Iscriviti al FAI
MONTE FONTANA SECCA E COL DE SPADARÒT | ph. Martina Vanzo | © FAI - Fondo Ambiente Italiano

Monte Fontana Secca

Un alpeggio con malga sul Massiccio del Monte Grappa

Condividi
Monte Fontana Secca

tipologia

Bene aperto al pubblico

contatti

02 4676151
proprieta@fondoambiente.it

Il Bene è momentaneamente chiuso al pubblico

Con grande dispiacere comunichiamo che, in ottemperanza al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, il Bene è chiuso al pubblico.

Donato al FAI da Bruno e Liliana Collavo, in memoria dei genitori Aldo Collavo ed Erminia Secco, nel 2015

Monte Fontana Secca è un’area di 150 ettari di bosco e pascolo d’alta quota particolarmente importante dal punto di vista storico perché scenario di una tragica battaglia durante la Prima Guerra Mondiale (22 novembre 1917) -  come attestano documenti storici e reperti bellici ancora emergenti dal terreno - che vide gli Austriaci occupare la vetta e costruire trincee, ben visibili lungo la mulattiera che costeggia il crinale, e la prima linea italiana arretrare verso valle con numerose perdite umane.

Area di alto valore naturalistico è soggetta a vincolo paesaggistico e tutelato nell’ambito della rete ecologica Natura 2000 dell’Unione Europea, che ha riconosciuto l’area quale Sito di Interesse Comunitario (SIC) e Zona di Protezione Speciale (ZPS) nell’ambito del Massiccio del Monte Grappa. La malga Fontana Secca a quota 1461 m. è un tipico esempio di alpeggio legato all’antica usanza della transumanza, ovvero della migrazione stagionale delle mandrie e dei pastori dalle stalle di fondo valle o di pianura ai pascoli di montagna. Qui pascolavano le vacche Burline, una razza bovina in via di estinzione legata a due prodotti tradizionali del Grappa: i formaggi Morlacco e Bastardo. Negli ultimi trent’anni i pascoli di Fontana Secca sono stati progressivamente abbandonati, e gli edifici si trovano oggi in condizioni di avanzato degrado.

Grazie alla donazione dei fratelli Collavo nel 2014, il FAI sta lavorando concretamente per raggiungere un ambìto obiettivo: tutelare e promuovere i valori ecologici, storici e culturali di questo straordinario esempio di paesaggio alpino. Il progetto di recupero paesaggistico-ambientale prevede infatti la riattivazione dell’alpeggio con la riqualificazione dei pascoli e delle aree forestali. Inoltre, la Malga Fontana Secca, ospiterà le attività tradizionali dell’alpeggio (allevamento stagionale di bovini e produzione casearia) e diventerà un fondamentale punto di sosta per gli escursionisti che percorrono l’Alta via degli Eroi, offrendo servizi essenziali di accoglienza e bivacco.

Leggi tutto
Loading

Ultime News

Attualità

Le Alpi sono cerniera e non barriera. Intervista a Werner Bätzing

2021-01-25

Intervista al geografo Werner Bätzing. La pandemia ha paralizzato molti settori tra i quali anche il turismo invernale in montagna e sulle A...

Eventi

Festival dello sviluppo sostenibile 2020: Le aree interne di montagna

2020-09-30

All'interno del Festival dello sviluppo sostenibile 2020, il FAI organizza una tavola rotonda online per raccontare il “Progetto Alpe” e la ...

Attualità

I Beni del FAI e il racconto di 25 tonalità di “verde”

2020-07-31

Le Giornate FAI all’aperto sono state l’occasione per conoscere meglio il nostro patrimonio “verde”. Nei Beni del FAI si possono continuare ...

Storie del FAI

Marco Magnifico: Il Progetto Alpe è una sfida che diventa realtà

2020-02-17

Il discorso del Vicepresidente Esecutivo FAI Marco Magnifico tenuto a Parma il 15 febbraio, in occasione del XXIV Convegno Nazionale dei Del...

Ti potrebbero interessare

Collezione Enrico a Villa Flecchia

MAGNANO, BIELLA

Paesaggi d’arte in cima all’anfiteatro morenico della Serra d’Ivrea

Aree boschive sul Monte di Portofino

CAMOGLI, GENOVA

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te