Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
I MORTICELLI - CHIESA DI S. SEBASTIANO DEL MONTE DEI MORTI

I MORTICELLI - CHIESA DI S. SEBASTIANO DEL MONTE DEI MORTI

SALERNO

538°

POSTO

349

VOTI 2020
I MORTICELLI - CHIESA DI S. SEBASTIANO DEL MONTE DEI MORTI
La chiesa di San Sebastiano del Monte dei Morti , conosciuta come chiesa dei “Morticelli” si trova nel centro storico di Salerno, in Largo Plebiscito, all’interno delle antiche mura che lì si aprivano nella Porta Rotese, abbattuta nell’800. Questa chiesa era in origine dedicata ai Santi Martiri Sebastiano, Cosma e Damiano, e le notizie più antiche che la riguardano risalgono al 994, quando la presenza della chiesa veniva citata e individuata lungo il torrente Rafastia, oggi conosciuto con il nome di Cernicchiara. Un’ipotesi molto suggestiva è quella del Monsignor Arturo Carucci, secondo cui la chiesa avrebbe le fattezze di un Battistero paleocristiano, evidenziando alcune analogie impressionanti con il santuario del Gianicolo a Roma e con il Battistero di Sala Consilina datato al V secolo. Queste considerazioni affascinanti, mettono in luce alcuni dettagli della chiesa che evidenzierebbero proprio la sua funzione di luogo dove venivano battezzati i neofiti; tra queste, un vano sottostante la chiesa, profondo circa 2 metri che in seguito verrà adibito poi a sepoltura. Ad ogni modo, le prime notizie certe riguardanti la chiesa si hanno dal 1530 d.C., anno in cui la struttura veniva edificata, o ristrutturata, con il progetto rinascimentale dell’architetto Antonio da Ogliara, come ex-voto della cittadinanza scampata alla peste che negli anni precedenti aveva decimato la popolazione salernitana. Secondo la leggenda, nel seicento, sotto la Chiesa, furono seppelliti i cadaveri dei salernitani colpiti dalla peste, da cui il soprannome attribuito alla chiesa “Morticelli”. Nel 1615 presso la chiesa di S. Sebastiano, si insediò il Monte dei Morti, allorquando la Chiesa era già definita a pianta ottagonale e fortemente caratterizzata dalla presenza degli scheletri con falci, evidente allusione alla Morte, evidenti all’ingresso principale. Più volte rimaneggiata, decorata, restaurata, tra il ‘600 e il ‘900, la Chiesa del Monte dei Morti ha perduto notevoli elementi originari. Fino all’alba degli anni ’80, la Chiesa era normalmente adibita al culto, concessa alla congrega di San Bernardino. Poi il sisma, i danni alla sagrestia e l’inagibilità; nonostante questo, molti fedeli hanno continuato a frequentarla fino al 1986. Fu poi totalmente abbandonata e soggetta ad un ulteriore degrado causato dal peso dell’edificio costruito a fine Ottocento sopra la sagrestia. All’apertura, dopo un restauro durato quasi un decennio, è emerso come tutti gli elementi decorativi pittorici, dalle pale d’altare ai preziosi quadri del ‘600, fossero scomparsi e oggi non ancora trovati. Richiusa per nuovi problemi statici, la Chiesa del Monte dei Morti, sconsacrata, è stata riaperta per l’ultima volta nel 2011 e rientra nei beni storici appartenenti al Comune di Salerno.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

538° Posto

349 Voti

Scopri altri luoghi vicini

852°
15 voti

Museo

MUSEO DIOCESANO "SAN MATTEO"

SALERNO

848°
19 voti

Affresco, dipinto

TRITTICO DI PIANTANOVA, PINACOTECA PROVINCIALE

SALERNO

863°
4 voti

ARCO CATALANO DI PALAZZO PINTO - MOSTRA DI MARIAGRAZIA CAPPETTI, MARSIA, MARIA SCOTTI "MINERVA MEDICA"

SALERNO

835°
32 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIORGIO

SALERNO

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

I MORTICELLI - CHIESA DI S. SEBASTIANO DEL MONTE DEI MORTI

SALERNO

I MORTICELLI - CHIESA DI S. SEBASTIANO DEL MONTE DEI MORTI
La chiesa di San Sebastiano del Monte dei Morti , conosciuta come chiesa dei “Morticelli” si trova nel centro storico di Salerno, in Largo Plebiscito, all’interno delle antiche mura che lì si aprivano nella Porta Rotese, abbattuta nell’800. Questa chiesa era in origine dedicata ai Santi Martiri Sebastiano, Cosma e Damiano, e le notizie più antiche che la riguardano risalgono al 994, quando la presenza della chiesa veniva citata e individuata lungo il torrente Rafastia, oggi conosciuto con il nome di Cernicchiara. Un’ipotesi molto suggestiva è quella del Monsignor Arturo Carucci, secondo cui la chiesa avrebbe le fattezze di un Battistero paleocristiano, evidenziando alcune analogie impressionanti con il santuario del Gianicolo a Roma e con il Battistero di Sala Consilina datato al V secolo. Queste considerazioni affascinanti, mettono in luce alcuni dettagli della chiesa che evidenzierebbero proprio la sua funzione di luogo dove venivano battezzati i neofiti; tra queste, un vano sottostante la chiesa, profondo circa 2 metri che in seguito verrà adibito poi a sepoltura. Ad ogni modo, le prime notizie certe riguardanti la chiesa si hanno dal 1530 d.C., anno in cui la struttura veniva edificata, o ristrutturata, con il progetto rinascimentale dell’architetto Antonio da Ogliara, come ex-voto della cittadinanza scampata alla peste che negli anni precedenti aveva decimato la popolazione salernitana. Secondo la leggenda, nel seicento, sotto la Chiesa, furono seppelliti i cadaveri dei salernitani colpiti dalla peste, da cui il soprannome attribuito alla chiesa “Morticelli”. Nel 1615 presso la chiesa di S. Sebastiano, si insediò il Monte dei Morti, allorquando la Chiesa era già definita a pianta ottagonale e fortemente caratterizzata dalla presenza degli scheletri con falci, evidente allusione alla Morte, evidenti all’ingresso principale. Più volte rimaneggiata, decorata, restaurata, tra il ‘600 e il ‘900, la Chiesa del Monte dei Morti ha perduto notevoli elementi originari. Fino all’alba degli anni ’80, la Chiesa era normalmente adibita al culto, concessa alla congrega di San Bernardino. Poi il sisma, i danni alla sagrestia e l’inagibilità; nonostante questo, molti fedeli hanno continuato a frequentarla fino al 1986. Fu poi totalmente abbandonata e soggetta ad un ulteriore degrado causato dal peso dell’edificio costruito a fine Ottocento sopra la sagrestia. All’apertura, dopo un restauro durato quasi un decennio, è emerso come tutti gli elementi decorativi pittorici, dalle pale d’altare ai preziosi quadri del ‘600, fossero scomparsi e oggi non ancora trovati. Richiusa per nuovi problemi statici, la Chiesa del Monte dei Morti, sconsacrata, è stata riaperta per l’ultima volta nel 2011 e rientra nei beni storici appartenenti al Comune di Salerno.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2016
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te