a sud della moderna cittadina di Artena. Lì si trovano importanti resti di una città antica, della quale si ignora a tutt’oggi il nome. Il sito occupa la sommità e le pendici di una collina poco accessibile, all’estremità settentrionale dei Monti Lepini, in una zona che in antichità fu al confine fra il territorio dei Latini, degli Equi e dei Volsci. Le pluriennali indagini di scavo condotte dalla missione archeologica belga poi franco-americana hanno riportato alla luce vestigia appartenenti a più fasi di occupazione, dal IV sec. a.C. fino al VII sec. d.C., che possono essere brevemente suddivise in tre periodi. Periodo repubblicano, metà del IV e l’inizio del III sec. a.C, a cui appartiene il lungo circuito della cinta muraria in opera poligonale che segue i contorni stessi dell’altopiano, secondo quel principio antico di fortificazione elementare che consisteva nel semplice rinforzamento delle difese naturali del luogo. Esso era attraversato da un asse stradale che si dirigeva dal centro verso un terrazzamento a nord, costruito anch’esso in opera poligonale. La cinta muraria difendeva all’interno un impianto urbanistico che include numerose abitazioni, ognuna delle quali disponeva di almeno una cisterna, il loro numero complessivo si attesta a circa venti vista l’assenza totale di una fonte d’acqua sul Piano della Civita. Tra i vari edifici di questa epoca merita interesse una struttura a pianta rettangolare con un annesso aggiunto in un secondo tempo a sud-est. L’edificio si apre verso sud-ovest, cioè verso valle e poi il mare. Con grande prudenza gli archeologi hanno ipotizzato che fosse un luogo di culto e l’hanno chiamato "l’edificio del mundus", composto da diversi vani: un vano occupato da una cisterna; una grande corte, con canaletto di adduzione d’acqua dal sottosuolo e condotto di fognatura; un vano con fossa circolare. L’apertura della fossa circolare era circondata da un orlo decorato in terracotta, dove si incastrano due livelli di ‘coperchio’, fatti di tegole. La cura estrema della chiusura ermetica suggerisce la natura speciale, perfino sacra della struttura tale da corrispondere ad "un mundus", descritto dagli autori antichi come una cavità sotterranea, con bocca stretta, consacrata alle potenze legate alla sfera funeraria, infernale o agraria, ad esempio Plutone, Proserpina o Cerere. La possibile presenza di un altare e l’orientamento nord-est, diverso rispetto agli altri edifici di quest’epoca, potrebbero essere un ulteriore argomento per l’ipotesi di un edificio pubblico a carattere cultuale. Epoca imperiale, a cui risale la villa rustica di cui finora sono stati scavati circa 1750 mq e la cui estensione totale non è ancora conosciuta. "L’opus reticulatum" rappresenta la tecnica più utilizzata nelle murature. Le stanze si sviluppano attorno ad un atrio nella parte settentrionale e ad un peristilio nella parte meridionale. Atrio e peristilio formano l’asse di simmetria principale della pianta. Lo spazio sotto l’atrio tetrastilo è occupato da una cisterna. Sopra la cisterna si trova l’impluvium, con quattro colonne incastrate negli angoli del muretto. Tra i vari ambienti che compongono la villa meritano menzione il torcular, del quale è conservato il piano di lavoro in opus caementicium, il piccolo complesso termale ed una stanza con pavimento a mosaico che si apre sul peristilio: un tappeto composto di 315 quadrati che si alternano regolarmente (bianchi, neri, bicromi) i cui muri erano rivestiti all’interno da intonaco bianco con tracce di pittura rossa, in parte conservato in situ. Epoca tardoantica, durante la quale sono stati attuati molti interventi che hanno profondamente cambiato l’identità della villa, trasformandola gradualmente da un complesso singolo in un insediamento più o meno ristretto o sparso, con funzioni varie.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te