FERROVIA

FERROVIA DEL CENTRO ITALIA

SULMONA, TERNI, RIETI

Condividi
FERROVIA DEL CENTRO ITALIA

anno censimento

2022

numero voti

8,560

posizione classifica

27

stato del progetto

In corso

tipologia

Valorizzazione

Nel cuore degli Appennini, una rete ferroviaria lunga 163 km. Inaugurata nel 1883 per collegare Rieti e Sulmona, da quasi 150 anni attraversa paesaggi suggestivi raggiungendo un'altitudine massima di 989 metri.

La Ferrovia del Centro Italia abbraccia l'Abruzzo, il Lazio e l'Umbria, attraversando gli Appennini e toccando oltre 30 stazioni attive. Partendo da Sulmona e passando per l'Aquila, Rieti e Terni, per una distanza di 163,6 chilometri, raggiungendo un’altitudine massima di 989 metri a Sella di Corno. Inaugurata il 28 ottobre 1883, ha svolto un ruolo cruciale per i pendolari che si spostavano dai paesi verso le città fino all'avvento del trasporto su strada nel secondo dopoguerra. Negli ultimi anni però si sta sviluppando un nuovo tipo di turismo ferroviario, rivolto ai borghi meno conosciuti, che consente ai viaggiatori di godere dei paesaggi dai finestrini. Da Sulmona si attraversa la valle Peligna e le gole di San Venanzio, arrivando all'Aquila. Si sale quindi sull’Appennino fino a Sella di Corno attraversando l'altopiano di Rocca di Corno ove si pratica ancora la transumanza. Poi giù verso le Gole di Antrodoco, dove scorre il fiume Velino e si appoggia la millenaria via Salaria. Si attraversa poi la piana di San Vittorino ricca di acque: da quelle solfuree di Cotilia, note da millenni per le loro proprietà terapeutiche, a quelle della sorgente del Peschiera che ancora oggi fornisce l’acqua a Roma. In questa zona sono presenti i resti delle Terme di Vespasiano e della Villa di Tito, originari di questa zona. Arrivando a Rieti si colgono i campanili medievali, contornati da edifici di varie epoche e dal fiume Velino con i resti dell'antico ponte romano. Le tappe rilevanti nella vallata dell'antico Lacus Velinus sono: Contigliano con la Chiesa Collegiata, Greccio dove San Francesco nel 1223 iniziò la tradizione del presepe e la Cascata delle Marmore in Umbria, la più alta cascata artificiale d'Europa realizzata dal console romano Manio Curio Dentato nel 271 a.C. per bonificare la piana reatina. Da qui un percorso panoramico porta a Terni, popolata sin dall'età del bronzo, protagonista della rivoluzione industriale con industrie pesanti e città degli innamorati con San Valentino come patrono.

SCARICA QUI i materiali per promuovere il risultato ottenuto dal tuo Luogo del Cuore

FERROVIA
ferrovia del centro italia
ferrovia del centro italia
ferrovia del centro italia
FERROVIA
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

27° Posto

8,560 Voti

FERROVIA DEL CENTRO ITALIA

SULMONA, TERNI, RIETI

Condividi
FERROVIA DEL CENTRO ITALIA
La ferrovia abbraccia, quasi fosse una cintura, tre regioni: l'Abruzzo, il Lazio e l'Umbria, attraversando la catena degli Appennini. Si può ben definire “la Ferrovia del Centro Italia” quel tratto che da Sulmona arriva all'Aquila poi a Rieti ed infine a Terni, percorrendo 163,6 chilometri ed inerpicandosi fino all'altezza di 989 metri a Sella di Corno al confine tra Lazio ed Abruzzo, proprio questo tratto è quello con la maggior pendenza dell’intera rete ferroviaria italiana a scartamento ordinario. Inaugurata il 28 ottobre 1883, negli ultimi centoquaranta anni è stata essenziale per gli spostamenti dei pendolari che dai paesi andavano nelle vicine città per lavoro, studio, cure e svago. Con lo sviluppo del trasporto su strada nella seconda metà del '900 la ferrovia ha perso la sua funzione di struttura strategica nei trasporti pur rimanendo fondamentale ancora oggi per molti pendolari. Negli ultimi anni però si va sviluppando un nuovo tipo di turismo, quello ferroviario rivolto ai borghi e paesi meno conosciuti, incoraggiato anche dai viaggi con treni storici che attirano nuovi viaggiatori. Treni lenti ed a volte antichi consentono ai viaggiatori di godere della bellezza dei paesaggi che si ammirano dai finestrini. Gli scenari che si attraversano sono molto vari: vallate, gole, montagne, piccoli paesi, città. Da Sulmona si attraversa la valle Peligna fino alle strette gole di San Venanzio dove si alternano gallerie e viadotti, arrivando all'Aquila a poca distanza dalla stazione si può ammirare la famosa fontana delle novantanove cannelle. Si sale quindi sull'Appennino con tornanti che caratterizzano il percorso fino a Sella di Corno ed attraversare l'altopiano pianeggiante di Rocca di Corno ove in estate ancora si pratica l'antica usanza della transumanza delle greggi. Poi giù verso le Gole di Antrodoco, dove scorre il fiume Velino e si appoggia la via Salaria costruita dai romani più di duemila anni fa. Si attraversa poi la piana di San Vittorino ricca di acque, da quelle solfuree di Cotilia, note sin dall'epoca della Sabina preromana per le loro proprietà terapeutiche, a quelle della sorgente del Peschiera, l'acquedotto che ancora oggi fornisce l'80% dell'acqua potabile bevuta a Roma, unica capitale a dissetarsi con acqua sorgiva. La ricchezza di acqua è evidente nel paesaggio molto verde dove i pioppi identificano i luoghi delle sorgenti. In questa zona da vedere i resti delle Terme di Vespasiano e della Villa di Tito, gli imperatori originari di questa zona. Arrivando a Rieti si colgono i campanili medievali che svettano sulla città, la stazione è prossima al centro, con una piacevole passeggiata si possono ammirare edifici con vestigia romane, mura medievali, conventi, palazzi rinascimentali e barocchi e giungere fino al fiume Velino ove fanno bella mostra i resti dell'antico ponte romano. Risalendo in carrozza, tre sono le tappe nella vallata dell'antico Lacus Velinus che meritano una sosta: Contigliano con la Chiesa Collegiata, Greccio ove San Francesco nella notte di Natale del 1223 ricreò l'atmosfera della nascita di Gesù in una grotta dando inizio alla tradizione del presepe, e giungendo in Umbria la Cascata delle Marmore, alta 165 metri, la più alta cascata artificiale d'Europa realizzata dal console romano Manio Curio Dentato nel 271 a.C. per bonificare la piana reatina. Da qui un percorso particolarmente panoramico, ci porta a Terni, ove insediamenti sono segnalati sin dall'età del bronzo, seguiti da quelli romani. Protagonista della rivoluzione industriale con acciaierie, fabbriche di armi, chimiche, impianti idroelettrici. Ma volendo ricordare un aspetto romantico questa è la città degli innamorati essendone il patrono San Valentino. Immergersi nei luoghi, meravigliarsi per i mutevoli colori del paesaggio legati alle stagioni, toccare la storia attraverso città e villaggi, ci fanno dire che “quello che conta è il percorso del viaggio e non l'arrivo” (T.S.Eliot)
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2022

News

Dal territorio

Estate 2024: I Luoghi del Cuore da non perdere

2024-06-27

Da un lago alpino a una chiesa in centro a Napoli, da un viaggio in treno attraversando gli Appennini a un bosco che custodisce opere di art...

Dal territorio

Una nuova esperienza di viaggio lungo la Ferrovia del Centro Italia

2024-05-28

Grazie a “I Luoghi del Cuore” parte il progetto di valorizzazione interterritoriale con pannelli informativi in 16 stazioni della tratta fer...

Attualità

Paesaggio: cinque Luoghi del Cuore avranno nuova vita

2023-12-19

Il 13 dicembre sono stati annunciati i ventitré luoghi che avranno nuova vita grazie ai progetti sostenuti dal FAI in collaborazione con Int...

Attualità

Ventitré Luoghi del Cuore avranno una nuova vita

2023-12-13

Ventitré luoghi e ventitré storie speciali per raccontare un’Italia che difende il patrimonio culturale e ama il proprio territorio sostenut...
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te