ISCRIVITI A -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ASILO INFANTILE DE MARCHI E BORIOLO SEC XIX / XX

ASILO INFANTILE DE MARCHI E BORIOLO SEC XIX / XX

CAVAGLIO D'AGOGNA, NOVARA

90°

POSTO

829

VOTI 2022
ASILO INFANTILE DE MARCHI E BORIOLO SEC XIX / XX
L'istituzione è nata dalla generosità di due cavagliesi, i signori Giovanni De Marchi e Carlo Boriolo, che alla fine dell'ottocento lasciarono i loro beni alla comunità per la costruzione di un Asilo infantile. In data 25 marzo 1888, con decreto reale, l'asilo fu eretto ente morale, ma la realizzazione dell'edificio fu ritardata per motivi burocratici ed amministrativi. Infatti solo sei anni dopo si arrivò a determinare l'area per la costruzione, all'inizio dell'attuale via Asilo di fianco alla Parrocchiale, e nel giugno 1894 la ditta "Zoppis Giuseppe" di Borgomanero veniva dichiarata vincitrice dell'appalto per la costruzione dello stabile. Due anni dopo, e precisamente il 1 aprile 1896, l'edificio era una realtà e veniva solennemente inaugurato. L'anno successivo venne firmata la "Convenzione fra il consiglio d'amministrazione dell'Asilo infantile e l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice" per l'educazione e la cura dei bambini. La presenza delle suore salesiane in Cavaglio fu, da quel momento, elemento fondamentale per listruzione e l'educazione della popolazione e per molti decenni l'edificio fu anche luogo di ritrovo festivo per le fanciulle del paese. Con le recenti disposizioni sulle istituzioni educative e religiose (IPAB) l'asilo cessò di essere un ente morale e diventò proprietà del Comune, che in esso organizzò per alcuni anni la scuola materna, trasferita poi nel nuovo edificio di via Stazione, accanto alla scuola elementare.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
0

Vota altri luoghi vicini

803°
59 voti

Torre

TORRE DEL MIRASOLE

FONTANETO D'AGOGNA, NOVARA

22,769°
2 voti

Area naturale

VALLE D AGOGNA

FONTANETO D AGOGNA, NOVARA

21,228°
2 voti

Chiesa

CHIESA DELLA MADONNA DELLA NEVE

SUNO, NOVARA

Vota altri luoghi simili

10°
4,669 voti

Edificio civile

CIRCOLO COMBATTENTI E REDUCI

MILANO

70°
1,127 voti

Edificio civile

VILLA SULTANA, PRIMO CASINO D'ITALIA

OSPEDALETTI, IMPERIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ASILO INFANTILE DE MARCHI E BORIOLO SEC XIX / XX

CAVAGLIO D'AGOGNA, NOVARA

ASILO INFANTILE DE MARCHI E BORIOLO SEC XIX / XX
L'istituzione è nata dalla generosità di due cavagliesi, i signori Giovanni De Marchi e Carlo Boriolo, che alla fine dell'ottocento lasciarono i loro beni alla comunità per la costruzione di un Asilo infantile. In data 25 marzo 1888, con decreto reale, l'asilo fu eretto ente morale, ma la realizzazione dell'edificio fu ritardata per motivi burocratici ed amministrativi. Infatti solo sei anni dopo si arrivò a determinare l'area per la costruzione, all'inizio dell'attuale via Asilo di fianco alla Parrocchiale, e nel giugno 1894 la ditta "Zoppis Giuseppe" di Borgomanero veniva dichiarata vincitrice dell'appalto per la costruzione dello stabile. Due anni dopo, e precisamente il 1 aprile 1896, l'edificio era una realtà e veniva solennemente inaugurato. L'anno successivo venne firmata la "Convenzione fra il consiglio d'amministrazione dell'Asilo infantile e l'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice" per l'educazione e la cura dei bambini. La presenza delle suore salesiane in Cavaglio fu, da quel momento, elemento fondamentale per listruzione e l'educazione della popolazione e per molti decenni l'edificio fu anche luogo di ritrovo festivo per le fanciulle del paese. Con le recenti disposizioni sulle istituzioni educative e religiose (IPAB) l'asilo cessò di essere un ente morale e diventò proprietà del Comune, che in esso organizzò per alcuni anni la scuola materna, trasferita poi nel nuovo edificio di via Stazione, accanto alla scuola elementare.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te