ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
CASTELLO DI PIETRAROSSA

CASTELLO DI PIETRAROSSA

CALTANISSETTA

12,216°

POSTO

2

VOTI 2022
Condividi
CASTELLO DI PIETRAROSSA
Castello di Pietrarossa venne costruito su una rocca a picco su un burrone che dominava la vallata fino al fiume Salso. Le origini del castello sono controverse ma la versione più accreditata vuole che il promontorio dove sorge il castello inizialmente fu abitato dalle popolazioni dei Sicani che abitavano il vicino villaggio, battezzato dagli storici Nissa, dimostrato dalla presenza di simboli dell'alfabeto sicano. Nel VII secolo a.C. vi si stanziarono i siracusani e il promontorio fu infruttuosamente attaccato dagli ateniesi. Sembra che i romani, dopo la seconda guerra punica, lo abbiano utilizzato come fabbrica, prima che cadesse nelle mani degli Ostrogoti. Ma il nucleo vero e proprio del castello fu edificato dai bizantini tra il 750 e l'800. Il Castello infine cadde in mano araba che lo ribattezzarono Qalat-an-Nisa. Nel 1086 Ruggero conquista Caltanissetta, roccaforte musulmana tradotto nella nostra lingua in castra foeminarum. Da Idrisi nel 1150 ca. Qal'at an-Nisa è ricordata come rocca di bella costruzione. Nel 1282 il castello sarà saccheggiato durante la guerra del Vespro e nello stesso anno Pietro d'Aragona nomina Bernardo de Sarrià castellano di Caltanissetta dopo la rimozione di Ruggiero Barresi. Durante il periodo aragonese il castello raggiunse il massimo del suo prestigio, essendo stato scelto come sede di tre Parlamenti generali siciliani: nel 1295, quando vi si volse il convegno dei baroni di Sicilia; nel 1361, quando Federico III vi si rifugiò per sfuggire alla morsa dei baroni siciliani; nel 1378, quando, alla morte di Federico III, vi si riunirono i quattro Vicari per spartirsi il governo dell'Isola. Nel 1407 il castello venne concesso in feudo da re Martino a Matteo II Moncada e ai suoi eredi, nelle mani dei quali rimase fino alla soppressione del Feudalesimo. Nella notte del 27 Febbraio 1567, forse per una scossa di terremoto, il castello crollò. Rimasero in piedi solo un muro diroccato, una torre di guardia in pietra viva, terrapieni, bastioni ed un ponte di comunicazione. Da un elenco di spese effettuate per conto del principe Moncada del 1591 si evince che parte del castello viene conservata con lavori di manutenzione e che contemporaneamente però inizia l'utilizzo della rocca come cava di pietra da costruzione. Nel corso del XVII secolo continuerà la demolizione del castello, parzialmente crollato. La pietra verrà utilizzata per le principali costruzioni dell'epoca e nel 1827 il decurionato di Caltanissetta delibera che per la costruzione della via del Monastero di Santa Croce la pietra dovrà sbarbicarsi e tagliarsi dalla parte meridionale del castello di Pietrarossa. Il castello, ubicato al margine orientale del centro storico di Caltanissetta, si erge su una serra calcarea e sfruttando la morfologia del terreno si affaccia sulla valle del fiume Salso. Situato all'estremità inferiore del quartiere Angeli, primo nucleo dell'attuale abitato urbano di Caltanissetta, era accessibile, attraverso un ripido percorso, esclusivamente dal fronte rivolto verso la città. La sua posizione geografica consentiva il controllo di un'importante via di comunicazione intema, qual era il fiume Salso, ed il collegamento visivo con il castello di Pietraperzia. Adibito esclusivamente a funzioni militari, inadeguato come residenza nobiliare, decadde rapidamente con l'avvento dei Moncada, responsabili del successivo abbandono. Il castello deve il suo nome al tipo di pietra usata per la costruzione, parte della quale è ancora visibile, riutilizzata, nella muratura dell'attiguo convento dei padri Riformati. Nel linguaggio popolare è denominato murra di l'Anciuli, con un chiaro riferimento alla limitrofa chiesa di Santa Maria degli Angeli ed al materiale usato poichè il termine murra, nel dialetto siciliano, individua sabbia o pietra rossa.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

810° Posto

250 Voti
Censimento 2018

6,948° Posto

12 Voti
Censimento 2016

539° Posto

125 Voti
Censimento 2014

1,981° Posto

16 Voti
Censimento 2012

691° Posto

18 Voti
Censimento 2010

1,827° Posto

3 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

Vota altri luoghi simili

3,364 voti

Ferrovia storica, ferrovia

STAZIONE BAYARD - LA STRADA DI FERRO NAPOLI - PORTICI.

NAPOLI

2,047 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

1,999 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,736 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CASTELLO DI PIETRAROSSA

CALTANISSETTA

Condividi
CASTELLO DI PIETRAROSSA
Castello di Pietrarossa venne costruito su una rocca a picco su un burrone che dominava la vallata fino al fiume Salso. Le origini del castello sono controverse ma la versione più accreditata vuole che il promontorio dove sorge il castello inizialmente fu abitato dalle popolazioni dei Sicani che abitavano il vicino villaggio, battezzato dagli storici Nissa, dimostrato dalla presenza di simboli dell'alfabeto sicano. Nel VII secolo a.C. vi si stanziarono i siracusani e il promontorio fu infruttuosamente attaccato dagli ateniesi. Sembra che i romani, dopo la seconda guerra punica, lo abbiano utilizzato come fabbrica, prima che cadesse nelle mani degli Ostrogoti. Ma il nucleo vero e proprio del castello fu edificato dai bizantini tra il 750 e l'800. Il Castello infine cadde in mano araba che lo ribattezzarono Qalat-an-Nisa. Nel 1086 Ruggero conquista Caltanissetta, roccaforte musulmana tradotto nella nostra lingua in castra foeminarum. Da Idrisi nel 1150 ca. Qal'at an-Nisa è ricordata come rocca di bella costruzione. Nel 1282 il castello sarà saccheggiato durante la guerra del Vespro e nello stesso anno Pietro d'Aragona nomina Bernardo de Sarrià castellano di Caltanissetta dopo la rimozione di Ruggiero Barresi. Durante il periodo aragonese il castello raggiunse il massimo del suo prestigio, essendo stato scelto come sede di tre Parlamenti generali siciliani: nel 1295, quando vi si volse il convegno dei baroni di Sicilia; nel 1361, quando Federico III vi si rifugiò per sfuggire alla morsa dei baroni siciliani; nel 1378, quando, alla morte di Federico III, vi si riunirono i quattro Vicari per spartirsi il governo dell'Isola. Nel 1407 il castello venne concesso in feudo da re Martino a Matteo II Moncada e ai suoi eredi, nelle mani dei quali rimase fino alla soppressione del Feudalesimo. Nella notte del 27 Febbraio 1567, forse per una scossa di terremoto, il castello crollò. Rimasero in piedi solo un muro diroccato, una torre di guardia in pietra viva, terrapieni, bastioni ed un ponte di comunicazione. Da un elenco di spese effettuate per conto del principe Moncada del 1591 si evince che parte del castello viene conservata con lavori di manutenzione e che contemporaneamente però inizia l'utilizzo della rocca come cava di pietra da costruzione. Nel corso del XVII secolo continuerà la demolizione del castello, parzialmente crollato. La pietra verrà utilizzata per le principali costruzioni dell'epoca e nel 1827 il decurionato di Caltanissetta delibera che per la costruzione della via del Monastero di Santa Croce la pietra dovrà sbarbicarsi e tagliarsi dalla parte meridionale del castello di Pietrarossa. Il castello, ubicato al margine orientale del centro storico di Caltanissetta, si erge su una serra calcarea e sfruttando la morfologia del terreno si affaccia sulla valle del fiume Salso. Situato all'estremità inferiore del quartiere Angeli, primo nucleo dell'attuale abitato urbano di Caltanissetta, era accessibile, attraverso un ripido percorso, esclusivamente dal fronte rivolto verso la città. La sua posizione geografica consentiva il controllo di un'importante via di comunicazione intema, qual era il fiume Salso, ed il collegamento visivo con il castello di Pietraperzia. Adibito esclusivamente a funzioni militari, inadeguato come residenza nobiliare, decadde rapidamente con l'avvento dei Moncada, responsabili del successivo abbandono. Il castello deve il suo nome al tipo di pietra usata per la costruzione, parte della quale è ancora visibile, riutilizzata, nella muratura dell'attiguo convento dei padri Riformati. Nel linguaggio popolare è denominato murra di l'Anciuli, con un chiaro riferimento alla limitrofa chiesa di Santa Maria degli Angeli ed al materiale usato poichè il termine murra, nel dialetto siciliano, individua sabbia o pietra rossa.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te