ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
VIA CRUCIS E CHIESA DI SAN ANGELO AL MONTE

VIA CRUCIS E CHIESA DI SAN ANGELO AL MONTE

CITTA' DELLA PIEVE, PERUGIA

594°

POSTO

1

VOTI
Condividi
VIA CRUCIS E CHIESA DI SAN ANGELO AL MONTE
In un documento conservato in archivio e intitolato "Notizie del Convento di Sant'Angelo in Monte in Città della Pieve dei Minori Osservanti" troviamo la storia della fondazione del Convento. Nel 1511 nella città di San Miniato al Tedesco morì Bandino Bandini, capitano di ventura di Città della Pieve. Egli ordinò che il proprio cadavere fosse sepolto, con l'abito dei Frati minori Osservanti, nel Convento di Santa Croce di Pisa e lasciò un legato per la costruzione del Convento di Città della Pieve che, nel 1512, fu accettato dai frati di Toscana nel Capitolo della Verna. I lavori, iniziati nel 1512, furono condotti a termine nel 1516 e, presumibilmente, nel 1521 i frati ne presero possesso. Nel 1560 al capitolo di Sinalunga venne eletto ministro provinciale padre Cristoforo da Città della Pieve ed egli fece sì che il Convento della sua città natale passasse, nell'anno 1562, alla Provincia Serafica di Assisi. Dal verbale della Sacra visita canonica del 1723 apprendiamo che il Convento era situato fuori dalla città e che, a quel tempo, la famiglia era composta da sedici religiosi. A seguito dell'invasione francese, con decreto del 10 giugno 1810, i religiosi furono espulsi, il Convento demaniato e messo all'asta e, successivamente, affittato e lasciato in abbandono. Il 29 settembre 1815 padre Bentivoglio Ferrari lo riaprì, dopo che erano fallite le pratiche per cederlo ai Passionisti. Il 23 marzo 1864 i religiosi furono definitivamente espulsi ed il convento inglobato nel cimitero della città. Conduce alla chiesa e all'antico monastero una ripida salita decorata da nicchie, ormai in parte crollate, che un tempo custodivano decorazioni con le tappe della via crucis, la chiesa costruita in periodo gotico e completamente riallestita nel diciassettesimo secolo con ricchi apparati di stucchi, all'interno notevoli tavole, in parte trasferite per motivi di sicurezza, la chiesa è oggi in cattive condizioni sebbene Diocesi e Amministrazione Comunale abbiano già predisposto interventi di tutela.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

594° Posto

1 Voti
Censimento 2020

9,341° Posto

15 Voti
Censimento 2018

27,334° Posto

2 Voti
Censimento 2016

21,154° Posto

2 Voti
Censimento 2014

10,916° Posto

1 Voti
Censimento 2012

501° Posto

28 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

NC
0 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO FARINA

CITTÀ DELLA PIEVE, PERUGIA

NC
0 voti

Chiesa

DUOMO

CITTA DELLA PIEVE, PERUGIA

NC
0 voti

Chiesa

CHIESA CAMPESTRE MADONNA DEGLI ANGELI

CITTA DELLA PIEVE, PERUGIA

NC
0 voti

Monumento, statua, elemento architettonico

PASSERELLA DI SAN PIETRO

CITTÀ DELLA PIEVE, PERUGIA

Scopri altri luoghi simili

51,443 voti

Chiesa

CHIESETTA DI SAN PIETRO DEI SAMARI NEL PARCO DI GALLIPOLI

GALLIPOLI, LECCE

31,028 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIACOMO DELLA VITTORIA

ALESSANDRIA

22,890 voti

Chiesa

BASILICA DEI FIESCHI

COGORNO, GENOVA

22,574 voti

Chiesa

CHIESA DI SANTA MARIA DI CASTELLO

ALESSANDRIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

VIA CRUCIS E CHIESA DI SAN ANGELO AL MONTE

CITTA' DELLA PIEVE, PERUGIA

Condividi
VIA CRUCIS E CHIESA DI SAN ANGELO AL MONTE
In un documento conservato in archivio e intitolato "Notizie del Convento di Sant'Angelo in Monte in Città della Pieve dei Minori Osservanti" troviamo la storia della fondazione del Convento. Nel 1511 nella città di San Miniato al Tedesco morì Bandino Bandini, capitano di ventura di Città della Pieve. Egli ordinò che il proprio cadavere fosse sepolto, con l'abito dei Frati minori Osservanti, nel Convento di Santa Croce di Pisa e lasciò un legato per la costruzione del Convento di Città della Pieve che, nel 1512, fu accettato dai frati di Toscana nel Capitolo della Verna. I lavori, iniziati nel 1512, furono condotti a termine nel 1516 e, presumibilmente, nel 1521 i frati ne presero possesso. Nel 1560 al capitolo di Sinalunga venne eletto ministro provinciale padre Cristoforo da Città della Pieve ed egli fece sì che il Convento della sua città natale passasse, nell'anno 1562, alla Provincia Serafica di Assisi. Dal verbale della Sacra visita canonica del 1723 apprendiamo che il Convento era situato fuori dalla città e che, a quel tempo, la famiglia era composta da sedici religiosi. A seguito dell'invasione francese, con decreto del 10 giugno 1810, i religiosi furono espulsi, il Convento demaniato e messo all'asta e, successivamente, affittato e lasciato in abbandono. Il 29 settembre 1815 padre Bentivoglio Ferrari lo riaprì, dopo che erano fallite le pratiche per cederlo ai Passionisti. Il 23 marzo 1864 i religiosi furono definitivamente espulsi ed il convento inglobato nel cimitero della città. Conduce alla chiesa e all'antico monastero una ripida salita decorata da nicchie, ormai in parte crollate, che un tempo custodivano decorazioni con le tappe della via crucis, la chiesa costruita in periodo gotico e completamente riallestita nel diciassettesimo secolo con ricchi apparati di stucchi, all'interno notevoli tavole, in parte trasferite per motivi di sicurezza, la chiesa è oggi in cattive condizioni sebbene Diocesi e Amministrazione Comunale abbiano già predisposto interventi di tutela.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2014, 2016, 2018, 2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te