ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
ROCCIAMELONE: SCRIGNO DI ARTE, NATURA, CULTURA E DEVOZIONE

ROCCIAMELONE: SCRIGNO DI ARTE, NATURA, CULTURA E DEVOZIONE

MOMPANTERO, TORINO

32°

POSTO

7,864

VOTI
Condividi
ROCCIAMELONE: SCRIGNO DI ARTE, NATURA, CULTURA E DEVOZIONE
La vetta del Monte Rocciamelone, situata sul territorio di Mompantero, nel cuore della Valle di Susa, domina il paesaggio con i suoi 3.538 metri di altitudine, racchiudendo lungo le pendici bellezze culturali e naturalistiche, sopravvissute almeno in parte al devastante incendio che nell’autunno del 2017 ha distrutto vasta parte del territorio. Tra le borgate che si ergono sulle pendici del monte, è rinvenibile un ricco patrimonio artistico-religioso costituito da piloni, affreschi e cappelle votive, risalenti a periodi compresi tra il XV ed il XVII sec. Tra i luoghi di culto, particolare importanza va riconosciuta alla cappella della Braida, con i suoi affreschi seicenteschi di pregio, e alla Cappella del Castagneretto, minuscola chiesa affrescata che richiede un urgente intervento di restauro a seguito dell’incendio che ha cancellato la borgata in cui è situata. A testimonianza della storia millenaria scritta sul monte, tra le località Ecova e Chiamberlando, sono rinvenibili numerose incisioni e iscrizioni risalenti al periodo compreso tra l'età del Bronzo e il II sec. d.C., reperti rupestri costituiti da spirali e meandri, probabilmente i più antichi e risalenti alla tarda età del Bronzo, asce, databili tra la fine dell’età del Ferro e l’inizio del periodo latino, coppelle e figure antropomorfe, riconducibili quest’ultime all’età del Ferro. Va inoltre evidenziata la primaria importanza, a livello regionale, del patrimonio rupestre costituito da petroglifi, sito tra le località di Costa Seppa, Rocca del Chiodo e Chiamberlando. La datazione di tali ritrovamenti mostra come, già nella seconda metà del I millennio a.C., alle pendici del Rocciamelone erano rinvenibili segni di antropizzazione, resa possibile dalla xerotermia della zona, determinante per lo sviluppo di flora e fauna peculiari, patrimonio naturalistico di pregio oggi protetto dalla presenza di due Siti di Interesse Comunitario. Particolare importanza è riconosciuta alle praterie xerofile, in cui sono rinvenibili orchidee e specie rare a rischio estinzione, e, tra la fauna, al lepidottero Polyommatus Exuberans, insetto endemico della Valle di Susa. Il Rocciamelone è inoltre culla di tradizioni popolari che si tramandano da tempo immemore, come avviene ogni anno nella Frazione di Urbiano, con la famosa festa conosciuta come “Fora l’Ours”. Unicum nel panorama alpino, la festa si caratterizza per il significato allegorico attribuito alla figura dell’orso, uomo ricoperto di pelli catturato dai cacciatori e poi liberato, dopo essere stato ammansito con del vino e con un ballo con la giovane più bella del paese. Oltre alla storia e alle tradizioni più antiche, sul Rocciamelone si sono scritte pagine importanti della Resistenza al nazifascismo, la più celebre si deve all’opera e al sacrificio prestati dai partigiani della IV Divisione “Stellina” guidata dal Comandante “Aldo Laghi”, Giulio Bolaffi, le cui gesta sono narrate attraverso la documentazione conservata nel Museo comunale della Resistenza. Ogni anno lungo i sentieri partigiani, si tiene la gara di corsa in montagna “Challenge Stellina” ad eterna memoria del sacrificio prestato per l’affermazione dei valori democratici. A fronte dei tesori custoditi lungo i versanti, spicca la vetta del Rocciamelone su cui si ergono il Santuario più alto d’Europa e la statua della Madonna delle Nevi, cuore pulsante del culto mariano valligiano e meta di pellegrinaggio per migliaia di fedeli. La scultura bronzea, alta più di tre metri e del peso di quasi otto quintali, venne costruita nel 1899 grazie alla campagna giornalistica promossa da Monsignor Rosaz che consentì la raccolta di migliaia di sottoscrizioni provenienti da bambini di tutta Italia.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

32° Posto

7,864 Voti
Censimento 2020

25,279° Posto

4 Voti
Censimento 2016

21,154° Posto

2 Voti
Censimento 2012

5,260° Posto

3 Voti

Questo luogo è sostenuto da:

COMITATO "ROCCIAMELONE: SCRIGNO DI ARTE, NATURA, CULTURA E DEVOZIONE"

Scopri altri luoghi vicini

591°
4 voti

Area urbana, piazza

BORGATA SEGHINO

MOMPANTERO, TORINO

590°
5 voti

Borgo

MOMPANTERO VECCHIO

MOMPANTERO, TORINO

574°
21 voti

Borgo

BORGO DI SUSA

SUSA, TORINO

592°
3 voti

Chiesa

CATTEDRALE DI SAN GIUSTO

SUSA, TORINO

Scopri altri luoghi simili

38°
7,332 voti

Altro

COMPLESSO TERMALE: MESCITA DELLE ACQUE E LE VECCHIE TERME

SANT'ANDREA BAGNI, PARMA

100°
3,290 voti

Altro

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE "BENVENUTO CELLINI"

VALENZA, ALESSANDRIA

176°
1,189 voti

Altro

BIBLIOTECA GREGORIANA E LOLLINIANA NEL SEMINARIO GREGORIANO

BELLUNO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

ROCCIAMELONE: SCRIGNO DI ARTE, NATURA, CULTURA E DEVOZIONE

MOMPANTERO, TORINO

Condividi
ROCCIAMELONE: SCRIGNO DI ARTE, NATURA, CULTURA E DEVOZIONE
La vetta del Monte Rocciamelone, situata sul territorio di Mompantero, nel cuore della Valle di Susa, domina il paesaggio con i suoi 3.538 metri di altitudine, racchiudendo lungo le pendici bellezze culturali e naturalistiche, sopravvissute almeno in parte al devastante incendio che nell’autunno del 2017 ha distrutto vasta parte del territorio. Tra le borgate che si ergono sulle pendici del monte, è rinvenibile un ricco patrimonio artistico-religioso costituito da piloni, affreschi e cappelle votive, risalenti a periodi compresi tra il XV ed il XVII sec. Tra i luoghi di culto, particolare importanza va riconosciuta alla cappella della Braida, con i suoi affreschi seicenteschi di pregio, e alla Cappella del Castagneretto, minuscola chiesa affrescata che richiede un urgente intervento di restauro a seguito dell’incendio che ha cancellato la borgata in cui è situata. A testimonianza della storia millenaria scritta sul monte, tra le località Ecova e Chiamberlando, sono rinvenibili numerose incisioni e iscrizioni risalenti al periodo compreso tra l'età del Bronzo e il II sec. d.C., reperti rupestri costituiti da spirali e meandri, probabilmente i più antichi e risalenti alla tarda età del Bronzo, asce, databili tra la fine dell’età del Ferro e l’inizio del periodo latino, coppelle e figure antropomorfe, riconducibili quest’ultime all’età del Ferro. Va inoltre evidenziata la primaria importanza, a livello regionale, del patrimonio rupestre costituito da petroglifi, sito tra le località di Costa Seppa, Rocca del Chiodo e Chiamberlando. La datazione di tali ritrovamenti mostra come, già nella seconda metà del I millennio a.C., alle pendici del Rocciamelone erano rinvenibili segni di antropizzazione, resa possibile dalla xerotermia della zona, determinante per lo sviluppo di flora e fauna peculiari, patrimonio naturalistico di pregio oggi protetto dalla presenza di due Siti di Interesse Comunitario. Particolare importanza è riconosciuta alle praterie xerofile, in cui sono rinvenibili orchidee e specie rare a rischio estinzione, e, tra la fauna, al lepidottero Polyommatus Exuberans, insetto endemico della Valle di Susa. Il Rocciamelone è inoltre culla di tradizioni popolari che si tramandano da tempo immemore, come avviene ogni anno nella Frazione di Urbiano, con la famosa festa conosciuta come “Fora l’Ours”. Unicum nel panorama alpino, la festa si caratterizza per il significato allegorico attribuito alla figura dell’orso, uomo ricoperto di pelli catturato dai cacciatori e poi liberato, dopo essere stato ammansito con del vino e con un ballo con la giovane più bella del paese. Oltre alla storia e alle tradizioni più antiche, sul Rocciamelone si sono scritte pagine importanti della Resistenza al nazifascismo, la più celebre si deve all’opera e al sacrificio prestati dai partigiani della IV Divisione “Stellina” guidata dal Comandante “Aldo Laghi”, Giulio Bolaffi, le cui gesta sono narrate attraverso la documentazione conservata nel Museo comunale della Resistenza. Ogni anno lungo i sentieri partigiani, si tiene la gara di corsa in montagna “Challenge Stellina” ad eterna memoria del sacrificio prestato per l’affermazione dei valori democratici. A fronte dei tesori custoditi lungo i versanti, spicca la vetta del Rocciamelone su cui si ergono il Santuario più alto d’Europa e la statua della Madonna delle Nevi, cuore pulsante del culto mariano valligiano e meta di pellegrinaggio per migliaia di fedeli. La scultura bronzea, alta più di tre metri e del peso di quasi otto quintali, venne costruita nel 1899 grazie alla campagna giornalistica promossa da Monsignor Rosaz che consentì la raccolta di migliaia di sottoscrizioni provenienti da bambini di tutta Italia.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2016, 2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te