ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CHIESA DELLA FONDAZIONE GREGORIO ANTONELLI

CHIESA DELLA FONDAZIONE GREGORIO ANTONELLI

TERRACINA, LATINA

52°

POSTO

5,295

VOTI
Condividi
CHIESA DELLA FONDAZIONE GREGORIO ANTONELLI
La piccola ma funzionale chiesa della Fondazione Gregorio Antonelli porta il titolo del Salvatore perchè conserva un antico affresco di Gesù Bambino Salvatore. La nicchia a semicupola, sul cui sfondo è dipinto il piccolo Salvatore, fu scoperta casualmente il 13 luglio 1721. Attorno alla sacra immagine, si sviluppò una pietà popolare intensa e il Salvatore risplendeva, "excandescent" dice la lapide, per i molti miracoli che accadevano. La lapide è sopratutto importante perchè informa che il 2 maggio 1727 fece sosta presso la chiesetta il Papa Benedetto XIII che recandosi nel suo primo viaggio a Benevento, di cui era rimasto arcivescovo, si fermò al Salvatore e vi celebrò una messa. Con decreto vescovile del 5 gennaio 1885 la chiesta fu incorporata all'Orfanotrofio Gregorio Antonelli. Nel 1913 Agostino Antonelli fece ampliare e decorare la chiesa dedicata al Salvatore, in memoria di Gregorio e Giuseppina Antonelli e dei cittadini terracinesi che riposano nel piccolo cimitero adiacente. L'opera dell'Istituto Gregorio Antonelli è molto cara alla popolazione terracinese. Molti bambini sono stati accolti amorevolmente e con grande cura da parte delle suore di Carità di San Vincenzo de Paoli, che il conte Antonelli, fin dalla fondazione chiamò a dirigere l'Istituto. La famiglia Antonelli è passata, ma le suore di Carità, dopo oltre cento anni di attività dell'opera pia, sono sempre al loro posto. La comunità delle suore del Salvatore ha una storia veramente esemplare, fatta di vita spirituale, di attività educativa e di grandi sacrifici. La città di Terracina può essere lieta e grata a Dio di avere ancora nel sua ambito sociale la comunità delle suore di santa Giovanna Antida Thouret, che si dedicano alla cura dell'infanzia e delle famiglie.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

52° Posto

5,295 Voti
Censimento 2020

45° Posto

6,927 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

583°
21 voti

Area urbana, piazza

PIAZZA DEL MUNICIPIO

TERRACINA, LATINA

588°
7 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO BRASCHI

TERRACINA, LATINA

593°
2 voti

Area naturale

CAMPOSORIANO, MONUMENTO NATURALE

TERRACINA, LATINA

590°
5 voti

Area archeologica

CAPITOLIUM

TERRACINA, LATINA

Scopri altri luoghi simili

90°
3,591 voti

Cappella

CAPPELLA DI SAN ROCCO (DI GIROLAMO ROMANINO)

VILLONGO, BERGAMO

164°
1,314 voti

Cappella

CHIESETTA DI CASCINA LINTERNO

MILANO

279°
399 voti

Cappella

CHIESETTA DI SANT'ANTONIO - SERRAI DI SOTTOGUDA

SOTTOGUDA-PALUE, BELLUNO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA DELLA FONDAZIONE GREGORIO ANTONELLI

TERRACINA, LATINA

Condividi
CHIESA DELLA FONDAZIONE GREGORIO ANTONELLI
La piccola ma funzionale chiesa della Fondazione Gregorio Antonelli porta il titolo del Salvatore perchè conserva un antico affresco di Gesù Bambino Salvatore. La nicchia a semicupola, sul cui sfondo è dipinto il piccolo Salvatore, fu scoperta casualmente il 13 luglio 1721. Attorno alla sacra immagine, si sviluppò una pietà popolare intensa e il Salvatore risplendeva, "excandescent" dice la lapide, per i molti miracoli che accadevano. La lapide è sopratutto importante perchè informa che il 2 maggio 1727 fece sosta presso la chiesetta il Papa Benedetto XIII che recandosi nel suo primo viaggio a Benevento, di cui era rimasto arcivescovo, si fermò al Salvatore e vi celebrò una messa. Con decreto vescovile del 5 gennaio 1885 la chiesta fu incorporata all'Orfanotrofio Gregorio Antonelli. Nel 1913 Agostino Antonelli fece ampliare e decorare la chiesa dedicata al Salvatore, in memoria di Gregorio e Giuseppina Antonelli e dei cittadini terracinesi che riposano nel piccolo cimitero adiacente. L'opera dell'Istituto Gregorio Antonelli è molto cara alla popolazione terracinese. Molti bambini sono stati accolti amorevolmente e con grande cura da parte delle suore di Carità di San Vincenzo de Paoli, che il conte Antonelli, fin dalla fondazione chiamò a dirigere l'Istituto. La famiglia Antonelli è passata, ma le suore di Carità, dopo oltre cento anni di attività dell'opera pia, sono sempre al loro posto. La comunità delle suore del Salvatore ha una storia veramente esemplare, fatta di vita spirituale, di attività educativa e di grandi sacrifici. La città di Terracina può essere lieta e grata a Dio di avere ancora nel sua ambito sociale la comunità delle suore di santa Giovanna Antida Thouret, che si dedicano alla cura dell'infanzia e delle famiglie.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te