Iscriviti al FAI a -10€
I Luoghi del Cuore
Il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare
SANTISSIMA

SANTISSIMA

GUSSAGO, BRESCIA

41°

POSTO

4,874

VOTI 2020
Condividi
SANTISSIMA
Posto sul colle denominato Barbisone, a dominio dell’abitato di Gussago, fin dal medioevo l’ex complesso domenicano della Santissima caratterizza il paesaggio di questo lembo di Franciacorta. L’esistenza di una chiesa rurale nel territorio di Gussago è attestata da un’indulgenza emanata nel 1460 da Papa Pio II “pro loco Trinitatis Gussagi” informato che, i Gussaghesi si erano messi all’opera per restaurare la piccola chiesa posta sul colle. Si tratta di una “chiesa civica” nata fuori dall’influenza dei grandi poteri monastici. Una decorazione quattrocentesca testimonia la presenza della stessa negli anni precedenti, si intravede una Madonna in trono gotico che tiene in braccio Gesù, affiancata da un vescovo e da S. Bernardino da Siena che tende verso di lei la tavoletta con raggi d'oro con il trigramma YHS. Tale nuova iconografia venne proposta nel 1423, questo significa che a quel tempo la chiesa esisteva già. Con bolla di Papa Sisto IV nel 1479 è affidata all’ordine dei frati Domenicani che costruirono il convento e i locali per i contadini. Per più di tre secoli il convento gussaghese ha avuto la funzione di presenza religiosa e di centro di rifornimento per il convento della città. Analizzando la struttura della chiesa si suppone l’esistenza di un edificio romanico, di semplice fattura costituito da un’unica navata. In seguito alla rivoluzione del 1797, nella quale Brescia si staccò dalla Serenissima, il convento venne assegnato all’ospedale maggiore di Brescia. La Santissima nel 1823 viene acquistata dal miniaturista Giovanbattista Gigola che la condivideva con gli amici Basiletti e Inganni. Gigola incaricò Vantini della trasformazione dell’austero convento domenicano conferendogli le caratteristiche di un fabbricato del primo ottocento. Nel 1857, venne acquistata dal nobile Paolo Richiedei, mecenate di artisti e letterati. Per parecchi anni il “castello” fu lasciato in uso di abitazione all’artista Angelo Inganni e a sua moglie Amanzia Guerilot. Essi decorarono la struttura esternamente ed internamente, traendo da questo luogo, l’ispirazione per la loro pittura paesaggistica. La Santissima rientra nella gestione dell’ingente patrimonio del Paolo Richiedei,, il quale con il suo testamento del 1860 lega il castello all’Opera Pia Richiedei, disponendo l’edificazione di un “Ospedale” e di una “Casa di Ricovero”, nel Comune di Gussago, ai piedi della Santissima. Durante la guerra, l'immobile ha ospitato famiglie di sfollati e poi fino al 1965 fu occupato da famiglie di piccoli agricoltori, che divisero le sale con tramezze e ridussero la chiesa a deposito di fieno e arnesi e per un periodo vi allevarono animali. Lo stabile è rimasto poi abbandonato per molti anni. Solo nel 1990-91, su sollecitazione della Soprintendenza, è stato riparato il tetto crollato e consolidata la struttura. Nel 1994 sono iniziate le visite guidate. Nel 2003 viene inaugurato il Periplo ai piedi della Santissima, e si riscopre l’antica tradizione di Pasquetta sui prati circostanti. Nel 2006 è stato istituito il Parco della Santissima con punti di sosta e punti panoramici che permettono di godere il paesaggio che si apre sulla Franciacorta e passeggiare a pochi metri dal “castello”. Nel 2010 è stato acquistato dal Comune di Gussago. Da alcuni anni viene tenuto in ordine dal Gruppo Sentieri Gussago Volontari Protezione Civile che si occupa anche della pulizia e della manutenzione del Parco. Dall’ottobre 2016 i volontari del Gruppo Sentieri, sotto la guida di operatori esperti, hanno iniziato il lavoro di ricostruzione degli antichi muri a secco del parco esterno al fabbricato, riportando alla luce i due bastioni in pietra che ora sono illuminati con luci a led, il ripristino dei terrazzamenti e dei muri a secco, e il reimpianto delle viti, la collina risulta ordinata ed accogliente.

Gallery

Scheda completa al 100%
Arricchisci o modifica questa scheda

Esiste già una scheda per questo luogo?
Segnalaci se questa scheda è un duplicato.

I contenuti di questa scheda sono generati dagli utenti e non riflettono un giudizio del FAI sul luogo.
Il FAI non è responsabile dell’eventuale violazione di copyright delle immagini pubblicate.
Contenuti impropri e utilizzi non corretti delle immagini possono essere segnalati a: iluoghidelcuore@fondoambiente.it.

Materiali di raccolta voti

Aiuta il tuo luogo del cuore a scalare la classifica: invita i tuoi amici e conoscenti a votarlo e raccogli tu stesso i voti. Il tuo gesto può fare la differenza. Scarica i materiali personalizzati, attiva i tuoi contatti e coinvolgi il tuo territorio: più numerosi saranno i voti, più il FAI riuscirà a portare questo luogo all’attenzione locale e nazionale. Comincia ora!
Questo luogo è stato votato anche nel:
Censimento 2018

8,375° Posto

10 Voti
Censimento 2016

4,748° Posto

13 Voti
Censimento 2014

2,079° Posto

15 Voti
Censimento 2012

3,488° Posto

4 Voti
Censimento 2010

988° Posto

6 Voti
Censimento 2003

381° Posto

4 Voti

Vota altri luoghi vicini

8,765°
14 voti

Palazzo storico, dimora storica

PALAZZO CIOJA PATER NOSTRO

GUSSAGO, BRESCIA

2,103°
64 voti

Chiesa

PIEVE DI SANTA MARIA VECCHIA (CHIESA DEI MORTI)

GUSSAGO, BRESCIA

5,353°
23 voti

Palazzo storico, dimora storica

VILLA TOGNI GIÀ AVEROLDI

PIAZZA, BRESCIA

Vota altri luoghi simili

32,027 voti

Ferrovia storica, ferrovia

CUNEO-VENTIMIGLIA-NIZZA: LA FERROVIA DELLE MERAVIGLIE

VENTIMIGLIA, CUNEO

31,653 voti

Palazzo storico, dimora storica

CASTELLO E PARCO DI SAMMEZZANO

REGGELLO, FIRENZE

19,678 voti

Ponte

PONTE DELL'ACQUEDOTTO

GRAVINA IN PUGLIA, BARI

Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

SANTISSIMA

GUSSAGO, BRESCIA

Condividi
SANTISSIMA
Posto sul colle denominato Barbisone, a dominio dell’abitato di Gussago, fin dal medioevo l’ex complesso domenicano della Santissima caratterizza il paesaggio di questo lembo di Franciacorta. L’esistenza di una chiesa rurale nel territorio di Gussago è attestata da un’indulgenza emanata nel 1460 da Papa Pio II “pro loco Trinitatis Gussagi” informato che, i Gussaghesi si erano messi all’opera per restaurare la piccola chiesa posta sul colle. Si tratta di una “chiesa civica” nata fuori dall’influenza dei grandi poteri monastici. Una decorazione quattrocentesca testimonia la presenza della stessa negli anni precedenti, si intravede una Madonna in trono gotico che tiene in braccio Gesù, affiancata da un vescovo e da S. Bernardino da Siena che tende verso di lei la tavoletta con raggi d'oro con il trigramma YHS. Tale nuova iconografia venne proposta nel 1423, questo significa che a quel tempo la chiesa esisteva già. Con bolla di Papa Sisto IV nel 1479 è affidata all’ordine dei frati Domenicani che costruirono il convento e i locali per i contadini. Per più di tre secoli il convento gussaghese ha avuto la funzione di presenza religiosa e di centro di rifornimento per il convento della città. Analizzando la struttura della chiesa si suppone l’esistenza di un edificio romanico, di semplice fattura costituito da un’unica navata. In seguito alla rivoluzione del 1797, nella quale Brescia si staccò dalla Serenissima, il convento venne assegnato all’ospedale maggiore di Brescia. La Santissima nel 1823 viene acquistata dal miniaturista Giovanbattista Gigola che la condivideva con gli amici Basiletti e Inganni. Gigola incaricò Vantini della trasformazione dell’austero convento domenicano conferendogli le caratteristiche di un fabbricato del primo ottocento. Nel 1857, venne acquistata dal nobile Paolo Richiedei, mecenate di artisti e letterati. Per parecchi anni il “castello” fu lasciato in uso di abitazione all’artista Angelo Inganni e a sua moglie Amanzia Guerilot. Essi decorarono la struttura esternamente ed internamente, traendo da questo luogo, l’ispirazione per la loro pittura paesaggistica. La Santissima rientra nella gestione dell’ingente patrimonio del Paolo Richiedei,, il quale con il suo testamento del 1860 lega il castello all’Opera Pia Richiedei, disponendo l’edificazione di un “Ospedale” e di una “Casa di Ricovero”, nel Comune di Gussago, ai piedi della Santissima. Durante la guerra, l'immobile ha ospitato famiglie di sfollati e poi fino al 1965 fu occupato da famiglie di piccoli agricoltori, che divisero le sale con tramezze e ridussero la chiesa a deposito di fieno e arnesi e per un periodo vi allevarono animali. Lo stabile è rimasto poi abbandonato per molti anni. Solo nel 1990-91, su sollecitazione della Soprintendenza, è stato riparato il tetto crollato e consolidata la struttura. Nel 1994 sono iniziate le visite guidate. Nel 2003 viene inaugurato il Periplo ai piedi della Santissima, e si riscopre l’antica tradizione di Pasquetta sui prati circostanti. Nel 2006 è stato istituito il Parco della Santissima con punti di sosta e punti panoramici che permettono di godere il paesaggio che si apre sulla Franciacorta e passeggiare a pochi metri dal “castello”. Nel 2010 è stato acquistato dal Comune di Gussago. Da alcuni anni viene tenuto in ordine dal Gruppo Sentieri Gussago Volontari Protezione Civile che si occupa anche della pulizia e della manutenzione del Parco. Dall’ottobre 2016 i volontari del Gruppo Sentieri, sotto la guida di operatori esperti, hanno iniziato il lavoro di ricostruzione degli antichi muri a secco del parco esterno al fabbricato, riportando alla luce i due bastioni in pietra che ora sono illuminati con luci a led, il ripristino dei terrazzamenti e dei muri a secco, e il reimpianto delle viti, la collina risulta ordinata ed accogliente.
Campagne in corso in questo luogo
Storico campagne in questo luogo
I Luoghi del Cuore
2003, 2010, 2012, 2014, 2016, 2018
Registrati alla newsletter
Accedi alle informazioni per te più interessanti, a quelle inerenti i luoghi più vicini e gli eventi organizzati

Regalati 365 giorni di arte e cultura nell'Italia più bella, risparmiando.

Scopri tutte le convenzioni riservate agli iscritti

Tutto questo non sarebbe possibile senza di te
Tutto questo non sarebbe possibile senza di te