ISCRIVITI A -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ORATORIO MADONNA DEL VIVAIO

ORATORIO MADONNA DEL VIVAIO

SCARPERIA E SAN PIERO, FIRENZE

33°

POSTO

3,885

VOTI 2023
Condividi
ORATORIO MADONNA DEL VIVAIO
Il santuario, dedicato alla Madonna, sorge nei pressi di due fonti che si riunivano in una vasca o ‘vivaio’, la cui acqua era ritenuta miracolosa; da qui il suo nome. L’edificio fu costruito tra il 1724 e il 1748 da Alessandro Galilei su commissione dell'ultimo Granduca di Toscana Gian Gastone de’ Medici e rappresenta un unicum nell’architettura toscana del Settecento. Si tratta di un edificio eccezionale per la scelta planimetrica, per la qualità dell’impaginato architettonico, per l’esuberanza della soluzione volumetrica. Presenta una planimetria circolare su cui si innestano tre cappelle a terminazione tronca; il vano circolare è coperto a cupola, le cappelle in volta a botte. La cupola è celata da un altissimo tiburio cilindrico privo di aperture coperto a tronco di cono e coronato da lanterna. Il fronte è rimasto incompiuto, le due nicchie che affiancano la porta avrebbero dovuto probabilmente contenere statue. La lapide quadrata sopra la porta recava la scritta ora del tutto illeggibile QUASI ROSA PLANTATA SUPER RIVOS AQUARUM”. Non sappiamo come il Galilei, morto nel 1737, avesse previsto di completare l’opera, i disegni progettuali dell’oratorio non sono mai stati trovati. Come lo vediamo oggi è frutto di successivi ampliamenti volumetrici iniziati nel 1799, quando si decise di edificare un campanile per collocarvi una campana. Le fasi di ampliamento si sono concluse nel 1856 quando l’Opera della Madonna del Vivaio fece costruire affiancato all’oratorio un “quartiere da pigionale” per ospitare un custode. Pochi decenni dopo la sua costruzione presentò alcuni problemi strutturali, col tempo la chiesa si è inclinata verso la strada e ha presentato poi una grande lesione che dalle fondamenta ha raggiunto la cupola. Dal 1960 l’edificio è chiuso e per anni è stato quasi del tutto abbandonato. Gli interventi di restauro effettuati all’inizio degli anni 2000 hanno risolto i gravi problemi strutturali ma tanto rimane da fare. Nel dicembre del 2018, in seguito a una proposta scaturita da un progetto scolastico, si è costituito un comitato cittadino che intende prendersi cura delle sorti dell’oratorio. Nel 2019 il comitato ha organizzato numerose iniziative riuscendo a coinvolgere la popolazione ma nel 2020 purtroppo ha dovuto rallentare e rimandare le attività previste. I contatti con la soprintendenza, l'amministrazione comunale e il parroco sono però continuati per tutto il tempo. Per due anni le sorti dell'oratorio sono state in una situazione di stallo nonostante gli accordi presi a fine 2017 tra le parti coinvolte. A dicembre del 2020 l'iter per l'apertura del cantiere previsto da tempo è partito e, dopo lunghi mesi di attesa, a fine luglio 2021 sono iniziati i lavori di restauro degli apparati decorativi e delle finiture, delle opere di falegnameria e di ripristino vetri. Tra settembre e dicembre 2021 sono stati fatti i seguenti lavori: restauro e ricollocazione del portone originale, rifacimento delle due porte laterali e degli infissi, restauro degli apparati decorativi fino all'altezza delle nuove finestre. Il cantiere è stato poi chiuso fino a metà ottobre 2022; i lavori attualmente in corso prevedono il completamento del restauro degli apparati decorativi, l'impianto di illuminotecnica, il rifacimento del piano di calpestio. Una volta completato questo lotto di lavori rimangono molte opere di restauro da fare: il ripristino del pavimento, il restauro degli arredi e degli apparati interni, il completamento dei lavori di recupero alla canonica, la manutenzione dell'apparato murario e delle coperture, la sistemazione dell'area esterna e altro ancora. I fondi per tutto questo al momento non ci sono. Il nostro obiettivo è quello di arrivare all'apertura dell'oratorio in occasione del Trecentesimo anniversario dalla sua fondazione che ricorrerà nel 2024. Quindi il lavoro da fare è ancora tanto.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Testimonial che sostengono questo luogo

Moni Ovadia

Attore

Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

33° Posto

3,885 Voti
Censimento 2020

7,164° Posto

20 Voti
Censimento 2018

27,334° Posto

2 Voti
Censimento 2016

6,171° Posto

10 Voti
Censimento 2014

10,916° Posto

1 Voti

Questo luogo è sostenuto da:

PER L'ORATORIO DELLA MADONNA DEL VIVAIO

Scopri altri luoghi vicini

500°
36 voti

Borgo

FAGNA

SCARPERIA, FIRENZE

522°
14 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO SALVIATI

SCARPERIA, FIRENZE

512°
24 voti

Sentiero

STRADA DI CIPRESSI SECOLARI (PROVINCIALE 39 DA GALLIANO MUGELLO A PANNA)

SCARPERIA, FIRENZE

520°
16 voti

Area naturale

ZONA COLLINARE DEL MUGELLO

SCARPERIA, FIRENZE

Scopri altri luoghi simili

79°
1,661 voti

Oratorio

ORATORIO DELLA BEATA VERGINE ASSUNTA

CALVENZANO, BERGAMO

257°
317 voti

Oratorio

ORATORIO DI SANT'ANNA

BRESCELLO, REGGIO EMILIA

277°
284 voti

Oratorio

ORATORIO DELLA BEATA VERGINE DELLA MISERICORDIA

BOLOGNA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ORATORIO MADONNA DEL VIVAIO

SCARPERIA E SAN PIERO, FIRENZE

Condividi
ORATORIO MADONNA DEL VIVAIO
Il santuario, dedicato alla Madonna, sorge nei pressi di due fonti che si riunivano in una vasca o ‘vivaio’, la cui acqua era ritenuta miracolosa; da qui il suo nome. L’edificio fu costruito tra il 1724 e il 1748 da Alessandro Galilei su commissione dell'ultimo Granduca di Toscana Gian Gastone de’ Medici e rappresenta un unicum nell’architettura toscana del Settecento. Si tratta di un edificio eccezionale per la scelta planimetrica, per la qualità dell’impaginato architettonico, per l’esuberanza della soluzione volumetrica. Presenta una planimetria circolare su cui si innestano tre cappelle a terminazione tronca; il vano circolare è coperto a cupola, le cappelle in volta a botte. La cupola è celata da un altissimo tiburio cilindrico privo di aperture coperto a tronco di cono e coronato da lanterna. Il fronte è rimasto incompiuto, le due nicchie che affiancano la porta avrebbero dovuto probabilmente contenere statue. La lapide quadrata sopra la porta recava la scritta ora del tutto illeggibile QUASI ROSA PLANTATA SUPER RIVOS AQUARUM”. Non sappiamo come il Galilei, morto nel 1737, avesse previsto di completare l’opera, i disegni progettuali dell’oratorio non sono mai stati trovati. Come lo vediamo oggi è frutto di successivi ampliamenti volumetrici iniziati nel 1799, quando si decise di edificare un campanile per collocarvi una campana. Le fasi di ampliamento si sono concluse nel 1856 quando l’Opera della Madonna del Vivaio fece costruire affiancato all’oratorio un “quartiere da pigionale” per ospitare un custode. Pochi decenni dopo la sua costruzione presentò alcuni problemi strutturali, col tempo la chiesa si è inclinata verso la strada e ha presentato poi una grande lesione che dalle fondamenta ha raggiunto la cupola. Dal 1960 l’edificio è chiuso e per anni è stato quasi del tutto abbandonato. Gli interventi di restauro effettuati all’inizio degli anni 2000 hanno risolto i gravi problemi strutturali ma tanto rimane da fare. Nel dicembre del 2018, in seguito a una proposta scaturita da un progetto scolastico, si è costituito un comitato cittadino che intende prendersi cura delle sorti dell’oratorio. Nel 2019 il comitato ha organizzato numerose iniziative riuscendo a coinvolgere la popolazione ma nel 2020 purtroppo ha dovuto rallentare e rimandare le attività previste. I contatti con la soprintendenza, l'amministrazione comunale e il parroco sono però continuati per tutto il tempo. Per due anni le sorti dell'oratorio sono state in una situazione di stallo nonostante gli accordi presi a fine 2017 tra le parti coinvolte. A dicembre del 2020 l'iter per l'apertura del cantiere previsto da tempo è partito e, dopo lunghi mesi di attesa, a fine luglio 2021 sono iniziati i lavori di restauro degli apparati decorativi e delle finiture, delle opere di falegnameria e di ripristino vetri. Tra settembre e dicembre 2021 sono stati fatti i seguenti lavori: restauro e ricollocazione del portone originale, rifacimento delle due porte laterali e degli infissi, restauro degli apparati decorativi fino all'altezza delle nuove finestre. Il cantiere è stato poi chiuso fino a metà ottobre 2022; i lavori attualmente in corso prevedono il completamento del restauro degli apparati decorativi, l'impianto di illuminotecnica, il rifacimento del piano di calpestio. Una volta completato questo lotto di lavori rimangono molte opere di restauro da fare: il ripristino del pavimento, il restauro degli arredi e degli apparati interni, il completamento dei lavori di recupero alla canonica, la manutenzione dell'apparato murario e delle coperture, la sistemazione dell'area esterna e altro ancora. I fondi per tutto questo al momento non ci sono. Il nostro obiettivo è quello di arrivare all'apertura dell'oratorio in occasione del Trecentesimo anniversario dalla sua fondazione che ricorrerà nel 2024. Quindi il lavoro da fare è ancora tanto.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te