Iscriviti al FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
santa giulia

IL CAMMINO DI SANTA GIULIA (DA LIVORNO A BRESCIA)

LIVORNO

447°

POSTO

140

VOTI 2020
IL CAMMINO DI SANTA GIULIA (DA LIVORNO A BRESCIA)
Il Cammino di S. Giulia è un itinerario evocativo di un fatto storico: la traslazione del corpus sanctae Iuliae voluta dagli ultimi regnanti longobardi, Desiderio e Ansa (756-774), nel 762 d.C. da Livorno a Brescia. Un itinerario modellato sul territorio attraverso il collegamento di luoghi storici, cioè delle chiese dedicate alla devozione a santa Giulia, mediante una sentieristica di livello escursionistico e naturalistico. Il progetto, oggi, si propone nel territorio italiano lungo un percorso di 467 km da Livorno a Brescia, strutturato in 25 tappe giornaliere, coinvolgendo tre Regioni; la Toscana, l’Emilia, la Lombardia, 8 Province e 62 Amministrazioni Comunali. Questo itinerario è caratterizzato dal passaggio in tutte le località (chiese e pievi) intitolate alla Santa, dove in alcune di queste (Livorno, Monchio (MO), Brescia e Speluncatu in Corsica) sono presenti le reliquie della santa. Un’unione dei luoghi della devozione a Santa Giulia, che ne valorizza anche gli aspetti storici, culturali, artistici, attraverso suggestivi paesaggi naturali in cui si manifesta il paziente e duro lavoro degli uomini nel corso dei secoli. Questo nuovo Cammino, che va a inserirsi nel panorama sentieristico Italiano tocca alcuni dei luoghi dedicati a santa Giulia, una santa che a buon titolo si potrebbe definire “toscana”. Nel VII secolo nasce e si radica a Lucca il culto della santa, come poi dimostrano Calendari e libri liturgici. Da Lucca il culto si diffonde prima in altri luoghi della Tuscia, dalla costa fino al confine più meridionale, a Sutri. In seguito, dopo la traslazione a Brescia, il culto della santa si impianta nel monastero che da lei prende il nome, e da lì conosce una seconda fase di diffusione. Le località sono rappresentate da edifici di culto, pievi, alcune delle quali di origine certa e documentata risalente al periodo alto-medioevale, se non ancor prima, cosicché a tutti gli effetti si identificano come una vera e propria testimonianza sul territorio. Autentici "luoghi del cuore" disseminati lungo il cammino. Ecco i luoghi della devozione alla santa, i cardini del cammino: Livorno Chiesa di S. Giulia e sede dell’Arciconfraternita del SS. Sacramento e di S. Giulia. Caprona (Pi) Pieve di S. Giulia Buti (PI) Cappella di S. Giulia al Monte S. Agata e chiesa di S. Maria della Neve a Lucca Chiesa di S. Giulia Pieve di Monti di Villa, Bagni di Lucca (Lu), Pieve di S. Giovanni, già di S. Giulia Monchio, Palagano (Mo), Pieve di S. Giulia Migliarina di Carpi (Mo), Chiesa di S. Giulia Cicognara, Viadana (MN), Chiesa di S. Giulia Brescia, Monastero di S. Salvatore e S. Giulia Brescia, Chiesa di S. Giulia nel villaggio Prealpino (BS). Il progetto oltre che storico, che naturalistico è un cammino aperto a tutti. Infatti camminare aiuta alla comprensione personale, specialmente se questa esperienza viene vissuta in prima persona, in solitaria, diventerà un viaggio di ricerca interiore regalando momenti imparagonabili e unici. La natura, la lenta cadenza, il silenzio intorno a noi, il lento scorrere del tempo sono validissimi strumenti che allargano l’orizzonte al benessere, alla riflessione, all’introspettiva personale. Partendo da Livorno passando da Monchio, sull’Appennino Modenese, fino ad arrivare a Brescia, sono queste le chiese dove sono presenti le reliquie, un collegamento tre tutte dieci chiese che offrono una prospettiva al viaggio, sotto un contesto religioso, proprio per chi è in ricerca nel senso più profondo del pellegrinaggio Il cammino è anche un'immersione nella bellezza artistica e culturale del bel paese, tra gli inconfondibili paesaggi rurali ed appenninici, per la riscoperta del turismo "lento", ovvero del gusto e delle tradizioni dei nostri campanili. L’itinerario valorizza le realtà che attraversa nella loro identità più profonda, per scoprire come le piccole storie raccontata dalle persone che si incontrano fanno un’unica storia. La nostra.

Gallery

santa giulia

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!

Vota altri luoghi vicini

19,764°
1 voto

Chiesa

CHIESA DI SANTA GIULIA E ORATORIO SAN RANIERI

LIVORNO

Vota altri luoghi simili

7,217 voti

Ponte

IL PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

4,693 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

4,138 voti

Eremo

EREMO DI SANT'ONOFRIO AL MORRONE

SULMONA, L'AQUILA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

IL CAMMINO DI SANTA GIULIA (DA LIVORNO A BRESCIA)

LIVORNO

IL CAMMINO DI SANTA GIULIA (DA LIVORNO A BRESCIA)
Il Cammino di S. Giulia è un itinerario evocativo di un fatto storico: la traslazione del corpus sanctae Iuliae voluta dagli ultimi regnanti longobardi, Desiderio e Ansa (756-774), nel 762 d.C. da Livorno a Brescia. Un itinerario modellato sul territorio attraverso il collegamento di luoghi storici, cioè delle chiese dedicate alla devozione a santa Giulia, mediante una sentieristica di livello escursionistico e naturalistico. Il progetto, oggi, si propone nel territorio italiano lungo un percorso di 467 km da Livorno a Brescia, strutturato in 25 tappe giornaliere, coinvolgendo tre Regioni; la Toscana, l’Emilia, la Lombardia, 8 Province e 62 Amministrazioni Comunali. Questo itinerario è caratterizzato dal passaggio in tutte le località (chiese e pievi) intitolate alla Santa, dove in alcune di queste (Livorno, Monchio (MO), Brescia e Speluncatu in Corsica) sono presenti le reliquie della santa. Un’unione dei luoghi della devozione a Santa Giulia, che ne valorizza anche gli aspetti storici, culturali, artistici, attraverso suggestivi paesaggi naturali in cui si manifesta il paziente e duro lavoro degli uomini nel corso dei secoli. Questo nuovo Cammino, che va a inserirsi nel panorama sentieristico Italiano tocca alcuni dei luoghi dedicati a santa Giulia, una santa che a buon titolo si potrebbe definire “toscana”. Nel VII secolo nasce e si radica a Lucca il culto della santa, come poi dimostrano Calendari e libri liturgici. Da Lucca il culto si diffonde prima in altri luoghi della Tuscia, dalla costa fino al confine più meridionale, a Sutri. In seguito, dopo la traslazione a Brescia, il culto della santa si impianta nel monastero che da lei prende il nome, e da lì conosce una seconda fase di diffusione. Le località sono rappresentate da edifici di culto, pievi, alcune delle quali di origine certa e documentata risalente al periodo alto-medioevale, se non ancor prima, cosicché a tutti gli effetti si identificano come una vera e propria testimonianza sul territorio. Autentici "luoghi del cuore" disseminati lungo il cammino. Ecco i luoghi della devozione alla santa, i cardini del cammino: Livorno Chiesa di S. Giulia e sede dell’Arciconfraternita del SS. Sacramento e di S. Giulia. Caprona (Pi) Pieve di S. Giulia Buti (PI) Cappella di S. Giulia al Monte S. Agata e chiesa di S. Maria della Neve a Lucca Chiesa di S. Giulia Pieve di Monti di Villa, Bagni di Lucca (Lu), Pieve di S. Giovanni, già di S. Giulia Monchio, Palagano (Mo), Pieve di S. Giulia Migliarina di Carpi (Mo), Chiesa di S. Giulia Cicognara, Viadana (MN), Chiesa di S. Giulia Brescia, Monastero di S. Salvatore e S. Giulia Brescia, Chiesa di S. Giulia nel villaggio Prealpino (BS). Il progetto oltre che storico, che naturalistico è un cammino aperto a tutti. Infatti camminare aiuta alla comprensione personale, specialmente se questa esperienza viene vissuta in prima persona, in solitaria, diventerà un viaggio di ricerca interiore regalando momenti imparagonabili e unici. La natura, la lenta cadenza, il silenzio intorno a noi, il lento scorrere del tempo sono validissimi strumenti che allargano l’orizzonte al benessere, alla riflessione, all’introspettiva personale. Partendo da Livorno passando da Monchio, sull’Appennino Modenese, fino ad arrivare a Brescia, sono queste le chiese dove sono presenti le reliquie, un collegamento tre tutte dieci chiese che offrono una prospettiva al viaggio, sotto un contesto religioso, proprio per chi è in ricerca nel senso più profondo del pellegrinaggio Il cammino è anche un'immersione nella bellezza artistica e culturale del bel paese, tra gli inconfondibili paesaggi rurali ed appenninici, per la riscoperta del turismo "lento", ovvero del gusto e delle tradizioni dei nostri campanili. L’itinerario valorizza le realtà che attraversa nella loro identità più profonda, per scoprire come le piccole storie raccontata dalle persone che si incontrano fanno un’unica storia. La nostra.
Campagne in corso in questo luogo
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te