ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
GRAVINA DI PUGLIA

PONTE ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

436°

POSTO

160

VOTI
Condividi
PONTE ACQUEDOTTO
Il Ponte della Gravina o Ponte dell'Acquedotto è un importante struttura ad archi, alto 37 m. lungo 90 m. e largo 5,5 m. che collega le due sponde del torrente Gravina. Fu costruito per permettere l'attraversamento del Crapo (l'antico nome del torrente Gravina), e consentire ai fedeli di raggiungere la chiesetta della Madonna della Stella. Poco si sa circa la data della sua costruzione. Fonti storiche datano con certezza la sua esistenza almeno al 1686. Probabilmente il ponte, reso instabile dal sisma del 1686, crollò nel terremoto del 1722. Fu quindi la famiglia Orsini di Roma, che si era trasferita nel feudo di Gravina, a ordinare, intorno alla metà del Settecento, la ricostruzione e la trasformazione del ponte in acquedotto, per portare sotto le mura della città le acque delle sorgenti Sant'Angelo e San Giacomo.

Gallery

GRAVINA DI PUGLIA
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto
Ponte acquedotto

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

ponte acquedotto

10° censimento nazionale del FAI
Anno
2020
Voti
25,726
Progetto
Valorizzazione
Stato
Approvato

IL BENE
Imponente struttura ad archi, alta 37 metri, lunga 90 e larga 5,5, che collega le sponde del torrente Gravina, fu costruito per permettere l'attraversamento del Crapo (l'antico nome del torrente Gravina) e consentire ai fedeli di raggiungere la chiesa rupestre della Madonna della Stella. Attestato almeno dal 1686, crollò in un terremoto del 1722. Fu la famiglia Orsini di Roma, che si era trasferita nel feudo di Gravina, a ordinare, intorno a metà Settecento, la ricostruzione e la trasformazione del ponte in acquedotto, per portare oltre le mura della città le acque di due sorgenti, testimoniate dalle due fontane ancora oggi esistenti ai due lati opposti del ponte, che con i suoi 25 archi a doppio ordine segna in maniera potente il paesaggio di Gravina. Protagonista di una scena del film di James Bond, uscito al cinema nell' autunno 2021, “No time to die”, la struttura è da poco stata oggetto di un importante restauro, finanziato con circa 1,5 milioni dalla Regione Puglia.

PROGETTO SOSTENUTO
Al recupero reso possibile grazie al contributo della Regione Puglia si affiancherà l’intervento di valorizzazione sostenuto da FAI e Intesa Sanpaolo. In particolare l’intervento, richiesto dal Comune di Gravina in Puglia, proprietario del Bene, si concentra sull’illuminazione scenica e di sicurezza per il percorso pedonale e degli archi, al fine di rendere percorribile anche il secondo livello di arcate del ponte. Il Bene si è aggiudicato al censimento 2020 anche il premio speciale per il luogo più votato sul web (ai primi posti di questo “premio speciale” si sono posizionati sia la Ferrovia delle Meraviglie – 1° classificato al censimento 2020 - sia il Castello di Sammezzano - 2° classificato al censimento 2020 -, ma il premio in palio non era cumulabile con quello assegnato ai vincitori e per questo motivo è stato assegnato al Ponte Acquedotto), che lo renderà protagonista di un videostorytelling curato dal FAI, che ne racconterà il ruolo nella storia di Gravina e il rapporto con gli abitanti, realizzato dai due registi Gustav Hofer e Luca Ragazzi, vincitori di diversi premi internazionali.

LE PERSONE CHE HANNO RACCOLTO I VOTI
La raccolta voti è stata promossa dal comitato “Ponte dell’Acquedotto nel Cuore" nato per la volontà del Club Lions di Gravina in Puglia e di associazioni locali, che condividono l'importanza di valorizzare il patrimonio artistico e culturale della città di Gravina.
 

CONTRIBUTO: 25.000 euro
 

SCARICA QUI i materiali per promuovere il risultato ottenuto dal tuo Luogo del Cuore

 

Ultime News

Studio Aperto MAG: approfondimento su FAI e Luoghi del Cuore

2021-09-06

I Beni del FAI, Castello di Masino e Baia di Ieranto, e i Luoghi del Cuore, Castello di Sammezzano e Ponte Acquedotto di Gravina, saranno i ...
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

436° Posto

160 Voti
Censimento 2020

7° Posto

25,726 Voti
Censimento 2018

1,197° Posto

76 Voti
Censimento 2016

984° Posto

61 Voti
Censimento 2014

2,085° Posto

15 Voti
Censimento 2012

13° Posto

16,220 Voti
Censimento 2004

748° Posto

2 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

561°
34 voti

Edificio civile

BIBLIOTECA FINYA

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

590°
5 voti

Area naturale

BOSCO NEL BACINO DEL FIUME BRADANO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

574°
21 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASINO DEI MENINNI

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

544°
51 voti

Chiesa

CHIESA RUPESTRE DI SAN MICHELE

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Scopri altri luoghi simili

84°
3,738 voti

Ponte

PONTE DI CECCO

ASCOLI PICENO

149°
1,673 voti

Ponte

PASSO GENOVESE B.GO SABOTINO LATINA

LATINA

153°
1,604 voti

Ponte

PONTE DELLA VITTORIA

BELLUNO

216°
675 voti

Ponte

PONTE SISTO IV

SAVONA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PONTE ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Condividi
PONTE ACQUEDOTTO
Il Ponte della Gravina o Ponte dell'Acquedotto è un importante struttura ad archi, alto 37 m. lungo 90 m. e largo 5,5 m. che collega le due sponde del torrente Gravina. Fu costruito per permettere l'attraversamento del Crapo (l'antico nome del torrente Gravina), e consentire ai fedeli di raggiungere la chiesetta della Madonna della Stella. Poco si sa circa la data della sua costruzione. Fonti storiche datano con certezza la sua esistenza almeno al 1686. Probabilmente il ponte, reso instabile dal sisma del 1686, crollò nel terremoto del 1722. Fu quindi la famiglia Orsini di Roma, che si era trasferita nel feudo di Gravina, a ordinare, intorno alla metà del Settecento, la ricostruzione e la trasformazione del ponte in acquedotto, per portare sotto le mura della città le acque delle sorgenti Sant'Angelo e San Giacomo.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020, 2022

News

Eventi

Studio Aperto MAG: approfondimento su FAI e Luoghi del Cuore

2021-09-06

I Beni del FAI, Castello di Masino e Baia di Ieranto, e i Luoghi del Cuore, Castello di Sammezzano e Ponte Acquedotto di Gravina, saranno i ...
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te