ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
margherita

GIARDINI MARGHERITA

BOLOGNA

GIARDINI MARGHERITA
I Giardini Margherita con i loro 26 ettari di terreno, sono la meta ideale per rilassarsi, riposarsi e ritrovare un contatto con la natura a due passi dal caos cittadinodi Bologna. E' stato creato per dotare Bologna, come già stava accadendo in molte città italiane ed europee, di un grande spazio verde pubblico allo scopo di migliorare la salute dei cittadini. Il terreno fu acquistato nel 1868 dal conte Angelo Tattini e nel 1874 il progetto venne affidato al conte Ernesto Balbo Bertone di Sambuy. Nel 1879 si decise con una delibera di intitolare il parco al nome di Sua maestà la Regina Margherita recatasi in visita l’anno precedente. L’apertura ufficiale fu celebrata il 6 luglio 1879 e a partire da questa data i Giardini sono stati teatro di numerosissimi eventi e manifestazioni che hanno scandito la vita di Bologna. Durante i lavori di costruzione venne alla luce un'estesa necropoli etrusca, ricchissima di reperti, oggi conservati al Museo civico archeologico di Bologna. Due delle tombe rinvenute furono poi ricostruite all'interno del parco. Il parco è stato progettato seguendo gli ideali romantici del giardino all’inglese e corredato ad un suggestivo laghetto alimentato dalle acque del Rio Cavallina. Vi sono quindi accostamenti di elementi naturali e artificiali che si scoprono passeggiando e il progetto è basato sull’armonia tra i diversi elementi e aree e sui cannocchiali prospettici.

Gallery

margherita
margherita
margherita
margherita
margherita
margherita
margherita
margherita
margherita
margherita
margherita
margherita
margherita
margherita

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

313° Posto

1,052 Voti
Censimento 2018

2,826° Posto

29 Voti
Censimento 2016

3,848° Posto

16 Voti
Censimento 2014

5,102° Posto

4 Voti
Censimento 2012

5,264° Posto

3 Voti
Censimento 2003

1,863° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

NC
0 voti

Monastero

COMPLESSO BENEDETTINO DI SAN PROCOLO

BOLOGNA

Vota altri luoghi simili

1,039 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

884 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

729 voti

Area urbana, piazza

VILLAGGIO OPERAIO DI CRESPI D'ADDA

CAPRIATE SAN GERVASIO, BERGAMO

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

GIARDINI MARGHERITA

BOLOGNA

GIARDINI MARGHERITA
I Giardini Margherita con i loro 26 ettari di terreno, sono la meta ideale per rilassarsi, riposarsi e ritrovare un contatto con la natura a due passi dal caos cittadinodi Bologna. E' stato creato per dotare Bologna, come già stava accadendo in molte città italiane ed europee, di un grande spazio verde pubblico allo scopo di migliorare la salute dei cittadini. Il terreno fu acquistato nel 1868 dal conte Angelo Tattini e nel 1874 il progetto venne affidato al conte Ernesto Balbo Bertone di Sambuy. Nel 1879 si decise con una delibera di intitolare il parco al nome di Sua maestà la Regina Margherita recatasi in visita l’anno precedente. L’apertura ufficiale fu celebrata il 6 luglio 1879 e a partire da questa data i Giardini sono stati teatro di numerosissimi eventi e manifestazioni che hanno scandito la vita di Bologna. Durante i lavori di costruzione venne alla luce un'estesa necropoli etrusca, ricchissima di reperti, oggi conservati al Museo civico archeologico di Bologna. Due delle tombe rinvenute furono poi ricostruite all'interno del parco. Il parco è stato progettato seguendo gli ideali romantici del giardino all’inglese e corredato ad un suggestivo laghetto alimentato dalle acque del Rio Cavallina. Vi sono quindi accostamenti di elementi naturali e artificiali che si scoprono passeggiando e il progetto è basato sull’armonia tra i diversi elementi e aree e sui cannocchiali prospettici.
Storico campagne in questo luogo
Giornate FAI di Primavera
2020
I Luoghi del Cuore
2003, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te