ISCRIVITI Al FAI
L’età dell’innocenza. Il Rinascimento a Bergamo e Brescia intorno al 1900

L’età dell’innocenza. Il Rinascimento a Bergamo e Brescia intorno al 1900

Condividi
L’età dell’innocenza. Il Rinascimento a Bergamo e Brescia intorno al 1900
Appuntamenti

13 luglio 2023

Nell’anno in cui si celebra Bergamo e Brescia Capitale Italiana della Cultura, dal 14 luglio all’8 ottobre 2023 Palazzo Moroni a Bergamo ospita “L’età dell’innocenza”, una mostra a cura di Giovanni Agosti con allestimento di Margherita Palli e luci di Pasquale Mari.

Un viaggio nel tempo è ciò che attende chi visiterà L’età dell’innocenza. Il Rinascimento a Bergamo e Brescia intorno al 1900: un progetto del FAI, a cura dello storico dell’arte Giovanni Agosti, con l’allestimento della scenografa Margherita Palli e le luci disegnate da Pasquale Mari. La mostra, sarà aperta dal 14 luglio all’8 ottobre 2023 a Palazzo Moroni, in Città Alta, Bergamo.
L’iniziativa è stata ideata e realizzata dal FAI, con il prezioso contributo di Fondazione Cariplo e il supporto di Regione Lombardia, per partecipare al programma di attività di Bergamo e Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023 e per valorizzare il periodo di chiusura per restauri di gran parte palazzo, in vista della riapertura completa e definitiva, con inaugurazione prevista nell’ambito delle suddette celebrazioni a metà novembre 2023.

La mostra

Nella grande Sala da ballo al piano nobile, affrescata alla metà del Seicento, dodici capolavori del Cinquecento bergamasco e bresciano, provenienti da collezioni private, sono esposti per l’occasione: opere di maestri come Lorenzo Lotto, Andrea Previtali, Giovanni Gerolamo Savoldo, Alessandro Bonvicino detto Moretto e Giovanni Battista Moroni.

Nell’anno in cui si celebra Bergamo e Brescia Capitale Italiana della Cultura, l’iniziativa rende onore al ruolo di queste due città quali fulcri del Rinascimento italiano, ma più che il Cinquecento, attraverso un originale allestimento, questa mostra racconta i primi del Novecento, ovvero un altro “Rinascimento”, quando le ricche e nobili famiglie locali, come i Moroni, accumulate nel tempo preziose raccolte nei loro palazzi, aprivano le porte a visitatori e conoscitori d’arte provenienti da tutto il mondo, in viaggio in Italia alla ricerca di opere da scoprire o da acquisire per i nascenti musei nazionali o per collezionisti privati. L’ispirazione proviene dal celebre romanzo di Edith Wharton - L’età dell’innocenza (1920) - divenuto film nel 1993 con la regia di Martin Scorsese, che dà il titolo alla mostra. Non a caso la scrittrice americana si era recata a Bergamo all’alba del Novecento e aveva dato conto di questo suo soggiorno in Italian Backgrounds (1905).

Loading

L’allestimento

Per l’occasione, grazie alla scenografia di Margherita Palli e alle luci di Pasquale Mari, Palazzo Moroni evocherà quelle atmosfere nella Sala da ballo completamente trasformata in un salotto dei primi del Novecento, denso di arredi e suppellettili, con le opere d’arte alle pareti o su cavalletti, tra rigogliose felci e flebili lampade a incandescenza, tra tende damascate, vasi cinesi e trionfi di fiori e frutta. La mostra ricostruisce un contesto del tutto immaginario eppure verisimile: suggestivo, perché immerge il visitatore in un altro tempo e invita a percepire come allora, diversamente da ora, spazi, luci e dettagli, e istruttivo, perché attraverso questa esperienza racconta un capitolo della storia del Palazzo e della Collezione Moroni, e in generale della storia dell’arte, invitando a riflettere su modalità di percezione delle opere d’arte, ben diverse da quelle odierne.

Valore aggiunto della mostra sono gli oggetti che danno vita all’allestimento, accuratamente selezionati per tipologia e stile, e tutti provenienti dal patrimonio del FAI custodito in altri Beni – Castello e Parco di Masino (TO), Villa e Collezione Panza (VA), Villa del Balbianello (CO), Villa Della Porta Bozzolo (VA), Villa Fogazzaro Roi (CO), Villa Necchi Campiglio (MI), Casa Livio e Collezione Grandi (MI), Casa Crespi (MI) – o acquisito grazie alle numerose donazioni che, negli anni, generosi benefattori hanno destinato alla Fondazione (tra questi: Pietro Cannata, Alighiero ed Emilietta de’ Micheli, Anna Maria Bianchi De Paoli, Roberto Martinelli, Gabriele Manfredi, Ruggero Tagliavini, Gianfranco e Mirella Tartara, Maria Antonia Gianetti, famiglia Zegna). L’allestimento è stato realizzato anche grazie alla collaborazione dell’azienda Rubelli di Venezia che ha donato i pregiati tessuti dei tendaggi.

Nel periodo della mostra Palazzo Moroni sarà visitabile solo negli spazi della corte, dello scalone e della Sala da ballo dove è allestita l’esposizione, oltre che nei giardini.

Materiali aggiuntivi

La visita è libera e autonoma, ma sono disponibili su prenotazione visite guidate speciali, e tramite QRcode è possibile fruire dei racconti audio (podcast) realizzati dagli stessi curatori.

La mostra è accompagnata anche da due pieghevoli: uno è dedicato alle opere e agli oggetti in mostra, l’altro approfondisce gli itinerari di due viaggiatori dell’epoca, tra cui la stessa Edith Wharton, che guidano, oggi come allora, alla scoperta del territorio tra Bergamo e Brescia e dei suoi tesori d’arte, storia e natura; l’iniziativa, in collaborazione con i Gruppi FAI Giovani di Bergamo e Brescia, invita il pubblico a proseguire la visita fuori da Palazzo Moroni, seguendo strade e indicazioni riportate su una mappa cartacea e su una sua versione interattiva.

Inoltre, grazie al progetto Museo per tutti ¬– ideato dall’associazione L’Abilità, in collaborazione con Fondazione de Agostini –, la mostra sarà fruibile anche da parte di persone con disabilità intellettiva.

Infine, nell’ambito del programma Sere FAI d’Estate, grazie alla collaborazione con FIC – Federazione Italiana Cineforum, tra luglio e settembre l’ortaglia di Palazzo Moroni ospiterà la proiezione di sei pellicole d’autore en plein air, due delle quali – L'età dell'innocenza (1993) di Martin Scorsese e L’innocente (1976) di Luchino Visconti – rimandano direttamente alla mostra.

Ringraziamenti

Si ringraziano Fondazione Cariplo, Fondazione della Comunità Bergamasca e Fondazione della Comunità Bresciana per il fondamentale contributo nell’ambito del bando dedicato a Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023 di cui le tre Fondazioni sono partner istituzionali.

Le Fondazioni hanno individuato, attraverso un bando dedicato e un Comitato di valutazione congiunto 92 progetti provenienti dalle comunità di Bergamo e Brescia, sostenuti con un contributo complessivo di 3,5 milioni di euro. Si tratta di un ricco palinsesto di iniziative in grado di favorire la partecipazione dei cittadini, con una particolare attenzione alle fasce di popolazione con minori opportunità di fruizione culturale e agli abitanti delle aree del territorio più marginali e geograficamente più distanti dai due comuni capoluogo.

Di Bergamo Brescia Capitale della Cultura 2023 interessa, più di quello che accade, ciò che resta. Per questo le Fondazioni di comunità non sono “sponsor" di eventi o progetti, ma agiscono in alleanza con le istituzioni locali e del Terzo settore per promuovere – attraverso il metodo della co-progettazione – crescita culturale e sociale, benessere, sviluppo sostenibile e duraturo per le comunità, di cui sono un solido riferimento.

Si ringrazia Regione Lombardia per il contributo concesso a valere sulla L.R. 50/1986.

Immagine in evidenza: ph © Giovanni Battista Righetti 2023

News correlate

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te