ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
TORRE CIVICA

TORRE CIVICA

NOCI, BARI

860°

POSTO

7

VOTI 2020
TORRE CIVICA
La Torre Civica, detta anche "dell'orologio", è il simbolo dell'identità civica della città delle gnostre (Noci). Progettata nel 1822 dall'architetto Orazio Lerario e costruita grazie al ricavato della vendita delle ghiande dei boschi demaniali, la Torre civica oggi si erge maestosa in Piazza Plebiscito (nel cuore del borgo antico) dinnanzi alla Collegiata della Natività di Santa Maria. L'edificio, alto circa trenta metri e a pianta quadrata, è diviso in quattro registri: l’ultimo costituito da una balconata e da una cupola in pietra, anziché in legno (questo per volontà dell'ing. Parenti che nel 1825 ridisegnò il progetto). Nel marzo del 1900, il maltempo causò la caduta delle colonne della cupola. Nello stesso anno, su progettazione degli ingegneri Enrico Palermo e Giovanni Galeone, si provvedette alla costruzione di quella nuova che ancora domina l'intero centro antico del paese. In questo tempietto, di gusto neoclassico, sono collocate due campane che fino a qualche anno fa accompagnavano i rintocchi delle ore. Sin dalla sua origine questo monumento ha avuto la funzione di scandire il trascorrere del tempo, regolando la vita di tutti i nocesi. Nel terzo registro sulla facciata rivolta verso la Chiesa Matrice, è visibile, oltre alla meridiana del XVIII secolo, un moderno orologio, formato da un quadrante in pietra locale: ultimo dopo una serie di sostituzioni. Infatti, prima dell’attuale orologio ve ne era un altro, molto simile, installato nel 1827 dall’orologiaio Ferdinando Mincione di Caserta, con carica dal basso per mezzo di funi. Ancora prima ne esisteva uno posto all’esterno di un’antica bottega demolita per la costruzione della nuova piazza e della torre. Nel gennaio del 2013 un fulmine si e’ abbattuto sul puntale in metallo che poggia su una sfera che pesa circa 50 chili, anch’essa di metallo, che e’ stata disintegrata. Per la bellezza e la ricca storia del paese oggi un’associazione cittadina si è mobilitata affinché la Torre Civica venga recuperata, tutelata e salvaguardata.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

860° Posto

7 Voti
Censimento 2018

227° Posto

1,664 Voti

Scopri altri luoghi vicini

860°
7 voti

Borgo

CENTRO ANTICO

NOCI, BARI

853°
14 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN DOMENICO

PUTIGNANO, BARI

860°
7 voti

Chiesa

CHIESA DI S. MARIA DEL BARSENTO

NOCI, BARI

858°
9 voti

Area archeologica

MASSERIA SARMENZANO

NOCI, BARI

Scopri altri luoghi simili

75,586 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

62,690 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

43,469 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI BRESCIA

BRESCIA

40,521 voti

Chiesa

LA VIA DELLE COLLEGIATE

MODICA, RAGUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

TORRE CIVICA

VARESE

TORRE CIVICA
La Torre Civica, elemento iconico di Varese, si staglia nel centro della città. Denominata in origine Torre del Littorio, fu costruita nel 1938 dall’architetto Mario Loreti all’interno di una più ampia riqualificazione urbanistica voluta dal regime fascista. L’edificio di stile razionalista presenta una struttura rigida e austera; alta 54 metri e rivestita in serizzo antigorio, è in assoluta continuità formale con la piazza sottostante. Sul fronte principale si trova un balcone sormontato da una lastra decorativa: da questo il Duce e il Podestà pronunciavano i propri discorsi. Su un lato della superficie esterna il serizzo è definito in bande orizzontali, mentre sull’altro è liscio e uniforme. Lungo i fronti laterali e posteriori ricorrono alcune aperture sempre in numero di tre. L’orologio, dal diametro di 2,90 metri, spicca appena al di sotto della loggia. Dalla sommità della torre, sulla quale sventola oggi la bandiera del Comune, è possibile ammirare i tetti della città.
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2019
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te