ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
MULINO COMUNALE

MULINO COMUNALE

VILLETTA BARREA, L'AQUILA

392°

POSTO

207

VOTI
Condividi
MULINO COMUNALE
Nel cuore di Villetta Barrea è situato un vecchio mulino risalente alla seconda metà del 1400 e funzionante fino agli anni 50. Più volte ristrutturato nei secoli scorsi, il mulino ospita ora il Museo dell'Acqua. Una volta entrati nel museo, nella prima sala a destra è possibile ammirare una riproduzione a grandezza naturale del vecchio mulino che si avvale, però, dell'originale macina in pietra. In passato l'acqua del fiume Sangro, che attraversa ancora adesso il paese, veniva convogliata in un canale sottostante il mulino e la sua forza metteva in movimento una ruota a paletta che faceva girare a sua volta la macina in pietra del mulino. Quest'ultima, ruotando su un'altra macina immobile sottostante, frantumava e polverizzava i cereali in essa immessi. All'interno della sala del mulino, inoltre, sono state allestite delle cornici che, con l'ausilio di documenti d'archivio e fotografie storiche, raccontano la storia del mulino, della gualchiera e della centralina idroelettrica. Tra i documenti esposti, è possibile consultare la copia del contratto d'affitto del Mulino e della Gualchiera comunali per il quinquennio 1881-1885 che disciplinava il rapporto tra il Comune di Villetta Barrea e il mugnaio circa l'uso del Mulino. Nella sala centrale del museo, un allestimento pittorico-scenografico descrive accuratamente la storia dell'acqua ed il suo ciclo di vita, dalla sorgente fino all'arrivo al mare. Continuando lungo il percorso pittorico-scenografico, ci si imbatte in una riproduzione tridimensionale di un tipico ambiente di fiume ricco di organismi animali e vegetali. Si tratta dei cosiddetti "indicatori biologici" che vengono usati dagli esperti per valutare lo stato di salute delle acque correnti in quanto reagiscono diversamente in base alla presenza o meno di inquinanti. Nella vasca tridimensionale è inoltre possibile ammirare gli animali acquatici più rari del Parco: la salamandra dagli occhiali, l'ululone dal ventre giallo, la trota macrostigma e la lontra. Nel piano superiore è stato realizzato un allestimento dedicato alla gualchiera e alla lavorazione della lana. All'esterno del Museo dell'Acqua, nel piazzale ante stante il Mulino, è possibile ammirare due turbine dell'antica centralina idroelettrica, risalenti una al 1905 e l'altra al 1949.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

392° Posto

207 Voti
Censimento 2020

25,279° Posto

4 Voti
Censimento 2018

27,334° Posto

2 Voti
Censimento 2016

26,800° Posto

1 Voti
Censimento 2014

6,122° Posto

3 Voti
Censimento 2012

5,260° Posto

3 Voti
Censimento 2010

2,581° Posto

2 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

426°
171 voti

Torre

MUSEO DELLA TORRE MEDIEVALE

VILLETTA BARREA, L'AQUILA

579°
16 voti

Fiume, torrente, lago

LAGO DI BARREA

BARREA, L'AQUILA

568°
27 voti

Area protetta

PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO

VILLETTA BARREA, L'AQUILA

592°
3 voti

Area naturale

VAL DI ROSE

CIVITELLA ALFEDENA, L'AQUILA

Scopri altri luoghi simili

20°
11,132 voti

Mulino

MUSEO MULINO BELSITO

SAN GIOVANNI IN FIORE, COSENZA

213°
691 voti

Mulino

ECOMUSEO MULINO AL PIZZON

PIZZON, ROVIGO

361°
246 voti

Mulino

MULINO DEL CANTONE

MONZA, MONZA E DELLA BRIANZA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

MULINO COMUNALE

VILLETTA BARREA, L'AQUILA

Condividi
MULINO COMUNALE
Nel cuore di Villetta Barrea è situato un vecchio mulino risalente alla seconda metà del 1400 e funzionante fino agli anni 50. Più volte ristrutturato nei secoli scorsi, il mulino ospita ora il Museo dell'Acqua. Una volta entrati nel museo, nella prima sala a destra è possibile ammirare una riproduzione a grandezza naturale del vecchio mulino che si avvale, però, dell'originale macina in pietra. In passato l'acqua del fiume Sangro, che attraversa ancora adesso il paese, veniva convogliata in un canale sottostante il mulino e la sua forza metteva in movimento una ruota a paletta che faceva girare a sua volta la macina in pietra del mulino. Quest'ultima, ruotando su un'altra macina immobile sottostante, frantumava e polverizzava i cereali in essa immessi. All'interno della sala del mulino, inoltre, sono state allestite delle cornici che, con l'ausilio di documenti d'archivio e fotografie storiche, raccontano la storia del mulino, della gualchiera e della centralina idroelettrica. Tra i documenti esposti, è possibile consultare la copia del contratto d'affitto del Mulino e della Gualchiera comunali per il quinquennio 1881-1885 che disciplinava il rapporto tra il Comune di Villetta Barrea e il mugnaio circa l'uso del Mulino. Nella sala centrale del museo, un allestimento pittorico-scenografico descrive accuratamente la storia dell'acqua ed il suo ciclo di vita, dalla sorgente fino all'arrivo al mare. Continuando lungo il percorso pittorico-scenografico, ci si imbatte in una riproduzione tridimensionale di un tipico ambiente di fiume ricco di organismi animali e vegetali. Si tratta dei cosiddetti "indicatori biologici" che vengono usati dagli esperti per valutare lo stato di salute delle acque correnti in quanto reagiscono diversamente in base alla presenza o meno di inquinanti. Nella vasca tridimensionale è inoltre possibile ammirare gli animali acquatici più rari del Parco: la salamandra dagli occhiali, l'ululone dal ventre giallo, la trota macrostigma e la lontra. Nel piano superiore è stato realizzato un allestimento dedicato alla gualchiera e alla lavorazione della lana. All'esterno del Museo dell'Acqua, nel piazzale ante stante il Mulino, è possibile ammirare due turbine dell'antica centralina idroelettrica, risalenti una al 1905 e l'altra al 1949.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te