ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DI SANT'EUSEBIO

CHIESA DI SANT'EUSEBIO

GENOVA

576°

POSTO

19

VOTI
Condividi
CHIESA DI SANT'EUSEBIO
La chiesa parrocchiale dedicata al vescovo Eusebio di Vercelli dà il nome al quartiere che si trova sulle alture del Comune di Genova, sul versante sinistro della Val Bisagno, tra il monte Montanasco e il monte Ratti (sul quale sorge l'omonimo forte). La chiesa si trova su una graziosa piazzetta, circondata da ristoranti e dall'antico nucleo abitativo rurale. Le prime notizie riguardanti questa chiesa risalgono alla fine dell'XI secolo, quando i monaci benedettini dell'abbazia di San Siro di Struppa si trasferirono e costruirono una nuova chiesa con ospitale per pellegrini. Il borgo era a quei tempi un centro di via lungo la strada che da Genova portava a Molassana, Bavari e al levante genovese. Nel corso dei secoli la chiesetta fu più volte rimaneggiata: tra le modifiche più rilevanti ci sono lo spostamento della facciata a levante, contrariamente all'uso più antico che prevedeva sempre l'ingresso principale rivolto a ponente. Dell'edificio originario si conserva ancora il campanile romanico, costruzione di eccezionale esilità, le cui superfici sono ripartite dalle tipiche specchiature a lesene angolari e a fregi di archetti ciechi. All'interno della chiesa sono conservati un dipinto del fiammingo Cornelis de Wael, raffigurante i santi Eusebio, Giovanni Battista e Sebastiano (prima metà del Seicento) ed un altro, settecentesco, del savonese Carlo Giuseppe Ratti.

Scheda completa al 88%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

576° Posto

19 Voti
Censimento 2020

4,958° Posto

30 Voti
Censimento 2018

18,916° Posto

4 Voti
Censimento 2016

21,154° Posto

2 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

518°
77 voti

Edificio civile

EX CINEMA NAZIONALE MOLASSANA

GENOVA

569°
26 voti

Torre

TORRE QUEZZI

GENOVA

556°
39 voti

Chiesa

ABBAZIA DI SAN SIRO DI STRUPPA

GENOVA

558°
37 voti

Ponte

PONTE SIFONE SUL GEIRATO DELL'ACQUEDOTTO STORICO DI GENOVA

GENOVA

Scopri altri luoghi simili

51,443 voti

Chiesa

CHIESETTA DI SAN PIETRO DEI SAMARI NEL PARCO DI GALLIPOLI

GALLIPOLI, LECCE

31,028 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIACOMO DELLA VITTORIA

ALESSANDRIA

22,890 voti

Chiesa

BASILICA DEI FIESCHI

COGORNO, GENOVA

22,574 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA DI CASTELLO

ALESSANDRIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DI SANT'EUSEBIO

GENOVA

Condividi
CHIESA DI SANT'EUSEBIO
La chiesa parrocchiale dedicata al vescovo Eusebio di Vercelli dà il nome al quartiere che si trova sulle alture del Comune di Genova, sul versante sinistro della Val Bisagno, tra il monte Montanasco e il monte Ratti (sul quale sorge l'omonimo forte). La chiesa si trova su una graziosa piazzetta, circondata da ristoranti e dall'antico nucleo abitativo rurale. Le prime notizie riguardanti questa chiesa risalgono alla fine dell'XI secolo, quando i monaci benedettini dell'abbazia di San Siro di Struppa si trasferirono e costruirono una nuova chiesa con ospitale per pellegrini. Il borgo era a quei tempi un centro di via lungo la strada che da Genova portava a Molassana, Bavari e al levante genovese. Nel corso dei secoli la chiesetta fu più volte rimaneggiata: tra le modifiche più rilevanti ci sono lo spostamento della facciata a levante, contrariamente all'uso più antico che prevedeva sempre l'ingresso principale rivolto a ponente. Dell'edificio originario si conserva ancora il campanile romanico, costruzione di eccezionale esilità, le cui superfici sono ripartite dalle tipiche specchiature a lesene angolari e a fregi di archetti ciechi. All'interno della chiesa sono conservati un dipinto del fiammingo Cornelis de Wael, raffigurante i santi Eusebio, Giovanni Battista e Sebastiano (prima metà del Seicento) ed un altro, settecentesco, del savonese Carlo Giuseppe Ratti.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2016, 2018, 2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te