ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CAVALLI DI BRONZO (CAVALLI RUSSI)

CAVALLI DI BRONZO (CAVALLI RUSSI)

NAPOLI

11,573°

POSTO

5

VOTI 2022
Condividi
CAVALLI DI BRONZO (CAVALLI RUSSI)
\r\n

Monumentali sculture equestri che sovrastano la cancellata dei giardini di Palazzo Reale nella zona prospiciente Castel Nuovo . In realtà la loro vera denominazione è Cavalli russi perchè furono donati alla città di Napoli dallo Zar Nicola I nel 1846, dopo che con la propria consorte Aleksandra FÑ‘dorovna, aveva soggiornato nella splendida città partenopea e , dove la zarina beneficiò ottimi risultati dal clima temperato e giovamenti efficaci al suo debole stato di salute. Il Dono inaspettato rinsaldò l'amicizia tra le due famiglie reali e per la bellissima accoglienza e dall'ospitalità ricevuta, i sovrani russi pensarono nel regalo delle statue di controcambiare e ringraziare così tutto il popolo napoletano e nello stesso tempo consolidare gli ottimi rapporti commerciali che già esistevano tra i due stati, e rafforzare quelli politici con il potente regno delle Due Sicilie: ( essendo in quel momento tra gli stati più importanti dell'Europa che contavano). Il dono del ringraziamento, inviato per via mare, consistette nelle due monumentali sculture, in due gigantesche statue dei Domatori di cavalli, opera dello scultore russo, Pietro Giacomo Clodt Von Jurgensburg, che furono inaugurate e messe in bella mostra davanti palazzo reale, il giorno dell'onomastico dello Zar Nicola I 6 dicembre 1846. I sovrani napoletani e l'intero popolo rimasero esterefatti per la bella manifattura delle statue di due giovani nudi, che frenano per il morso due cavalli impennat - Copie identiche degli stessi gruppi, opera dello stesso artista, si trovano tutt'ora che ornano un ponte Anickov a san PIetroburgo.

\r\n

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

17,775° Posto

7 Voti
Censimento 2018

18,916° Posto

4 Voti
Censimento 2016

7,658° Posto

8 Voti
Censimento 2014

7,802° Posto

2 Voti
Censimento 2012

2,708° Posto

5 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

5,880°
9 voti

Area urbana, piazza

CENTRO DIREZIONALE DI NAPOLI

NAPOLI

1,913°
22 voti

Chiesa

BASILICA DI SANTA MARIA DELLA SANITÀ 

NAPOLI

6,147°
9 voti

Area urbana, piazza

CENTRO STORICO DI NAPOLI

NAPOLI

Vota altri luoghi simili

16°
3,970 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

MADONNA IMMACOLATA DEL TESORO DI S. MATTEO NEL DUOMO SALERNO

SALERNO

117°
584 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

LE MURA VENETE DI BERGAMO

BERGAMO

198°
286 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

PORTICO DI SAN LUCA

BOLOGNA

280°
186 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

ALTARE DELLA PATRIA

ROMA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CAVALLI DI BRONZO (CAVALLI RUSSI)

NAPOLI

Condividi
CAVALLI DI BRONZO (CAVALLI RUSSI)
\r\n

Monumentali sculture equestri che sovrastano la cancellata dei giardini di Palazzo Reale nella zona prospiciente Castel Nuovo . In realtà la loro vera denominazione è Cavalli russi perchè furono donati alla città di Napoli dallo Zar Nicola I nel 1846, dopo che con la propria consorte Aleksandra FÑ‘dorovna, aveva soggiornato nella splendida città partenopea e , dove la zarina beneficiò ottimi risultati dal clima temperato e giovamenti efficaci al suo debole stato di salute. Il Dono inaspettato rinsaldò l'amicizia tra le due famiglie reali e per la bellissima accoglienza e dall'ospitalità ricevuta, i sovrani russi pensarono nel regalo delle statue di controcambiare e ringraziare così tutto il popolo napoletano e nello stesso tempo consolidare gli ottimi rapporti commerciali che già esistevano tra i due stati, e rafforzare quelli politici con il potente regno delle Due Sicilie: ( essendo in quel momento tra gli stati più importanti dell'Europa che contavano). Il dono del ringraziamento, inviato per via mare, consistette nelle due monumentali sculture, in due gigantesche statue dei Domatori di cavalli, opera dello scultore russo, Pietro Giacomo Clodt Von Jurgensburg, che furono inaugurate e messe in bella mostra davanti palazzo reale, il giorno dell'onomastico dello Zar Nicola I 6 dicembre 1846. I sovrani napoletani e l'intero popolo rimasero esterefatti per la bella manifattura delle statue di due giovani nudi, che frenano per il morso due cavalli impennat - Copie identiche degli stessi gruppi, opera dello stesso artista, si trovano tutt'ora che ornano un ponte Anickov a san PIetroburgo.

\r\n
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te