ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PAESAGGIO COLLI DELL'OLTREPO' PAVESE

PAESAGGIO COLLI DELL'OLTREPO' PAVESE

MONTALTO PAVESE, PAVIA

559°

POSTO

36

VOTI
Condividi
PAESAGGIO COLLI DELL'OLTREPO' PAVESE
Il borgo di Oliva Gessi sorge a 275 metri circa sulla prima collina dell'Oltrepò Pavese, tra la valle formata dal Rile San Zeno e quella del Verzate ed è circondata da campi agricoli e vigneti che lambiscono i comuni di Corvino San Quirico, Calvignano, Montalto Pavese, Mornico Losana e Torricella Verzate. L'abitato è costituito dal centro storico con castello, cascine, stalle e la grande casa dei massari; più in basso si trova la chiesa di San Martino, il circolo parrocchiale con il teatro, e il municipio. Da segnalare anche la frazione “Gessi” arroccata su roccia calcarea gessosa, con le antiche cave. Di origine romana, quando già si praticava la viticoltura, le prime notizie del borgo di Oliva Gessi risalgono al 998 d.C. All'inizio del XII secolo il feudo che aveva per centro Montalto, passa in mano alla famiglia pavese dei Belcredi fino alla fine del feudalesimo. Saranno i successivi proprietari, i marchesi Isimbardi, a plasmare l'attuale abitato, sostituendo nel XIX secolo le casupole medioevali con complessi abitativi secondo il modello della grande cascina lombarda di pianura, con le grandi corti. In uno di questi edifici nasceva nel 1873 san Lugi Versiglia, salesiano, missionario e vescovo, martirizzato in Cina nel 1930 e canonizzato nel 2000. Attorno al castello, il centro abitato fu riedificato nel XIX secolo con criteri che oggi definiremmo razionali: alle precedenti casupole di origine medievale si vollero sostituire gli attuali complessi "Cà dal ‘32" (Casa natale di Mons. Versiglia), "Palazzetta", “Fabrichetta”, "Co dad là". Intorno ad ampie corti si sviluppano i portici, le stalle, le cascine, la grande casa dei massari a due piani con ampie stanze illuminate, grandi finestre, sottotetto con ballatoio, ampie logge coperte, secondo il modello della grande cascina lombarda di pianura. L'esempio migliore è riscontrabile nella corte del "Co dad là" con la bella facciata dalle grandi arcate, le finte finestre che ne ricamano il lato occidentale, e le slanciate monofore neogotiche delle cascine. Sempre nella medesima epoca veniva realizzato quello che rimane ad oggi il simbolo di Oliva, il Vultò, arco a tutto sesto con funzione di sostegno al grande muraglione che imbriglia il terrapieno su cui si apre il giardino all'italiana del Castello e, accanto ad esso, l'antico forno a servizio dell'intera comunità.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

559° Posto

36 Voti
Censimento 2020

17,775° Posto

25 Voti
Censimento 2018

18,916° Posto

4 Voti
Censimento 2018

18,916° Posto

4 Voti
Censimento 2016

26,800° Posto

1 Voti
Censimento 2016

1,880° Posto

32 Voti
Censimento 2014

5,085° Posto

4 Voti
Censimento 2006

724° Posto

5 Voti
Censimento 2003

292° Posto

5 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

591°
4 voti

Borgo

OBERGA

CALVIGNANO, PAVIA

542°
53 voti

Santuario

SANTUARIO DELLA PASSIONE

TORRICELLA VERZATE, PAVIA

592°
3 voti

Area naturale

TORRICELLA VERZATE

TORRICELLA VERZATE, PAVIA

589°
6 voti

Borgo

MORNICO LOSANA

MORNICO, PAVIA

Scopri altri luoghi simili

29°
8,108 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

98°
3,303 voti

Costa, area marina, spiaggia

TRE PISCINE CALA DEL CUORE

BAGHERIA, PALERMO

215°
682 voti

Costa, area marina, spiaggia

SPIAGGIA DI BOCCADASSE

GENOVA

243°
530 voti

Costa, area marina, spiaggia

SFERRACAVALLO

PALERMO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PAESAGGIO COLLI DELL'OLTREPO' PAVESE

MONTALTO PAVESE, PAVIA

Condividi
PAESAGGIO COLLI DELL'OLTREPO' PAVESE
Il borgo di Oliva Gessi sorge a 275 metri circa sulla prima collina dell'Oltrepò Pavese, tra la valle formata dal Rile San Zeno e quella del Verzate ed è circondata da campi agricoli e vigneti che lambiscono i comuni di Corvino San Quirico, Calvignano, Montalto Pavese, Mornico Losana e Torricella Verzate. L'abitato è costituito dal centro storico con castello, cascine, stalle e la grande casa dei massari; più in basso si trova la chiesa di San Martino, il circolo parrocchiale con il teatro, e il municipio. Da segnalare anche la frazione “Gessi” arroccata su roccia calcarea gessosa, con le antiche cave. Di origine romana, quando già si praticava la viticoltura, le prime notizie del borgo di Oliva Gessi risalgono al 998 d.C. All'inizio del XII secolo il feudo che aveva per centro Montalto, passa in mano alla famiglia pavese dei Belcredi fino alla fine del feudalesimo. Saranno i successivi proprietari, i marchesi Isimbardi, a plasmare l'attuale abitato, sostituendo nel XIX secolo le casupole medioevali con complessi abitativi secondo il modello della grande cascina lombarda di pianura, con le grandi corti. In uno di questi edifici nasceva nel 1873 san Lugi Versiglia, salesiano, missionario e vescovo, martirizzato in Cina nel 1930 e canonizzato nel 2000. Attorno al castello, il centro abitato fu riedificato nel XIX secolo con criteri che oggi definiremmo razionali: alle precedenti casupole di origine medievale si vollero sostituire gli attuali complessi "Cà dal ‘32" (Casa natale di Mons. Versiglia), "Palazzetta", “Fabrichetta”, "Co dad là". Intorno ad ampie corti si sviluppano i portici, le stalle, le cascine, la grande casa dei massari a due piani con ampie stanze illuminate, grandi finestre, sottotetto con ballatoio, ampie logge coperte, secondo il modello della grande cascina lombarda di pianura. L'esempio migliore è riscontrabile nella corte del "Co dad là" con la bella facciata dalle grandi arcate, le finte finestre che ne ricamano il lato occidentale, e le slanciate monofore neogotiche delle cascine. Sempre nella medesima epoca veniva realizzato quello che rimane ad oggi il simbolo di Oliva, il Vultò, arco a tutto sesto con funzione di sostegno al grande muraglione che imbriglia il terrapieno su cui si apre il giardino all'italiana del Castello e, accanto ad esso, l'antico forno a servizio dell'intera comunità.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2006, 2014, 2016, 2018, 2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te