ISCRIVITI AL FAI
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
chiesa di san francesco della Vigna

COMPLESSO DI SAN FRANCESCO DELLA VIGNA

VENEZIA

POSTO

1,137

VOTI 2022
Condividi
COMPLESSO DI SAN FRANCESCO DELLA VIGNA
La parrocchia di San Francesco della Vigna (istituita nel 1810 a seguito della fusione con le vicine Santa Giustina, Santa Tèrnita e Sant'Antonino) deve il suo nome al fatto che in origine il luogo in cui sorge era coltivato a vigneti, i più estesi e fecondi di tutta Venezia (appartenenti alla famiglia Ziani). Nei pressi di questi vigneti sorgeva una piccola e modesta chiesa dedicata a san Marco poiché, secondo una tradizione dell'epoca, era proprio questo il luogo dove aveva albergato l'evangelista durante una tempesta e gli era apparso poco dopo un angelo salutandolo con le parole Pax tibi Marce Evangelista meus (motto della Serenissima) e profetizzandogli la futura fondazione di Venezia. Alla morte di Marco Ziani conte d'Arbe, componente della famiglia sopraccitata e figlio del doge Pietro Ziani, si stabilì tramite testamento datato 25 giugno 1253 che i vigneti, la chiesa ed alcune botteghe fossero lasciati o ai frati minori, o ai frati predicatori oppure ai cistercensi. Tra i tre alla fine ebbero la meglio i minori osservanti che si stabilirono definitivamente qui; ma poiché il loro numero andava sempre più aumentando si dovette ampliare il convento e si decise di erigere una nuova chiesa su disegno di Marino da Pisa (che venne chiamata proprio San Francesco della Vigna), lasciando tuttavia intatta quella precedentemente costruita e dedicata a san Marco. Nel XVI secolo a causa dell'esigenza del popolo, che si era insediato nella zona dell'Arsenale, di avere un nuovo centro religioso dove poter pregare e poiché lo stesso edificio minacciava di crollare, si decise di intervenire ricostruendolo su disegno del Sansovino e la prima pietra fu posta il 15 agosto 1534 dal doge Andrea Gritti. Tuttavia, Essendo sorti dei problemi su come costruire la facciata, i lavori vennero interrotti per un certo lasso di tempo, durante il quale si consultò persino il frate Francesco Zorzi, il quale rilasciò per iscritto le sue idee, alle quali lo stesso Jacopo Sansovino dovette uniformarsi. Lo storico dell'architettura Manfredo Tafuri in " Armonie e Conflitti" ribalta questa tesi ipotizzando che sia stato il Sansovino a servirsi dell'autorevole frate Francesco Zorzi per sostenere le sue idee. Con il Concilio di Trento molte cose cambiarono anche a Venezia e " il disegno " dell'epoca Grittiana (Zorzi-Sansovino) fu abbandonato e così fu scelto un altro progetto, presentato dal Palladio nel 1562; ed è forse a queste contese che rimandano le due iscrizioni presenti sulla facciata (Non sine jugi exteriori e Interiorique bello). Finalmente completata, la chiesa venne consacrata il 2 agosto 1582 da Giulio Superchio, vescovo di Caorle.

Gallery

chiesa di san francesco della Vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
chiesa di san francesco della Vigna
chiesa di san francesco della Vigna
chiesa di san francesco della Vigna
chiesa di san francesco della Vigna
chiesa di san francesco della Vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
San francesco della vigna
chiesa di san francesco della Vigna

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Testimonial che sostengono questo luogo

Antonio Scurati

Scrittore e accademico

Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2020

13,363° Posto

10 Voti
Censimento 2018

22,655° Posto

3 Voti
Censimento 2016

13,791° Posto

4 Voti
Censimento 2014

10,916° Posto

1 Voti
Censimento 2012

2,708° Posto

5 Voti
Censimento 2010

4,351° Posto

1 Voti
0

Vota altri luoghi vicini

7,910°
3 voti

Edificio civile

AEROPORTO CIVILE G. NICELLI

VENEZIA

3,268°
7 voti

Area naturale

AREA VERDE IN LOC. SAN NICOLO'

VENEZIA

Vota altri luoghi simili

3,383 voti

Ferrovia storica, ferrovia

STAZIONE BAYARD - LA STRADA DI FERRO NAPOLI - PORTICI.

NAPOLI

2,076 voti

Costa, area marina, spiaggia

SCALA DEI TURCHI

REALMONTE, AGRIGENTO

2,022 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

1,751 voti

Area naturale

SPIAGGIA DELLA PILLIRINA (AREA MARINA PROTETTA PLEMMIRIO)

SIRACUSA

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

COMPLESSO DI SAN FRANCESCO DELLA VIGNA

VENEZIA

Condividi
COMPLESSO DI SAN FRANCESCO DELLA VIGNA
La parrocchia di San Francesco della Vigna (istituita nel 1810 a seguito della fusione con le vicine Santa Giustina, Santa Tèrnita e Sant'Antonino) deve il suo nome al fatto che in origine il luogo in cui sorge era coltivato a vigneti, i più estesi e fecondi di tutta Venezia (appartenenti alla famiglia Ziani). Nei pressi di questi vigneti sorgeva una piccola e modesta chiesa dedicata a san Marco poiché, secondo una tradizione dell'epoca, era proprio questo il luogo dove aveva albergato l'evangelista durante una tempesta e gli era apparso poco dopo un angelo salutandolo con le parole Pax tibi Marce Evangelista meus (motto della Serenissima) e profetizzandogli la futura fondazione di Venezia. Alla morte di Marco Ziani conte d'Arbe, componente della famiglia sopraccitata e figlio del doge Pietro Ziani, si stabilì tramite testamento datato 25 giugno 1253 che i vigneti, la chiesa ed alcune botteghe fossero lasciati o ai frati minori, o ai frati predicatori oppure ai cistercensi. Tra i tre alla fine ebbero la meglio i minori osservanti che si stabilirono definitivamente qui; ma poiché il loro numero andava sempre più aumentando si dovette ampliare il convento e si decise di erigere una nuova chiesa su disegno di Marino da Pisa (che venne chiamata proprio San Francesco della Vigna), lasciando tuttavia intatta quella precedentemente costruita e dedicata a san Marco. Nel XVI secolo a causa dell'esigenza del popolo, che si era insediato nella zona dell'Arsenale, di avere un nuovo centro religioso dove poter pregare e poiché lo stesso edificio minacciava di crollare, si decise di intervenire ricostruendolo su disegno del Sansovino e la prima pietra fu posta il 15 agosto 1534 dal doge Andrea Gritti. Tuttavia, Essendo sorti dei problemi su come costruire la facciata, i lavori vennero interrotti per un certo lasso di tempo, durante il quale si consultò persino il frate Francesco Zorzi, il quale rilasciò per iscritto le sue idee, alle quali lo stesso Jacopo Sansovino dovette uniformarsi. Lo storico dell'architettura Manfredo Tafuri in " Armonie e Conflitti" ribalta questa tesi ipotizzando che sia stato il Sansovino a servirsi dell'autorevole frate Francesco Zorzi per sostenere le sue idee. Con il Concilio di Trento molte cose cambiarono anche a Venezia e " il disegno " dell'epoca Grittiana (Zorzi-Sansovino) fu abbandonato e così fu scelto un altro progetto, presentato dal Palladio nel 1562; ed è forse a queste contese che rimandano le due iscrizioni presenti sulla facciata (Non sine jugi exteriori e Interiorique bello). Finalmente completata, la chiesa venne consacrata il 2 agosto 1582 da Giulio Superchio, vescovo di Caorle.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2010, 2012, 2014, 2016, 2018, 2020
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te