ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
PORTA NOLANA

PORTA NOLANA

NAPOLI

6,811°

POSTO

13

VOTI 2022
Condividi
PORTA NOLANA
E' situata non lontano da piazza Garibaldi, simbolo di integrazione e multiculturalismo. Sembra sorretta dalle due torri di piperno che la circondano, datate 1555, dette della Speranza (quella a Nord) e della Fede o Cara Fè (quella a Sud). Questa è attualmente sormontata da balconcini e finestre. Nel V secolo d. C. Porta Nolana era situata nella zona di Forcella, tra l’ospedale Ascalesi e la basilica dell’Annunziata, ed era conosciuta per questo motivo con il nome di Porta Furcillensis. Alla fine del XV secolo gli aragonesi decisero di spostarla (per questo nel titolo abbiamo scritto “porta che cammina”) dove si trova oggi, nell’atto di ampliamento delle mura cittadine. Ma come mai è stata poi chiamata “Nolana”? Semplicemente perché fu realizzata lungo la strada che portava a Nola. La costruzione della nuova Porta fu affidata allo scultore e architetto Giuliano da Maiano che realizzò sull’arco a tutto sesto un bassorilievo rinascimentale rappresentante Ferrante I d’Aragona, a testa scoperta, con indosso l’armatura e la corona, in groppa a un cavallo. Al di sotto della scultura manca la scritta “Ferdinandus Rex / Nobilissimae Patriae”. Il fornice della Porta è rivestito da un’ornia di marmo incorniciata da un toro e sovrastata da tre stemmi sporgenti. Quello centrale raffigura le armi aragonesi intrecciate con quelle angioine e presenta le Fasce di Francia e della casa d’Angiò, le armi d’Ungheria, i gigli e la città di Gerusalemme, la croce potenziata e quattro croci più piccole. Laterali vi sono due scudi sannitici raffiguranti armi ormai non più visibili. Nello spessore del muro vi è ancora la scanalatura per la saracinesca. La Porta mostrava inoltre un affresco di Mattia Preti con protagonista san Gennaro, in compagnia di san Francesco e santa Rosalia, mentre riceve l’apparizione dell’Immacolata con il Bambino Gesù in braccio. Il Santo Patrono chiede alla Madonna di aiutare la popolazione napoletana falcidiata dalla peste. L’affresco è stato però totalmente cancellato, probabilmente nell’Ottocento. Sfortunatamente, nonostante la perdita di alcune opere presenti su questo splendido monumento, Porta Nolana continua a non essere notata e valorizzata da coloro che ha giurato, da diversi secoli, di proteggere.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

28,627° Posto

3 Voti
Censimento 2018

22,655° Posto

3 Voti
Censimento 2016

16,860° Posto

3 Voti
Censimento 2014

10,916° Posto

1 Voti
Censimento 2012

3,489° Posto

4 Voti
Censimento 2010

4,351° Posto

1 Voti
Censimento 2004

1,388° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

20°
4,755 voti

Ferrovia storica, ferrovia

STAZIONE BAYARD - LA STRADA DI FERRO NAPOLI - PORTICI

NAPOLI

1,795°
34 voti

Costa, area marina, spiaggia

BAGNOLI VIA NAPOLI

NAPOLI

Vota altri luoghi simili

10,939 voti

Area urbana, piazza

VILLAGGIO OPERAIO DI CRESPI D'ADDA

CAPRIATE SAN GERVASIO, BERGAMO

206°
407 voti

Area urbana, piazza

LA MERIDIANA DI PIAZZA VECCHIA

BERGAMO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

PORTA NOLANA

NAPOLI

Condividi
PORTA NOLANA
E' situata non lontano da piazza Garibaldi, simbolo di integrazione e multiculturalismo. Sembra sorretta dalle due torri di piperno che la circondano, datate 1555, dette della Speranza (quella a Nord) e della Fede o Cara Fè (quella a Sud). Questa è attualmente sormontata da balconcini e finestre. Nel V secolo d. C. Porta Nolana era situata nella zona di Forcella, tra l’ospedale Ascalesi e la basilica dell’Annunziata, ed era conosciuta per questo motivo con il nome di Porta Furcillensis. Alla fine del XV secolo gli aragonesi decisero di spostarla (per questo nel titolo abbiamo scritto “porta che cammina”) dove si trova oggi, nell’atto di ampliamento delle mura cittadine. Ma come mai è stata poi chiamata “Nolana”? Semplicemente perché fu realizzata lungo la strada che portava a Nola. La costruzione della nuova Porta fu affidata allo scultore e architetto Giuliano da Maiano che realizzò sull’arco a tutto sesto un bassorilievo rinascimentale rappresentante Ferrante I d’Aragona, a testa scoperta, con indosso l’armatura e la corona, in groppa a un cavallo. Al di sotto della scultura manca la scritta “Ferdinandus Rex / Nobilissimae Patriae”. Il fornice della Porta è rivestito da un’ornia di marmo incorniciata da un toro e sovrastata da tre stemmi sporgenti. Quello centrale raffigura le armi aragonesi intrecciate con quelle angioine e presenta le Fasce di Francia e della casa d’Angiò, le armi d’Ungheria, i gigli e la città di Gerusalemme, la croce potenziata e quattro croci più piccole. Laterali vi sono due scudi sannitici raffiguranti armi ormai non più visibili. Nello spessore del muro vi è ancora la scanalatura per la saracinesca. La Porta mostrava inoltre un affresco di Mattia Preti con protagonista san Gennaro, in compagnia di san Francesco e santa Rosalia, mentre riceve l’apparizione dell’Immacolata con il Bambino Gesù in braccio. Il Santo Patrono chiede alla Madonna di aiutare la popolazione napoletana falcidiata dalla peste. L’affresco è stato però totalmente cancellato, probabilmente nell’Ottocento. Sfortunatamente, nonostante la perdita di alcune opere presenti su questo splendido monumento, Porta Nolana continua a non essere notata e valorizzata da coloro che ha giurato, da diversi secoli, di proteggere.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2004, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te