Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
GROTTE PALEOCRISTIANE

GROTTE PALEOCRISTIANE

ROMETTA, MESSINA

828°

POSTO

163

VOTI 2020
Condividi
GROTTE PALEOCRISTIANE
Rometta, occupa il pianoro sommitale di un possente torrione di arenarie conchiglifere, alle spalle della città di Messina e tutt'intorno le balze tortuose, è un susseguirsi di ingrottati scavati qua e là dall'uomo che ci suggeriscono un quartiere trogloditico suburbano, che si annovera al pari di quelli ragusani. Le pareti che circondano il paese sul lato ovest, sotto il ciglione lungo cui correvano le mura civiche sono, infatti, caratterizzate da grandi escavazioni disposte su uno stesso filare nella contrada Sotto S. Giovanni; e qui che si trova uno degli esempi più antichi in Sicilia di edilizia rupestre con destinazione culturale: una Moschea Musulmana nella Roccia. Presso la porta settentrionale, inoltre, trovano spazio un altro gruppo di cavità logore e abbandonate mentre, lungo l'antica rampa d'accesso del paese, oggi modificata, c'è una Cappella Viaria Tardomedievale, che si trova lungo la parete verticale settentrionale del monte; purtroppo, oggi questa cripta non è fruibile dal pubblico, in quanto le alluvioni dell'ultimo secolo hanno fatto franare ogni via d'accesso. A Nord-Ovest, infine, nell'area occupata dall'orto dell'ex convento dei Cappuccini, c'è un Santuario Ipogeico, ma anch'esso non è fruibile, in quanto la comunità ecclesiastica ne preclude sia gli studi sia la semplice visita. Le cavità rupestri di contrada Sotto San Giovanni, si trovano a quota m. 440 s.l.m. circa, mentre il paese si sviluppa tra le quote m. 520 e m. 560 s.l.m. Si tratta di strutture miste, cioè quì, una struttura rupestre convive perfettamente con corpi costruiti e distribuiti nel tempo e che prolungano la cavità verso l'esterno. Questi spazi si affacciano su un percorso, una volta collegato con le soprastanti mura mediante un ripido viottolo che sboccava presso i ruderi della chiesa di S. Caterina, che è fortemente condizionato dall'orografia del terreno da un lato e dal muro delle stesse cavità dall'altro, ma che comunque permette gli accessi in corrispondenza dei vari vani e che è oggi, purtroppo, in parte franato a causa delle alluvioni. Le sagome all'interno sono frastagliate perchè chiaramente si adattano a quello che è il contesto naturale (la roccia), mentre la parte esterna è caratterizzata da un muro perimetrale che dal lato interno è frammentato con altre pareti interne che vanno da roccia a parete costituendo cosi 9 spazi chiusi, ognuno col proprio ingresso. Sicuramente questa chiusura risale al periodo del frazionamento dei fondi agricoli, quando i proprietari delle terre di fronte se ne sono indebitamente appropriati, precludendone così l'accesso e facendole diventare deposito attrezzi ed animali. Oggi, purtroppo, le grotte sono in uno stato avanzato di degrado e non sono fruibili al pubblico.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

19,027° Posto

4 Voti
Censimento 2016

9,917° Posto

6 Voti
Censimento 2014

4,396° Posto

5 Voti
Censimento 2012

1,400° Posto

9 Voti
Censimento 2010

4,353° Posto

1 Voti

Vota altri luoghi vicini

2,729°
39 voti

Chiesa

CHIESA BIZANTINA S.MARIA DEI CEREI

ROMETTA, MESSINA

9,642°
10 voti

Area naturale

PARCO PUBBLICO FEDERICO II

ROMETTA, MESSINA

Vota altri luoghi simili

18,141 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

16,485 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

LIMONE PIEMONTE, CUNEO

12,596 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

GROTTE PALEOCRISTIANE

ROMETTA, MESSINA

Condividi
GROTTE PALEOCRISTIANE
Rometta, occupa il pianoro sommitale di un possente torrione di arenarie conchiglifere, alle spalle della città di Messina e tutt'intorno le balze tortuose, è un susseguirsi di ingrottati scavati qua e là dall'uomo che ci suggeriscono un quartiere trogloditico suburbano, che si annovera al pari di quelli ragusani. Le pareti che circondano il paese sul lato ovest, sotto il ciglione lungo cui correvano le mura civiche sono, infatti, caratterizzate da grandi escavazioni disposte su uno stesso filare nella contrada Sotto S. Giovanni; e qui che si trova uno degli esempi più antichi in Sicilia di edilizia rupestre con destinazione culturale: una Moschea Musulmana nella Roccia. Presso la porta settentrionale, inoltre, trovano spazio un altro gruppo di cavità logore e abbandonate mentre, lungo l'antica rampa d'accesso del paese, oggi modificata, c'è una Cappella Viaria Tardomedievale, che si trova lungo la parete verticale settentrionale del monte; purtroppo, oggi questa cripta non è fruibile dal pubblico, in quanto le alluvioni dell'ultimo secolo hanno fatto franare ogni via d'accesso. A Nord-Ovest, infine, nell'area occupata dall'orto dell'ex convento dei Cappuccini, c'è un Santuario Ipogeico, ma anch'esso non è fruibile, in quanto la comunità ecclesiastica ne preclude sia gli studi sia la semplice visita. Le cavità rupestri di contrada Sotto San Giovanni, si trovano a quota m. 440 s.l.m. circa, mentre il paese si sviluppa tra le quote m. 520 e m. 560 s.l.m. Si tratta di strutture miste, cioè quì, una struttura rupestre convive perfettamente con corpi costruiti e distribuiti nel tempo e che prolungano la cavità verso l'esterno. Questi spazi si affacciano su un percorso, una volta collegato con le soprastanti mura mediante un ripido viottolo che sboccava presso i ruderi della chiesa di S. Caterina, che è fortemente condizionato dall'orografia del terreno da un lato e dal muro delle stesse cavità dall'altro, ma che comunque permette gli accessi in corrispondenza dei vari vani e che è oggi, purtroppo, in parte franato a causa delle alluvioni. Le sagome all'interno sono frastagliate perchè chiaramente si adattano a quello che è il contesto naturale (la roccia), mentre la parte esterna è caratterizzata da un muro perimetrale che dal lato interno è frammentato con altre pareti interne che vanno da roccia a parete costituendo cosi 9 spazi chiusi, ognuno col proprio ingresso. Sicuramente questa chiusura risale al periodo del frazionamento dei fondi agricoli, quando i proprietari delle terre di fronte se ne sono indebitamente appropriati, precludendone così l'accesso e facendole diventare deposito attrezzi ed animali. Oggi, purtroppo, le grotte sono in uno stato avanzato di degrado e non sono fruibili al pubblico.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te