ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare

CHIESA SANTA MARIA DI CANNETO E MADONNA DELLA NEVE

FARA IN SABINA, RIETI

33,652°

POSTO

1

VOTI 2022
Condividi
CHIESA SANTA MARIA DI CANNETO E MADONNA DELLA NEVE
Sito archeologico di notevole importanza già dall'età classica, matura in una fattoria castellare sul modello di quelle medievali farfensi già a partire dall'undicesimo secolo. E' infatti del 1005 il primo documento che ne parla, all'interno del corpus documentario dell'abbazia di Farfa. Successivamente il sito aumenta le sue strutture religiose parallelamente a quelle produttivo-abitative divenendo luogo di cura delle anime e dei possedimenti terrieri, tanto da raggiungere la composizione, nel quattrocento, di un palazzetto di campagna composto da due chiese e due braccia abitative. Non si hanno ritrovamenti monastici quindi si pensa che all'interno non ci sia mai stata vita di comunità, tuttavia, essendo un mandamento agricolo dell'abbazia, non si può escludere che gli spazi costruiti possano aver subito numerose modificazioni, non solo nei corpi di fabbrica ma anche nelle attività interne. Ad oggi la vocazione agricola è rimasta intatta tanto che è sede di una delle più antiche aziende agricole della Sabina, ma quello che ovviamente la rende interessante come patrimonio è sicuramente il contenuto di opere d'arte composto dai cicli pittorici di cappella e chiesa, che recano oltre ad un'interessante istoriazione, anche una tela devozionale cinquecentesca che ricorda il miracolo della nevicata del cinque agosto a Santa Maria Maggiore. Molto interessante è anche l'involucro di questo grande edificio perchè mostra delle interessanti fasi costruttive che hanno inglobato importantissimi reperti archeologici d'età romana imperiale.

Scheda completa al 88%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

22,421° Posto

5 Voti
Censimento 2018

27,334° Posto

2 Voti
Censimento 2016

7,658° Posto

8 Voti
Censimento 2012

9,894° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

17,371°
3 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN BIAGIO

FARA IN SABINA, RIETI

33,862°
1 voto

Albero monumentale

L'ULIVONE DI CANNETO SABINO

FARA IN SABINA, RIETI

33,653°
1 voto

Monastero

MONASTERO CLARISSE EREMITE S. MARIA DELLA PROVVIDENZA

FARA IN SABINA, RIETI

Vota altri luoghi simili

29°
2,618 voti

Chiesa

PRIORATO DI SANT'ANDREA

PIAZZA ARMERINA, ENNA

30°
2,600 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN GIACOMO DELLA VITTORIA

ALESSANDRIA

32°
2,512 voti

Chiesa

CHIESA DI SAN MINIATO DI CALAMECCA

CALAMECCA, PISTOIA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

CHIESA SANTA MARIA DI CANNETO E MADONNA DELLA NEVE

FARA IN SABINA, RIETI

Condividi
CHIESA SANTA MARIA DI CANNETO E MADONNA DELLA NEVE
Sito archeologico di notevole importanza già dall'età classica, matura in una fattoria castellare sul modello di quelle medievali farfensi già a partire dall'undicesimo secolo. E' infatti del 1005 il primo documento che ne parla, all'interno del corpus documentario dell'abbazia di Farfa. Successivamente il sito aumenta le sue strutture religiose parallelamente a quelle produttivo-abitative divenendo luogo di cura delle anime e dei possedimenti terrieri, tanto da raggiungere la composizione, nel quattrocento, di un palazzetto di campagna composto da due chiese e due braccia abitative. Non si hanno ritrovamenti monastici quindi si pensa che all'interno non ci sia mai stata vita di comunità, tuttavia, essendo un mandamento agricolo dell'abbazia, non si può escludere che gli spazi costruiti possano aver subito numerose modificazioni, non solo nei corpi di fabbrica ma anche nelle attività interne. Ad oggi la vocazione agricola è rimasta intatta tanto che è sede di una delle più antiche aziende agricole della Sabina, ma quello che ovviamente la rende interessante come patrimonio è sicuramente il contenuto di opere d'arte composto dai cicli pittorici di cappella e chiesa, che recano oltre ad un'interessante istoriazione, anche una tela devozionale cinquecentesca che ricorda il miracolo della nevicata del cinque agosto a Santa Maria Maggiore. Molto interessante è anche l'involucro di questo grande edificio perchè mostra delle interessanti fasi costruttive che hanno inglobato importantissimi reperti archeologici d'età romana imperiale.
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2012, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te