ISCRIVITI Al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
LOCALITÀ SANT’IRENE PROVINCIA DI VIBO VALENTIA

LOCALITÀ SANT’IRENE PROVINCIA DI VIBO VALENTIA

SANT'IRENE-TORRE VECCHIA, VIBO VALENTIA

592°

POSTO

3

VOTI
Condividi
LOCALITÀ SANT’IRENE PROVINCIA DI VIBO VALENTIA
Sabbia bianca e scogliere spettacolari caratterizzano le spiagge paradisiache della Costa degli Dei. Ci troviamo nella baia di Sant’Irene il cui nome deriverebbe da una chiesa ormai andata completamente distrutta, ubicata in una vicina contrada omonima. Sul piccolo tratto di spiaggia era presente in passato un vecchio seminario abbandonato e oggi trasformato in un resort. Una parte della spiaggia è occupata dal lido, il resto è spiaggia libera. Il fondale del mare discende lentamente e quindi per diversi metri è una piscina naturale, dove possono divertirsi i più piccoli ma anche chi vuole coccolarsi. Se siete degli amanti di snorkeling e immersioni, allora vi trovate nel posto giusto. Oltre ai fondali marini vi suggeriamo di fare qualche bracciata in più e raggiungere lo scoglio della Galea o Praca, posto a circa 120 metri di distanza dalla spiaggetta e intorno al quale ruotano leggende di sirene e pirati. La baia di Sant’Irene è nota anche come la Baia delle Sirene e dei pirati, per via delle storie che ruotano attorno allo scoglio della Galera o Praca. Questa roccia naturale è cosi nota per la sua particolare forma che per via delle numerose cavità, ricorderebbe delle cellette. Anche in questo caso, ripercorrendo le leggende e le storie di questo luogo incantato, risaliamo al mito greco. È proprio qui, infatti, tra lo scoglio della Galea che sorgevano le famose isole Itacesie, cosi denominate in memoria della patria di Ulisse. Sembrerebbe che lo scoglio della Galea sarebbe l’unico monumento naturale, testimone di questo arcipelago. Inoltre diversi scogli che si trovano lungo il piccolo tratto di costa mantengono ancora oggi delle forme insolite e talvolta strane, tanto da spiegare il perché della presenza delle sirene su questa spiaggia, nei racconti popolari. Proprio per questo motivo s’ipotizza che il nome originario della Spiaggia di Sant’Irene, fosse Spiaggia delle Sirene. Tornando allo scoglio della Galera esiste una spiegazione leggendaria e un’altra di carattere storico. La leggenda narra che sullo scoglio venissero imprigionati e condannati a una morte lunga e dolorosa i pirati che osavano rubare il tesoro nascosto all’interno del costone roccioso. La possibile posizione del tesoro dei pirati nel costone roccioso di Sant’Irene è ancora visibile dall’esterno. Quando vi troverete davanti lo scoglio della Galea voltatevi e puntate lo sguardo verso il costone di roccia subito di fronte a voi. Noterete sulla parete una piccola cavità. Sembrerebbe proprio che li sia custodito il tesoro. Vi suggeriamo di non avvicinarvi perché nessuno è mai riuscito ad averlo.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2022

592° Posto

3 Voti
Censimento 2020

36,346° Posto

1 Voti
0

Scopri altri luoghi vicini

594°
1 voto

Area naturale

COLLINE IN LOCALITA PRISCOPIO

ZAMBRONE, VIBO VALENTIA

594°
1 voto

Costa, area marina, spiaggia

COSTA DEGLI DEI

ZAMBRONE, VIBO VALENTIA

594°
1 voto

Costa, area marina, spiaggia

COSTA SOTTOSTANTE STAZIONE

ZAMBRONE, VIBO VALENTIA

594°
1 voto

Costa, area marina, spiaggia

PARADISO DEL SUB

ZAMBRONE, VIBO VALENTIA

Scopri altri luoghi simili

29°
8,108 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

98°
3,303 voti

Costa, area marina, spiaggia

TRE PISCINE CALA DEL CUORE

BAGHERIA, PALERMO

215°
682 voti

Costa, area marina, spiaggia

SPIAGGIA DI BOCCADASSE

GENOVA

243°
530 voti

Costa, area marina, spiaggia

SFERRACAVALLO

PALERMO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

LOCALITÀ SANT’IRENE PROVINCIA DI VIBO VALENTIA

SANT'IRENE-TORRE VECCHIA, VIBO VALENTIA

Condividi
LOCALITÀ SANT’IRENE PROVINCIA DI VIBO VALENTIA
Sabbia bianca e scogliere spettacolari caratterizzano le spiagge paradisiache della Costa degli Dei. Ci troviamo nella baia di Sant’Irene il cui nome deriverebbe da una chiesa ormai andata completamente distrutta, ubicata in una vicina contrada omonima. Sul piccolo tratto di spiaggia era presente in passato un vecchio seminario abbandonato e oggi trasformato in un resort. Una parte della spiaggia è occupata dal lido, il resto è spiaggia libera. Il fondale del mare discende lentamente e quindi per diversi metri è una piscina naturale, dove possono divertirsi i più piccoli ma anche chi vuole coccolarsi. Se siete degli amanti di snorkeling e immersioni, allora vi trovate nel posto giusto. Oltre ai fondali marini vi suggeriamo di fare qualche bracciata in più e raggiungere lo scoglio della Galea o Praca, posto a circa 120 metri di distanza dalla spiaggetta e intorno al quale ruotano leggende di sirene e pirati. La baia di Sant’Irene è nota anche come la Baia delle Sirene e dei pirati, per via delle storie che ruotano attorno allo scoglio della Galera o Praca. Questa roccia naturale è cosi nota per la sua particolare forma che per via delle numerose cavità, ricorderebbe delle cellette. Anche in questo caso, ripercorrendo le leggende e le storie di questo luogo incantato, risaliamo al mito greco. È proprio qui, infatti, tra lo scoglio della Galea che sorgevano le famose isole Itacesie, cosi denominate in memoria della patria di Ulisse. Sembrerebbe che lo scoglio della Galea sarebbe l’unico monumento naturale, testimone di questo arcipelago. Inoltre diversi scogli che si trovano lungo il piccolo tratto di costa mantengono ancora oggi delle forme insolite e talvolta strane, tanto da spiegare il perché della presenza delle sirene su questa spiaggia, nei racconti popolari. Proprio per questo motivo s’ipotizza che il nome originario della Spiaggia di Sant’Irene, fosse Spiaggia delle Sirene. Tornando allo scoglio della Galera esiste una spiegazione leggendaria e un’altra di carattere storico. La leggenda narra che sullo scoglio venissero imprigionati e condannati a una morte lunga e dolorosa i pirati che osavano rubare il tesoro nascosto all’interno del costone roccioso. La possibile posizione del tesoro dei pirati nel costone roccioso di Sant’Irene è ancora visibile dall’esterno. Quando vi troverete davanti lo scoglio della Galea voltatevi e puntate lo sguardo verso il costone di roccia subito di fronte a voi. Noterete sulla parete una piccola cavità. Sembrerebbe proprio che li sia custodito il tesoro. Vi suggeriamo di non avvicinarvi perché nessuno è mai riuscito ad averlo.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2020, 2022
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te