ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
TORRE PELOSA. UNA  TORRE DA AMARE... A TORRE A MARE

TORRE PELOSA. UNA TORRE DA AMARE... A TORRE A MARE

BARI

137°

POSTO

457

VOTI 2022
TORRE PELOSA. UNA TORRE DA AMARE... A TORRE A MARE
Nella frazione Torre a Mare di Bari, intorno al 1500, allo scopo di difendere la costa dalle incursioni dei pirati e dei predoni che infestavano il mare Adriatico, è stata edificata una torre di avvistamento, tuttora esistente, al centro della piazza principale. Da allora la località ha preso il nome di "Torre Apellosa" o "Torre Lapillosa", trasformato successivamente in "Torre Pelosa", ed è divenuta un piccolo borgo di pescatori che vivevano per lo più in trulli e grotte naturali e riparavano le proprie imbarcazioni nel porticciolo alla foce di lama Giotta. “Torre Pelosa”, dunque, è una Torre di avvistamento costiero realizzata nel XVI secolo a seguito del sacco di Otranto, per ordine del Viceré di Napoli, don Pietro di Toledo. Il sistema di fortificazione, avvistamento e comunicazione lungo la fascia costiera è stato realizzato per arginare le frequenti incursioni saracene e corsare. Come la gran parte delle altre Torri costruite sulle coste dell’Italia meridionale, anche “Torre Pelosa” è stata realizzata seguendo un progetto architettonico unitario per realizzare un sistema permanente di controllo e protezione dagli attacchi provenienti dal mare. La cattiva esecuzione e l’incauta collocazione di alcune Torri che ne minavano le fondamenta, l’inerzia delle successive generazioni, ha causato la perdita di gran parte di tali costruzioni, di cui ne restano a testimonianza solo 16 lungo le coste sulla terra di Bari. “Torre Pelosa” ne rappresenta emblematicamente l’esempio meglio conservato, urbanisticamente ben inserito nel contesto del Borgo marinaro di Torre a Mare, che prende la propria denominazione proprio dalla presenza della suddetta Torre. L’immobile è stato recuperato circa 30 anni or sono e riportato nella sua originaria configurazione architettonica, che ne esalta gli aspetti più significativi di tecnica costruttiva rinascimentale. La “Torre” è fruibile e ospita incontri, mostre, piccoli concerti, iniziative culturali che animano le attività del Borgo. Attualmente Torre a Mare rappresenta un luogo rinomato di vacanza estiva e un attrattore degli interessi turistico/culturali e gastronomici dei cittadini baresi e dei paesi limitrofi. Il Borgo di Torre a Mare vanta, altresì, una ricchissima presenza di siti archeologici e, in particolare, un insediamento portuale di età peuceta. La frequentazione del territorio in età preistorica è ben documentata dalle numerose ricerche che già agli inizi del XX secolo sono state avviate ad opera del Gervasio e successivamente ampliate dal prof. Biancofiore prima, e dal prof. Donato Coppola, in seguito. Un’ampia casistica di tipologie funerarie relative a periodi compresi tra l’Età del bronzo e l’Età preclassica si devono anche agli interventi di archeologia preventiva effettuati dalla Soprintendenza Archeologica a seguito di scavi occasionali per infrastrutture. La “Torre” , dunque, completa una offerta turistico/culturale di rilevante interesse e consente l’aggregazione delle comunità, quale luogo privilegiato di conoscenza del territorio e di riscoperta della propria storia e delle origini dei luoghi.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
0

Vota altri luoghi vicini

27,373°
2 voti

Fontana

FONTANA DELLE TESTUGGINI

NOICATTARO, BARI

14,782°
4 voti

Area protetta

PARCO NATURALE DELLE SALINE DI MARGHERITA DI SAVOIA

NOICATTARO, BARI

Vota altri luoghi simili

96°
730 voti

Torre

TORRE PALANE

MARINA SERRA (FRAZIONE MARITTIMA DI TRICASE), LECCE

469°
103 voti

Torre

TORRE DEL RICETTO DI OGLIANICO

OGLIANICO, TORINO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

TORRE PELOSA. UNA TORRE DA AMARE... A TORRE A MARE

BARI

TORRE PELOSA. UNA TORRE DA AMARE... A TORRE A MARE
Nella frazione Torre a Mare di Bari, intorno al 1500, allo scopo di difendere la costa dalle incursioni dei pirati e dei predoni che infestavano il mare Adriatico, è stata edificata una torre di avvistamento, tuttora esistente, al centro della piazza principale. Da allora la località ha preso il nome di "Torre Apellosa" o "Torre Lapillosa", trasformato successivamente in "Torre Pelosa", ed è divenuta un piccolo borgo di pescatori che vivevano per lo più in trulli e grotte naturali e riparavano le proprie imbarcazioni nel porticciolo alla foce di lama Giotta. “Torre Pelosa”, dunque, è una Torre di avvistamento costiero realizzata nel XVI secolo a seguito del sacco di Otranto, per ordine del Viceré di Napoli, don Pietro di Toledo. Il sistema di fortificazione, avvistamento e comunicazione lungo la fascia costiera è stato realizzato per arginare le frequenti incursioni saracene e corsare. Come la gran parte delle altre Torri costruite sulle coste dell’Italia meridionale, anche “Torre Pelosa” è stata realizzata seguendo un progetto architettonico unitario per realizzare un sistema permanente di controllo e protezione dagli attacchi provenienti dal mare. La cattiva esecuzione e l’incauta collocazione di alcune Torri che ne minavano le fondamenta, l’inerzia delle successive generazioni, ha causato la perdita di gran parte di tali costruzioni, di cui ne restano a testimonianza solo 16 lungo le coste sulla terra di Bari. “Torre Pelosa” ne rappresenta emblematicamente l’esempio meglio conservato, urbanisticamente ben inserito nel contesto del Borgo marinaro di Torre a Mare, che prende la propria denominazione proprio dalla presenza della suddetta Torre. L’immobile è stato recuperato circa 30 anni or sono e riportato nella sua originaria configurazione architettonica, che ne esalta gli aspetti più significativi di tecnica costruttiva rinascimentale. La “Torre” è fruibile e ospita incontri, mostre, piccoli concerti, iniziative culturali che animano le attività del Borgo. Attualmente Torre a Mare rappresenta un luogo rinomato di vacanza estiva e un attrattore degli interessi turistico/culturali e gastronomici dei cittadini baresi e dei paesi limitrofi. Il Borgo di Torre a Mare vanta, altresì, una ricchissima presenza di siti archeologici e, in particolare, un insediamento portuale di età peuceta. La frequentazione del territorio in età preistorica è ben documentata dalle numerose ricerche che già agli inizi del XX secolo sono state avviate ad opera del Gervasio e successivamente ampliate dal prof. Biancofiore prima, e dal prof. Donato Coppola, in seguito. Un’ampia casistica di tipologie funerarie relative a periodi compresi tra l’Età del bronzo e l’Età preclassica si devono anche agli interventi di archeologia preventiva effettuati dalla Soprintendenza Archeologica a seguito di scavi occasionali per infrastrutture. La “Torre” , dunque, completa una offerta turistico/culturale di rilevante interesse e consente l’aggregazione delle comunità, quale luogo privilegiato di conoscenza del territorio e di riscoperta della propria storia e delle origini dei luoghi.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te