Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
IL MOSAICO ELLENISTICO DI SAN FRANCESCO

IL MOSAICO ELLENISTICO DI SAN FRANCESCO

MILAZZO, MESSINA

260°

POSTO

903

VOTI 2020
IL MOSAICO ELLENISTICO DI SAN FRANCESCO
Il mosaico fu rinvenuto nel 1934, durante i lavori per la realizzazione della palestra annessa alla "Regia Scuola Secondaria di Avviamento al Lavoro", in una delle sale del piano terra del Convento dei Frati Minimi, adiacente al Santuario e oggi, in parte, sede della Caserma dei Carabinieri. In base alla tecnica di esecuzione, il mosaico è stato datato ad età ellenistico-romana (II secolo a.C.). La prima notizia della scoperta si deve a Saverio Magistri, all'epoca Ispettore Onorario per le Antichità e Belle Arti del mandamento di Milazzo, la prima presentazione scientifica, invece, a Paolo Enrico Arias. Molto dibattuta resta l'interpretazione del soggetto, che alcuni leggono come figura femminile nuda che regge uno specchio ovale (Magistri; Arias), altri come ermafrodita che regge un volatile dalle piume variopinte. A seguito di un intervento di pulitura, realizzato nel 2015 con fondi del Rotary Club di Milazzo, sembra possibile riconoscere una coppa nell'oggetto che la figura regge con le mani. Anche per la datazione vi sono proposte alternative: Arias parla di opus vermiculatum e data l'opera all'età degli Antonini; Dela Von Boeselager, nel suo fondamentale volume "Antike mosaiken in Sizilien", edito nel 1983, data il pavimento al III secolo a.C. La figurina, contornata da un filo di piombo, presenta un incarnato grigio-marrone e labbra e capezzoli di colore rosso. Probabilmente il pavimento, in cocciopesto e tessere a schiera (opus signinum), era destinato ad ornare una sala da pranzo (triclinium). Tigano G., Coppolino P., "Milazzo. L'Antiquarium ed altre emergenze archeologiche nell'area urbana. Breve guida.", Palermo, Assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana, 2016.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

818°
208 voti

Castello, rocca

CASTELLO DI MILAZZO

MILAZZO, MESSINA

1,429°
103 voti

Edificio civile

ASILO CALCAGNO

MILAZZO, MESSINA

1,280°
118 voti

Costa, area marina, spiaggia

BAIA DEL TONO

MILAZZO, MESSINA

Vota altri luoghi simili

36,558 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

36,557 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

IL MOSAICO ELLENISTICO DI SAN FRANCESCO

MILAZZO, MESSINA

IL MOSAICO ELLENISTICO DI SAN FRANCESCO
Il mosaico fu rinvenuto nel 1934, durante i lavori per la realizzazione della palestra annessa alla "Regia Scuola Secondaria di Avviamento al Lavoro", in una delle sale del piano terra del Convento dei Frati Minimi, adiacente al Santuario e oggi, in parte, sede della Caserma dei Carabinieri. In base alla tecnica di esecuzione, il mosaico è stato datato ad età ellenistico-romana (II secolo a.C.). La prima notizia della scoperta si deve a Saverio Magistri, all'epoca Ispettore Onorario per le Antichità e Belle Arti del mandamento di Milazzo, la prima presentazione scientifica, invece, a Paolo Enrico Arias. Molto dibattuta resta l'interpretazione del soggetto, che alcuni leggono come figura femminile nuda che regge uno specchio ovale (Magistri; Arias), altri come ermafrodita che regge un volatile dalle piume variopinte. A seguito di un intervento di pulitura, realizzato nel 2015 con fondi del Rotary Club di Milazzo, sembra possibile riconoscere una coppa nell'oggetto che la figura regge con le mani. Anche per la datazione vi sono proposte alternative: Arias parla di opus vermiculatum e data l'opera all'età degli Antonini; Dela Von Boeselager, nel suo fondamentale volume "Antike mosaiken in Sizilien", edito nel 1983, data il pavimento al III secolo a.C. La figurina, contornata da un filo di piombo, presenta un incarnato grigio-marrone e labbra e capezzoli di colore rosso. Probabilmente il pavimento, in cocciopesto e tessere a schiera (opus signinum), era destinato ad ornare una sala da pranzo (triclinium). Tigano G., Coppolino P., "Milazzo. L'Antiquarium ed altre emergenze archeologiche nell'area urbana. Breve guida.", Palermo, Assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana, 2016.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te