ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
GIARDINO COMUNITARIO LEA GAROFALO

GIARDINO COMUNITARIO LEA GAROFALO

MILANO

1,069°

POSTO

39

VOTI 2022
Condividi
GIARDINO COMUNITARIO LEA GAROFALO
Il Giardino Comunitario "Lea Garofalo" nasce dalla volontà di un gruppo di cittadini/progettisti (poi costituitisi associazione Giardini in Transito) che sul finire del 2010 decidono di riqualificare un'area comunale abbandonata al degrado per restituirla alla città come un bel giardino che potesse diventare luogo di incontro, di cultura, di svago, di nuova socialità e nuove relazioni, di terapia e integrazione. A maggio 2013 lassociazione Giardini in Transito firma la nuova convenzione per i giardini condivisi con il CdZ 1 per la gestione del Giardino Comunitario di viale Montello. Il 19 ottobre 2013, grazie alla sinergia da tempo avviata con lassociazione Libera, il Giardino Comunitario viene dedicato a Lea Garofalo, testimone di giustizia torturata e uccisa il 24 novembre del 2009 dalla ndrangheta. Nella primavera 2014 vengono avviate diverse collaborazioni e sinergie con importanti realtà quali il Centro Psichiatrico Diurno Procaccini dellospedale Fatebenefratelli, lassociazione italo-cinese Diamoci la mano, lassociazione Comunità Nuova di Don Rigoldi e lUEPE (Ufficio Esecuzione Penale Esterna) del Ministero di Giustizia, al fine di rendere il giardino non solo uno spazio verde, ricreativo e culturale ma anche uno spazio sociale ed uno strumento di integrazione, reinserimento, terapia e supporto. Molti sono i cittadini volontari che negli anni hanno dato il loro supporto e e si sono rimboccati le maniche per far vivere questo piccolo spazio verde: chi aprendolo e chiudendolo ogni giorno, chi coltivando aiuole fiorite e piccoli orti, chi mettendo a disposizione le proprie doti di tuttofare, chi ancora portando piante, partecipando alla cura del verde, adottando fazzoletti di terra o, perché no, proponendo spettacoli e laboratori. Molti sono i cittadini che hanno scelto di vivere con i propri amici, famiglie e bambini latmosfera di questo giardino, a volte un po selvaggio, a due passi dal centro, da zona Sarpi e da C.so Como. Questo giardino è ogni giorno di più un luogo importante per il quartiere e per la città, ma ha bisogno di qualche importante intervento di messa in sicurezza, primo tra tutti la realizzazione di una nuova recinzione, e di alcune attrezzature che possano renderlo sempre più fruibile da tutti.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

7,922° Posto

18 Voti
Censimento 2018

7,622° Posto

11 Voti
Censimento 2016

11,565° Posto

5 Voti
Censimento 2014

330° Posto

295 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

10°
4,622 voti

Edificio civile

CIRCOLO COMBATTENTI E REDUCI

MILANO

Vota altri luoghi simili

134°
467 voti

Giardino, parco urbano

PARCO GIARDINO SIGURTA' 

VALEGGIO SUL MINCIO, VERONA

195°
284 voti

Giardino, parco urbano

PARCO DELLA BURCINA

POLLONE, BIELLA

215°
249 voti

Giardino, parco urbano

IL PARCO DI MONZA: VILLE E CASCINE

MONZA, MONZA E DELLA BRIANZA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

GIARDINO COMUNITARIO LEA GAROFALO

MILANO

Condividi
GIARDINO COMUNITARIO LEA GAROFALO
Il Giardino Comunitario "Lea Garofalo" nasce dalla volontà di un gruppo di cittadini/progettisti (poi costituitisi associazione Giardini in Transito) che sul finire del 2010 decidono di riqualificare un'area comunale abbandonata al degrado per restituirla alla città come un bel giardino che potesse diventare luogo di incontro, di cultura, di svago, di nuova socialità e nuove relazioni, di terapia e integrazione. A maggio 2013 lassociazione Giardini in Transito firma la nuova convenzione per i giardini condivisi con il CdZ 1 per la gestione del Giardino Comunitario di viale Montello. Il 19 ottobre 2013, grazie alla sinergia da tempo avviata con lassociazione Libera, il Giardino Comunitario viene dedicato a Lea Garofalo, testimone di giustizia torturata e uccisa il 24 novembre del 2009 dalla ndrangheta. Nella primavera 2014 vengono avviate diverse collaborazioni e sinergie con importanti realtà quali il Centro Psichiatrico Diurno Procaccini dellospedale Fatebenefratelli, lassociazione italo-cinese Diamoci la mano, lassociazione Comunità Nuova di Don Rigoldi e lUEPE (Ufficio Esecuzione Penale Esterna) del Ministero di Giustizia, al fine di rendere il giardino non solo uno spazio verde, ricreativo e culturale ma anche uno spazio sociale ed uno strumento di integrazione, reinserimento, terapia e supporto. Molti sono i cittadini volontari che negli anni hanno dato il loro supporto e e si sono rimboccati le maniche per far vivere questo piccolo spazio verde: chi aprendolo e chiudendolo ogni giorno, chi coltivando aiuole fiorite e piccoli orti, chi mettendo a disposizione le proprie doti di tuttofare, chi ancora portando piante, partecipando alla cura del verde, adottando fazzoletti di terra o, perché no, proponendo spettacoli e laboratori. Molti sono i cittadini che hanno scelto di vivere con i propri amici, famiglie e bambini latmosfera di questo giardino, a volte un po selvaggio, a due passi dal centro, da zona Sarpi e da C.so Como. Questo giardino è ogni giorno di più un luogo importante per il quartiere e per la città, ma ha bisogno di qualche importante intervento di messa in sicurezza, primo tra tutti la realizzazione di una nuova recinzione, e di alcune attrezzature che possano renderlo sempre più fruibile da tutti.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te